laRegione
Nuovo abbonamento
berna-bacchetta-il-ticino-chiusura-generalizzata-illegale
Martin Dumermuth (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 min

Ancora in agitazione gli infermieri degli ospedali universitari di Ginevra

Il consigliere di stato Mauro Poggia sollecitato a intervenire presso la direzione nella vertenza sugli orari di lavoro
Svizzera
56 min

Col motorino sulla corsia d'emergenza

Fermato un giovane senza caso e patente, con untasso alcolemico dello 0,8per mille
Svizzera
3 ore

Coronavirus, 'La strategia in atto è quella giusta'

Martin Ackermann (Task force Covid-19): una seconda ondata può essere evitata con le attuali regole igieniche, mascherine, contact tracing e quarantene
Svizzera
7 ore

A Zurigo i negazionisti del Covid, dimostranti allontanati

Mentre a Londra analoga protesta termina con trentadue arresti
Svizzera
1 gior

Il tribunale vallesano sconfessa Sion sul lupo

Nel 2018 il Consiglio di stato aveva rilasciato un'autorizzazione per l'abbattimento di un esemplare. Accettato il ricorso ambientalista
Svizzera
2 gior

Consiglio federale contro le Camere sulle pigioni ridotte

Pronto il disegno di legge che consente agli esercizi commerciali di pagare il 40% degli affitti durante il lockdown
Svizzera
2 gior

Prete invia foto di un pene 'per sbaglio' e si dimette

Il sacerdote afferma di aver spedito 'involontariamente' un'immagine di un uomo nudo col pene eretto alla segretaria parrocchiale. Avviata un'inchiesta
Svizzera
2 gior

Coronavirus in Svizzera, 488 nuovi casi e tre decessi

Dall'inizio della pandemia il totale delle persone infette sale a 49'283, 1'765 il numero complessivo delle vittime
Svizzera
2 gior

Lavoro (e riposo), il Consiglio federale mette i puntini sulle 'i'

Disposta la modifica dell'ordinanza. Per i viaggi di servizio, andata e ritorno valgono come ore di attività, anche se non si fa nulla
Svizzera
23.03.2020 - 14:190
Aggiornamento : 16:21

Berna bacchetta il Ticino: 'Chiusura generalizzata illegale'

Per la Confederazione lo stop generalizzato alle aziende non essenziali non è conforme al diritto superiore. Il divieto di fare spesa per gli anziani, sì

La chiusura generalizzata delle aziende non essenziali decisa sabato dal Ticino per combattere il coronavirus è contraria al diritto superiore. E, in particolare, di quanto stabilito dall'ordinanza del Consiglio federale. Indi la misura ticinese non è di principio ammessa dalla Confedarazione. A dirlo è Martin Dumermuth direttore dell'Ufficio federale di giustizia parlando alla stampa. «Stiamo comunque cercando una soluzione assieme al cantone», ha aggiunto. Sul divieto di recarsi a fare spesa per gli over-65 e chi è a rischio, la posizione di Berna è più sfumata: «Da quanto ho capito, non si tratta di un divieto generale e la stessa ordinanza del governo svizzero specifica che i gruppi a rischio e gli anziani devono di preferenza stare a casa», ha commentato Dumermuth. Indi: la misura ticinese non è censurabile. «Lo sarebbe se si trattasse di un divieto assoluto».

Serrata illegale

«Secondo l'ordinanza del Consiglio federale, i cantoni hanno autonomia decisionale su tutto quanto non ha ancora stabilito la Confederazione». Questo non è il caso per quanto riguarda la chiusura delle aziende, visto che Berna ha deciso che tutte le imprese di cui non è stata disposta la chiusura possono tenere aperto a patto di garantire le misure d'igiene e di distanza sociale. «Ai cantoni è data facoltà di chiudere singole aziende dove è dimostrato che le misure non possono essere rispettate», ma non di chiuderle tutte di principio.

«Abbiamo comunicato chiaramente la nostra posizione al Ticino e con loro stiamo discutendo per trovare una soluzione – ha aggiunto Dumermuth -. Il problema non è solo giuridico, però». La chiusura delle aziende, ha fatto capire il capo dell'Ufficio federale di giustizia, potrebbe generare conseguenze per quanto riguarda il lavoro ridotto.

Crescono i contagi in Svizzera

Intanto anche in Svizzera continuano a crescere i casi conclamati di coronavirus: siamo a quota 8'000 test positivi e 70 morti, ha fatto sapere il direttore della Divisione malattie trasmissibili Daniel Koch. «Nei prossimi giorni procederemo a un'analisi precisa di questi dati per capire cosa ci attendiamo in futuro». Koch si è pure espresso sulla crescente pressione ad aumentare il numero di test effettuati sulla popolazione. «Dobbiamo rimanere su questa strategia. Già oggi effettuiamo 6'000 test al giorno ed è già un ritmo elevato. Se dovessimo farne di più, il materiale non basterebbe e il pericolo sarebbe di non riuscire a individuare i casi particolarmente sensibili da isolare».

E sull'ipotesi di bloccare le esportazioni di test da parte di Roche, Koch ha aggiunto: «Una parte del è prodotto qui, e un'altra altrove. Per cui è difficile bloccarli in una nazione. Il nostro obiettivo è comunque innalzare la quantità di materiale».

© Regiopress, All rights reserved