coronavirus-appello-di-caritas-al-consiglio-federale
Appello alle autorità federali nei giorni dell'emergenza sanitaria (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
34 min

‘In Ucraina le infrastrutture di base sono duramente colpite’

Guerra, emergenza umanitaria, ricostruzione: intervista a Martin Schüepp, Direttore delle Operazioni del Comitato internazionale della Croce Rossa
Svizzera
14 ore

Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi

Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
14 ore

Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’

L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
18 ore

Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso

La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
19 ore

Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%

Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
20 ore

Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali

Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
1 gior

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
1 gior

‘L’addio ai Tiger è prematuro’

È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
29.04.2020 - 09:37
Ats, a cura de laRegione

Coronavirus, appello di Caritas al Consiglio federale

Pagamento diretto una tantum di 1'000 franchi per famiglie e persone singole con un reddito inferiore al livello che dà diritto a prestazioni complementari

Le misure di sostegno messe in atto dal Consiglio federale per far fronte all'emergenza coronavirus presentano gravi lacune poiché non tengono in debita considerazione le persone con i redditi più bassi e quelle che vivono in condizioni di povertà in Svizzera. In occasione della sessione straordinaria, Caritas Svizzera invita il Consiglio federale e il Parlamento a tenere conto della difficile situazione di questa categoria e a definire un programma di aiuti per i soggetti indigenti. Il punto cardine di tale programma deve essere costituito da pagamenti diretti una tantum destinati alle persone a basso reddito e ai gruppi emarginati.

"Chi vuole riconoscere gli effetti più gravi della crisi da coronavirus, deve guardare prima di tutto alle persone bisognose e al ceto medio-basso" scrive Caritas Svizzera nel suo appello al Parlamento e al Consiglio federale pubblicato in data odierna. Secondo Caritas, le persone indigenti e coloro che vivono appena al di sopra della soglia di povertà non dispongono delle risorse finanziarie né delle capacità di resilienza per far fronte alla crisi. L'emergenza ha peggiorato drasticamente le loro condizioni di vita e ne ha aumentato l'emarginazione. "La gente che prima riusciva a malapena a sostenersi da sola, ora rischia di cadere nella povertà."

Il pacchetto di misure del Consiglio federale presenta una grave lacuna proprio per questo gruppo, con conseguenze drammatiche per le persone colpite dalla crisi: ancora una volta, coloro che nel nostro Paese hanno poco denaro e sono costretti a contare ogni centesimo vengono lasciati a mani vuote. Caritas Svizzera invita il Consiglio federale e il Parlamento a elaborare un programma di sostegno per le persone e le economie domestiche a basso reddito. Un milione di persone in Svizzera sono vittime della povertà o esposte a tale rischio. Caritas propone un pagamento diretto una tantum di 1'000 franchi da destinare alle famiglie e alle persone singole con un reddito inferiore al livello che dà diritto alle prestazioni complementari. Il costo di queste misure ammonta a un miliardo di franchi. "Rispetto al pacchetto di oltre 60 miliardi di franchi già emanato, si tratta di un modesto investimento nella stabilità sociale della Svizzera" scrive Caritas nel suo appello. Ogni franco a sostegno delle persone in difficoltà rappresenta allo stesso tempo un introito per i lavoratori indipendenti e per l'economia. Tra le altre misure del programma di contributi richiesto da Caritas vi sono posti di asilo nido gratuiti, un aumento del 50 per cento della riduzione dei premi della cassa malati da parte della Confederazione e dei Cantoni e indennità per il lavoro ridotto che non prevedono alcuna riduzione della retribuzione per i redditi bassi, bensì il mantenimento del 100 per cento del salario.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved