scandalo-fifa-processo-a-valcke-fissato-per-settembre
Jérôme Valcke, ex segretario generale della FIFA (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Ventenne al volante ubriaco e senza patente, era recidivo

La polizia friburghese ha sequestrato la macchina. Il giovane sarà denunciato al Ministero pubblico.
Svizzera
9 ore

Vaiolo delle scimmie: primo caso in Svizzera

Si tratta di una persona residente nel canton Berna che è stata esposta al virus all’estero
gallery
Svizzera
11 ore

Basilea, polizia disperde gli oppositori di un raduno Udc

Le forze dell’ordine hanno cercato di tenere lontani dallo stand del partito politico i dimostranti del gruppo ‘Basel Nazifrei’
Svizzera
13 ore

Bancomat fatto esplodere nel Giura bernese

I malviventi sono fuggiti in auto. L’ammontare della refurtiva non è ancora noto.
gallery
Svizzera
15 ore

Grigioni, camminata di protesta contro il World economic forum

Polizia e organizzatori si aspettavano maggiore affluenza. In programma altre manifestazioni in varie città svizzere
Svizzera
16 ore

Schianto contro il portale della galleria, muore automobilista

L’incidente è avvenuto a Küttigen, nel canton Argovia. Il veicolo ha preso fuoco subito dopo lo schianto.
gallery
Svizzera
17 ore

Scontri a Zurigo per una manifestazione contro il Wef

L’appello a scendere in piazza ieri per opporsi al World economic forum era stato lanciato su internet
commercio al dettaglio
22 ore

Princìpi e realtà, la Migros a un bivio

I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
1 gior

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
1 gior

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
1 gior

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
Svizzera
1 gior

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili
Svizzera
1 gior

La sfida ora è scolarizzare i 12mila giovani profughi ucraini

Emergenza Ucraina, Karin Keller-Sutter traccia un bilancio dell’accoglienza svizzera. Attese 10mila persone ogni mese
Svizzera
1 gior

Wef, più sicurezza a ‘impatto zero’ sulle finanze federali

Il cambio di stagione del Forum economico di Davos comporta nuove mansioni in fatto di sorveglianza. Ma senza ulteriori aggravi
Svizzera
1 gior

Gestione della pandemia: sia ancora Berna a occuparsene

Contro al parere del Consiglio federale, per i Cantoni a intervenire con misure appropriate in caso di necessità dovrebbe essere la Confederazione
Svizzera
1 gior

Controllo delle finanze, c’è margine per migliorare

Nel suo ultimo rapporto, il direttore Michel Huissoud si toglie qualche sassolino: ‘Berna più presente all’estero che sulle faccende interne’
Svizzera
1 gior

Elettricità, nel 2023 bolletta più salata (almeno) del 20%

Secondo un primo sondaggio, per un alloggio di 5 locali l’anno prossimo si pagheranno all’incirca 180 franchi in più
Svizzera
2 gior

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
2 gior

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
2 gior

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
2 gior

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
2 gior

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
28.04.2020 - 15:33
Aggiornamento : 18:25

Scandalo Fifa, processo a Valcke fissato per settembre

Al centro della vicenda vi è una lussuosa villa in Sardegna, ma anche in questo caso il rischio di prescrizione è sempre più elevato

Ats, a cura de laRegione

Il Tribunale penale federale (TPF) ha fissato al prossimo 14 settembre il processo nei confronti di Jérôme Valcke, ex segretario generale della FIFA, Nasser Al-Khelaifi, presidente del Paris Saint-Germain e direttore di BeIN Media Group, nonché di un terzo uomo d'affari. I tre sono accusati di essere coinvolti nello scandalo dei diritti di trasmissione per diversi mondiali di calcio e altri eventi. Al centro della vicenda vi è una lussuosa villa in Sardegna, ma anche in questo caso - come già avvenuto ieri in un altro procedimento che riguardava la FIFA - il rischio di prescrizione è sempre più elevato.

Il francese Valcke è accusato di corruzione passiva, ripetuta amministrazione infedele qualificata e falsità in atti, mentre l'imprenditore qatariota e il terzo uomo d'affari coinvolto nella vicenda - di cui non vengono fornite le generalità - sono accusati di istigazione all'amministrazione infedele qualificata, commessa dall'ex segretario generale della FIFA. All'ultimo imputato, che opera nell'ambito dei diritti nel mondo dello sport, viene inoltre contestato il reato di corruzione attiva. Il procedimento penale è stato aperto nel marzo 2017.

Al-Khelaifi, che è anche fondatore e presidente del consiglio di amministrazione del gruppo televisivo del Qatar BeIN Media, è accusato di aver concesso vantaggi illeciti a Valcke in cambio di favori legati ai diritti televisivi.

Quella villa in Sardegna

I fatti riguardano una controversa operazione relativa a una villa in Sardegna. Valcke avrebbe accettato vantaggi senza comunicarli alla FIFA, violando così i suoi doveri e procacciandosi un indebito profitto. Avrebbe inoltre falsificato i bilanci della sua azienda, la Sportunited, contabilizzando tre pagamenti sospetti come prestiti.

"I rimproveri relativi alla corruzione attiva e passiva sono dovuti al fatto che, tra il 2013 e il 2015, Valcke ha esercitato la sua influenza in qualità di segretario generale della FIFA per influire sulle procedure di aggiudicazione di diritti di trasmissione per l'Italia e la Grecia per diversi mondiali di calcio e FIFA Confederations Cup nel periodo tra 2018 e il 2030 a favore di partner mediatici che godevano del suo favore", aveva indicato lo scorso febbraio il Ministero pubblico della Confederazione (MPC), promuovendo le accuse contro i tre. In cambio, il terzo imputato ha promesso ed erogato a Valcke i tre pagamenti sotto indagine per un valore complessivo di 1,25 milioni di euro (oltre 1,3 milioni di franchi).

La vicenda nel dettaglio

Dalle indagini è emerso che Valcke - allora segretario generale della Federazione internazionale di calcio - ha ricevuto vantaggi indebiti da entrambi gli altri due coimputati senza avvisare la FIFA: al funzionario francese è stato restituito un acconto di circa 500'000 euro (oltre 530'000 franchi) da lui versato a terzi per una villa in Sardegna. Al-Khelaifi - tramite una società - aveva acquistato la proprietà al posto di Valcke.

In seguito, lo stesso Valcke ha ottenuto dal magnate qatariota il diritto esclusivo di godimento della villa sarda per 18 mesi (fino alla sua sospensione dalla FIFA). Il funzionario francese, secondo le stime, avrebbe però dovuto pagare una pigione - mai versata - tra 900'000 e 1,8 milioni di euro (tra 950'000 e 1,9 milioni di franchi circa). Il terzo imputato ha così versato all'azienda Sportunited di Valcke tre pagamenti per un totale di 1,25 milioni di euro, che l'ex funzionario ha fatto figurare nei bilanci come prestiti.

La Guardia di Finanza di Sassari, nell'ottobre 2017, aveva sequestrato a una società immobiliare internazionale "Villa bianca", una lussuosa residenza di Porto Cervo sulla Costa Smeralda, nel nord della Sardegna, che già allora si sospettava essere usata per corrompere Valcke. Il valore complessivo si aggirerebbe attorno ai sette milioni di euro (poco meno di 7,5 milioni di franchi)

FIFA accusa, ma poi ritira parzialmente querele

"La base di questo procedimento penale avviato a marzo 2017 e condotto in stretta collaborazione con l'Ufficio federale di polizia (fedpol) era anche una querela della FIFA pervenuta a dicembre 2016 per corruzione privata contro tutti e tre gli imputati", rende noto l'MPC. In seguito a un ultimo interrogatorio svolto dalla procura nel dicembre 2019 - e all'annuncio di aver promosso delle accuse contro i tre indagati - la Federazione calcistica ha comunicato in gennaio di aver raggiunto un accordo amichevole con Al-Khelaifi.

Non solo, la FIFA ha anche ritirato la sua querela contro il presidente del PSG e in parte anche contro Valcke: "Il ritiro riguarda i rimproveri di corruzione attiva e passiva tra Al-Khelaifi e Valcke relativi all'aggiudicazione di diritti di trasmissione per i mondiali di calcio 2026 e 2030 nonché per ulteriori eventi della FIFA nello stesso periodo per la regione Medio Oriente e Africa del Nord, in cambio della concessione dei vantaggi sopraccitati legati alla villa in Sardegna", aveva annunciato in febbraio la procura federale.

Il caso si è così sgonfiato, poiché in mancanza di una querela di parte in merito a corruzione di privati, l'MPC è costretto ad abbandonare il procedimento in relazione a questo sospetto.

Il ritiro parziale, però, non riguarda i rimproveri di corruzione attiva e passiva tra Valcke e il terzo imputato, che vengono ora contestati. Inoltre, il ritiro parziale non ha alcuna ripercussione sul procedimento penale legato ai reati perseguibili d'ufficio, ossia i sospetti di amministrazione infedele, istigazione all'amministrazione infedele e falsità in atti, ora contestati dall'MPC.

Rischio prescrizione

Nell'ambito di questo procedimento penale vi è però il rischio di prescrizione, a causa di vari rinvii e tentativi di posticipi. Solo settimana scorsa il TPF ha respinto tre domande di ricusazione contro altrettanti membri della Procura federale inoltrate da Nasser al-Khelaifi.

L'MPC lo scorso febbraio aveva deciso di promuovere comunque l'accusa, poiché nell'ultimo trimestre 2020 vi sarà la prescrizione del procedimento penale di singoli fatti. Il TPF ha deciso oggi che il processo non si terrà prima del prossimo 14 settembre. Al momento, dunque, il rischio di prescrizione è sempre più alto.

Ieri in prescrizione il caso 'Germania 2006'

Solo ieri è finito in prescrizione, dopo anni di rinvii e tentennamenti, il controverso caso della FIFA riguardo a presunti reati commessi a margine dell'organizzazione della Coppa del mondo di calcio del 2006 in Germania.

Alla sbarra ci sarebbero dovute essere quattro persone con vari capi di accusa per un controverso prestito di 6,7 milioni di euro (circa 10 milioni di franchi con il cambio di allora). Horst Rudolf Schmidt, ex segretario generale della Federazione di calcio tedesca (DFB), Theo Zwanziger, ex presidente dell'associazione, e l'ex segretario generale della FIFA, lo svizzero Urs Linsi, erano accusati di truffa, mentre Wolfgang Niersbach, ex presidente della DFB, di complicità nella truffa. La prescrizione, per questo genere di reati, è di 15 anni.

L'atto d’accusa era stato depositato presso il Tribunale penale federale nell’agosto 2019 e da allora, scrive il Tpf, "il Tribunale ha agito con celerità, anche in vista dell’imminente prescrizione". Ciò nonostante "le circostanze procedurali e le prescrizioni in materia sanitaria a seguito della pandemia, ma non carenze nella gestione del processo in seno al Tribunale penale federale, hanno fatto sì che il procedimento non si possa concludere con una sentenza di merito e che lo stesso – dopo aver garantito alle parti il diritto di essere sentite previsto dalla legge – si avvii verso una decisione di abbandono". 

Del caso si era occupata anche la giustizia in Germania. I tre tedeschi facevano parte del comitato per la Coppa del Mondo del 2006, in cui vi era anche l'ex stella del calcio Franz Beckenbauer. La posizione del leggendario difensore, allenatore e dirigente è stata disgiunta per essere giudicata separatamente, a causa del suo stato di salute.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved