aiuti-ai-media-il-governo-chiede-di-respingere-due-mozioni
Una manifestazione del 2011 (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

In Svizzera più contagi ma ricoveri stabili e meno decessi

Continua a scendere il tasso di riproduzione del virus, oggi a 1,12. Rispetto a lunedì scorso, circa 4’000 casi in più ma stesso numero di ricoveri
Svizzera
2 ore

Scuola reclute invernale al via tra severe misure di protezione

Parte dei militi verrà istruita da casa nelle prime 3 settimane. L’entrata in servizio è preceduta da un test Covid. Aumenta la quota di donne
Svizzera
9 ore

Stadler si aggiudica la commessa più importante della sua storia

Il costruttore ferroviario turgoviese ha siglato un contratto che potrà raggiungere i 4 miliardi di euro per un consorzio austro-tedesco
Svizzera
9 ore

Violò quarantena, lascia il presidente del CdA di Credit Suisse

António Horta-Osório, in carica da meno di un anno, non aveva rispettato gli obblighi di quarantena al rientro da un viaggio all’estero
Svizzera
23 ore

Appesero lo striscione ‘Kill Erdogan’, da martedì a processo

I quattro imputati, chiamati a presentarsi davanti alla giustizia bernese, nel 2017 protestarono durante una manifestazione per la democrazia in Turchia
Svizzera
23 ore

Grigioni, sciatore 23enne muore a Grüsch

Il giovane si era avventurato con un amico in una zona ripida e boscosa attorno alle 22.30 di sabato. È stato trovato senza vita nel Pendlatobel
Svizzera
1 gior

Appenzello Esterno: si addormenta in auto e finisce sui binari

Il giovane, un 22enne, era ubriaco. Nessuno è rimasto ferito ma i danni sono ingenti, ha comunicato oggi la polizia cantonale
Svizzera
1 gior

Grigioni, automobilista ubriaco causa incidente

Il fatto è successo stamattina a Coira. Un allievo conducente ha perso il controllo del suo veicolo uscendo da una rotatoria
Svizzera
1 gior

Sostegno ai media, diverse personalità si attivano per il ‘sì’

Sono oltre 100 i personaggi che hanno accolto ‘l’Appello urgente’ per una democrazia non fatta solo di opinioni, ma anche di conoscenze
Svizzera
1 gior

Cassis a Berlino per incontrare Scholz, Baerbock e Steinmeier

Il presidente della Confederazione giovedì sarà in Germania per dialogare con i vertici del Governo tedesco
01.05.2020 - 18:400
Aggiornamento : 21:29

Aiuti ai media, il governo chiede di respingere due mozioni

Il Consiglio federale ha appena varato un pacchetto di sostegno che va nella direzione auspicata dalle commissioni delle telecomunicazioni di Nazione e Stati

Berna - I media svolgono un ruolo importante per la democrazia. Pur essendo cosciente della situazione difficile in cui si trovano, il Governo raccomanda al Parlamento di respingere le mozioni depositate dalle commissioni delle telecomunicazioni di Nazionale (CTT-N) e Stati (CTT-S). L'esecutivo preferisce che le Camere federali approvino un suo pacchetto di misure in tal senso.

Per garantire la sopravvivenza di giornali, radio e tivù, le commissioni delle telecomunicazioni, chiedono un aiuto transitorio della Confederazione di circa 65 milioni di franchi. Una prima mozione - approvata con 12 voti a 10 e 2 astensioni dalla CTT-N e a larga maggioranza dalla CTT-S - chiede di sostenere l'agenzia di stampa Keystone-ATS affinché sia in grado di diffondere gratuitamente ai suoi abbonati nelle tre lingue i suoi testi del servizio di base.

La mozione prevede inoltre lo stanziamento dei mezzi necessari per l'invio gratuito dei giornali regionali e locali da parte della Posta (circa 25 milioni) e una riduzione del prezzo per il recapito degli altri quotidiani (10 milioni).

La seconda mozione auspica che le emittenti radiotelevisive locali e regionali vengano sostenute con 30 milioni in più rispetto al 2019. Questo aiuto d'emergenza può essere erogato attingendo alla riserva di fluttuazione del canone radiotelevisivo già presente.

Sostegno a tutti i media

Stando al Consiglio federale, il pacchetto governativo offre un aiuto a tutti i tipi media (stampa, radio, televisione, online). Le misure puntano a un miglioramento delle condizioni quadro a lungo termine. Costituiscono, secondo l'esecutivo, una risposta alla crisi strutturale dei media e sono più mirate e durevoli rispetto alle misure immediate chieste dal Parlamento.

Una volta che le Camere avranno adottato le proposte governative, il Consiglio federale si occuperà con la massima priorità della loro attuazione, si legge nella risposta odierna pubblicata dai servizi parlamentari. Secondo l'esecutivo, è ipotizzabile un'entrata in vigore scaglionata nel tempo così che soprattutto il potenziamento della promozione indiretta della stampa (soppressione del limite massimo della tiratura e del criterio di edizione locale con propria testata) possa essere attuato in modo relativamente rapido.

Il Consiglio federale ricorda che i media possono utilizzare i crediti senza interessi o a tassi d'interesse favorevoli e garantiti dalla Confederazione. Ciò garantirà la liquidità a breve termine. In aggiunta a ciò, l'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) ha già anticipato il versamento di parte del canone radiotelevisivo.

Non cambiare destinazione fondi

Per quanto riguarda le radio e le televisioni private, il Consiglio federale riconosce la loro importanza, soprattutto nel periodo della crisi del Coronavirus, come chiede la seconda mozione. Il Governo ricorda tuttavia che ha deciso di creare una riserva unica per gli scostamenti dalla pianificazione, il cui unico scopo è "di compensare eventuali riduzioni dei ricavi dovute alle ipotesi di pianificazione inerenti al calcolo delle tariffe per economie domestiche e imprese". A suo avviso, non è opportuno cambiare la destinazione dei fondi.

Nel ripartire i ricavi provenienti dal canone radiotelevisivo per gli anni 2021 e 2022, il Consiglio federale ha già tenuto conto dell'evoluzione prevista del mercato. Il Governo è oltretutto dell'avviso che occorra evitare di ricorrere, ogni qualvolta possibile, alla legislazione d'emergenza, in particolare se questa è basata direttamente sulla Costituzione. Ritiene importante un cauto ritorno alla normalità.

A suo avviso, un'attuazione della mozione potrebbe rischiare di causare un aumento del canone radiotelevisivo al prossimo esame delle sue tariffe.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved