frontiera-parzialmente-chiusa-opzione-sul-tavolo
Keystone
Simonetta Sommaruga (di spalle)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’

La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
3 ore

Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’

Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
4 ore

Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere

Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
6 ore

Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla

La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
6 ore

Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto

Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
Svizzera
6 ore

La carenza di maestri è arrivata anche nei Grigioni

La parte italofona è riuscita a trovare delle soluzioni grazie a insegnanti provenienti da Ticino e Italia
Svizzera
1 gior

Statuto S: per gli aiuti si terrà conto di salario e patrimonio

Le raccomandazioni sono state adeguate dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali
Svizzera
1 gior

Furti con scasso a Silvaplana e Müstair

La Polizia cantonale grigionese chiede alla popolazione di segnalare eventuali persone sospette
Svizzera
1 gior

Genitori multati per aver fatto saltare la scuola alla figlia

È successo nel Canton Zurigo. La famiglia ha fatto iniziare le vacanze estive della bambina tre settimane in anticipo
Svizzera
1 gior

Impianti di risalita: la stagione estiva si conferma molto buona

In Ticino, però, si registra una diminuzione dell’affluenza rispetto all’anno scorso
Svizzera
1 gior

Ubriaco rimane bloccato con l’auto su un ponticello pedonale

Ha dichiarato di aver preso una scorciatoia per rincasare. Gli è stata rilevata un’alcolemia dell’1,4 per mille
Svizzera
1 gior

Il clima obbliga la viticoltura vallesana a ripensarsi

Siccità e temperature elevate, oppure gelo e piogge abbondanti: gli eventi estremi mettono a dura prova il settore. Studi in corso, il Cantone investe
Svizzera
1 gior

Stelle cadenti, venerdì notte il clou dello spettacolo

A Sud delle Alpi le nuvole potrebbero ostacolare l’osservazione. La luminosità della Luna potrebbe offuscare le Perseidi meno appariscenti
Svizzera
1 gior

Si scioglie il ghiaccio, il passo riaffiora dopo 2’000 anni

Il passo del Tsanfleuron, piccola porzione di terra che collega Vaud e Vallese a quota 2’800 metri, è riemerso dai ghiacci e tornato parzialmente sgombro
Svizzera
1 gior

Le associazioni padronali: tre ‘sì’ e un ‘no’ il 25 settembre

A esprimersi oggi sulle prossime votazioni quattro associazioni economiche. Il ‘no’ riguarda l’iniziativa sull’allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

L’aumento dei tassi non sta impattando il mercato degli alloggi

Lo rilevano gli economisti di Raiffeisen. I tassi più alti influenzano invece le scelte delle modalità di finanziamento per acquisti o rinnovi di mutui
Svizzera
1 gior

Statuto S: raggiunta la soglia di 60mila

Attese tra le 80mila e le 120mila richieste per quest’anno da parte di rifugiati ucraini
Svizzera
1 gior

Mosca: ‘La Svizzera non può rappresentare Kiev’

Secondo la Russia la Confederazione ha smesso di essere neutrale aderendo alle sanzioni
Svizzera
1 gior

Bancomat fatto esplodere nel Canton Soletta

È successo la scorsa notte a Nuglar, un villaggio a pochi chilometri da Basilea. I residenti dell’edificio sono stati evacuati
Svizzera
1 gior

La Svizzera importerà 1’000 tonnellate di burro in più

Ad oggi la produzione di latte è inferiore alle aspettative e la maggior parte viene impiegata per produrre formaggio
Svizzera
2 gior

I due centauri morti sul Bernina erano sposati da un mese

Stavano scendendo dal passo con un maxi scooter quando sono stati travolti da due auto
Svizzera
2 gior

Boom dei costi, i contadini: alzare i prezzi di pane e latte

I produttori di cereali e latte chiedono aumenti di pochi centesimi dei prezzi al dettaglio per compensare il boom milionario dei costi di produzione
Svizzera
2 gior

Svizzeri e viaggi: Edelweiss fa il record di passeggeri

La compagnia svizzera specializzata in voli per vacanzieri ha fatto registrare il più alto numero di passeggeri trasportati in un mese nella sua storia
11.03.2020 - 22:25

Frontiera (parzialmente) chiusa? Opzione sul tavolo

Il Consiglio federale va avanti per la sua strada. Ma non esclude ulteriori misure. Sigillati nove valichi minori fra Ticino e Italia.

"Non facciamo confusione", ha tagliato corto Christian Bock, direttore dell'Amministrazione federale delle dogane (Afd). La chiusura di nove piccoli valichi tra Ticino e Italia - annunciata ieri mattina in una conferenza stampa a Berna - "non è una chiusura parziale della frontiera, ma una misura tecnica che serve a incanalare il flusso dei frontalieri verso i grandi valichi di confine". "Da un punto di vista prettamente epidemiologico, non ha senso chiudere le frontiere. Il virus è già qui: il ridotto nazionale contro di esso non funziona", gli ha fatto eco Patrick Mathys dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). Insomma: le cifre impressionano (645 casi positivi al test, 154 più di martedì, di cui 128 confermati in Ticino; quattro morti in tutto il Paese); alcuni parlamentari ticinesi chiedono la chiusura parziale della frontiera con l'Italia; lo stesso fanno vari specialisti (come il dottor Andreas Cerny, direttore dell’Epatocentro Ticino e medico alla Clinica Moncucco); il Consiglio di Stato ticinese tira in ballo la Legge sulle epidemie, invocando tra l'altro controlli sanitari alla frontiera. E cosa risponde il Consiglio federale? No.

'No' per ora. Le cose potrebbero infatti cambiare. Anche presto. A seconda degli sviluppi, la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga non ha escluso l'adozione di provvedimenti inizialmente non previsti. La chiusura delle frontiere? Fa parte delle misure discusse in un incontro con la Deputazione ticinese (vedi sotto), ha affermato. Per "molto speciale e molto difficile" che sia la situazione in Ticino, nessuna decisione al riguardo è stata presa. Le misure devono avere un effetto e la protezione della popolazione ha la massima priorità, ha puntualizzato la consigliera federale. I controlli sanitari alla frontiera (obbligo di presentare un certificato medico, sottoporsi a visite mediche, ecc.)? "Analizziamo la situazione con i colleghi ticinesi. È una possibilità che lasciamo aperta", ha detto Patrick Mathys. L'Afd sarebbe pronta ad effettuarli, ha assicurato Bock. L'ordine però lo dove dare l'Ufficio federale della sanità pubblica. E questo non è ancora arrivato.

Quindi: barriere chiuse da subito in nove piccole dogane in Ticino (nei Grigioni e in Vallese si vedrà). Sono i valichi di Pedrinate, Ponte Faloppia, Novazzano Marcetto, San Pietro di Stabio, Ligornetto Cantinetta, Arzo, Ponte Cremenaga, Cassinone e Indemini. Bock ha spiegato che al confine con l'Italia vengono controllate le persone in entrata. si chiede loro il motivo del viaggio in Svizzera. Se la trasferta è effettuata per ragioni non lavorative, viene loro suggerito di tornare in Italia. Il problema: non sussiste alcun obbligo. Al momento manca infatti la base legale. Non manca invece il personale. Almeno per il momento. La cosa potrebbe complicarsi se tutto dovesse durare troppo a lungo, ha detto ancora Bock.

'Proteggere le persone vulnerabili'

Patrick Mathys, ha dal canto suo sottolineato che vanno protette in particolare le persone vulnerabili. Le regole igieniche, ha affermato, sono molto importanti. In caso di sintomi le persone non a rischio non devono correre dal medico e, anzi, provvedere ad un auto-isolamento a casa. Se la situazione dovesse peggiorare, possono consultare il medico in primo luogo per telefono. Un auto-quarantena di cinque giorni è consigliata anche se si è entrati in contatto con un malato confermato di coronavirus. 

Non bisogna sottovalutare la situazione, ha proseguito Mathys, poiché si registrano casi gravi e si dovrà contare con ulteriori decessi. Da un punto di vista epidemiologico il divieto delle grandi manifestazioni per rallentare la diffusione del virus "ha senso", ha affermato il funzionario. Il Consiglio federale dovrebbe decidere venerdì di prorogare la misura in vigore per il momento fino al 15 marzo. 

Faccia a faccia Deputazione/governo

Quasi un'ora di discussione, con ben tre consiglieri federali: la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, il responsabile del dipartimento dell'interno (per l'aspetto sanitario) Alain Berset e quello del dipartimento finanze (dogane) Ueli Maurer. L'incontro si è tenuto su richiesta della Deputazione ticinese (Dt) alle Camere federali. Un faccia a faccia positivo e costruttivo, ha detto al termine ai media Simonetta Sommaruga. Si stanno prendendo in considerazione ulteriori misure, che saranno continuamente adattate. 

A nome della Dt, la presidente Marina Carobbio esprime "soddisfazione per la discussione aperta sui problemi del Ticino". Alla 'Regione' la consigliera agli stati socialista precisa che "tutte le misure vengono valutate attentamente". Carobbio ha riscontrato "grande attenzione e consapevolezza" nei tre consiglieri federali, la cui priorità è "la tutela della salute della popolazione". In questo senso, di primaria importanza è che "il settore sanitario ticinese e svizzero continui a funzionare bene". Soddisfatta pure Greta Gysin. La consigliera nazionale dei Verdi parla di un incontro "utile", con "metà del Consiglio federale" (a riprova del fatto che "il governo è consapevole della situazione del Ticino"). "Abbiamo potuto portare le nostre preoccupazioni e capire quali sono i prossimi passi che si potrebbe dover intraprendere".

Il consigliere nazionale Alex Farinelli (Plr) conferma: "C'è grandissima attenzione da parte del Consiglio federale. Nessuna misura viene esclusa, di ognuna si valutano i pro e i contro, nell'interesse della salute della popolazione e del settore sanitario." "Partiamo dal presupposto che l'epidemia durerà mesi, per cui tutte le misure adottate vanno ben ponderate, affinché non vadano sprecate risorse che sono limitate". Anche per Fabio Regazzi (Ppd) il Consiglio federale è "sensibile e cosciente della gravità della situazione in Ticino". L'esecutivo legge però la situazione "in modo diverso" rispetto a chi invoca una chiusura più o meno rigida delle frontiere. "Il governo segue la sua linea e non vuole lasciarsi condizionare da pressioni esterne." Il consigliere nazionale di Gordola è del parere che "qualsiasi decisione verrà presa, dovrà essere comunicata in modo chiaro alla popolazione, spiegano le ragioni a favore e quelle contrarie a l'una o l'altra misura".

Delusione e perplessità

Netto invece il giudizio del consigliere nazionale Piero Marchesi (Udc): "Sono deluso dall'approccio del Consiglio federale, che sottovaluta la questione delle frontiere." Il suo collega di partito Marco Chiesa abbonda nello stesso senso: "Constato che le misure da noi richieste, ovvero una ragionevole chiusura della frontiera, fanno fatica ad arrivare. Tra qualche giorno sarà già troppo tardi e saranno quindi del tutto inutili. È una strategia che non condivido. Come tutti gli altri ticinesi, anch'io vedo che altri Paesi hanno più coraggio". In una mozione depositata lunedì, il consigliere agli stati ticinese aveva chiesto di limitare l’accesso al Ticino alle sole figure professionali indispensabili (ad esempio quelle legate al settore sociosanitario) e di invitarle a rimanervi a tempo indeterminato.

Il consigliere nazionale Marco Romano (Ppd) è favorevole a una chiusura dei confini, con eccezioni per il personale necessario, come le persone attive nella sanità o con responsabilità particolari nelle aziende. Pur esprimendo soddisfazione per il comportamento delle autorità nelle gestione della crisi, Romano ritiene che il Consiglio federale stia esponendo il Ticino a una situazione complicata e difficilmente comprensibile per la popolazione. "È difficile per i ticinesi, in particolare gli abitanti del Mendrisiotto, comprendere come mai i frontalieri non possano muoversi a casa loro, ma farlo praticamente a loro piacimento nel nostro Cantone", ha spiegato il deputato a Keystone-Ats.

Per quanto riguarda la chiusura, anche solo parziale, delle frontiere il consigliere nazionale Rocco Cattaneo (Plr) ha detto all'agenzia Keystone-Ats che si tratta sì di un'opzione, ma che sul tema è meglio lasciar decidere gli specialisti, evitando di pontificare, altrimenti si fa "solo confusione". L'idea di limitare le entrate dei frontalieri ai soli specialisti del settore sanitario potrebbe essere controproducente. L'Italia, se la situazione in questo Paese dovesse peggiorare, potrebbe addirittura trattenerli per far fronte ai propri problemi. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved