solar-orbiter-fara-luce-sul-sole-anche-grazie-alla-svizzera
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
28 min

Attivisti per il clima arrivati a Davos, ma scarsa affluenza

I presenti hanno manifestato contro il World economic forum e chiesto che la natura e le persone siano di nuovo al centro dell’economia
Svizzera
3 ore

Wef 2022 all’insegna dell’Ucraina, presenti Scholz e Stoltenberg

Complessivamente saranno oltre 50 i capi di Stato e di governo che parteciperanno al World economic forum di Davos
Svizzera
3 ore

Ginevra, rissa in un bar degenera e partono degli spari

Stando alla Tribune de Genève i protagonisti della colluttazione di ieri notte sono membri di due bande rivali di motociclisti
Svizzera
6 ore

Automobilista ubriaco provoca un incidente e fugge

Il conducente è stato poi fermato dalla polizia nel canton Zurigo. Ieri sera aveva urtato una macchina ferma a un semaforo a Neuhausen am Rheinfall (Sh)
Svizzera
6 ore

Estate da record: ‘Potremmo raggiungere i 40 gradi’

Lo afferma Thomas Bucheli di Srf Meteo. Raddoppiato il numero di giorni estivi con più di 25 gradi.
Svizzera
21 ore

Ventenne al volante ubriaco e senza patente, era recidivo

La polizia friburghese ha sequestrato la macchina. Il giovane sarà denunciato al Ministero pubblico.
Svizzera
23 ore

Vaiolo delle scimmie: primo caso in Svizzera

Si tratta di una persona residente nel canton Berna che è stata esposta al virus all’estero
gallery
Svizzera
1 gior

Basilea, polizia disperde gli oppositori di un raduno Udc

Le forze dell’ordine hanno cercato di tenere lontani dallo stand del partito politico i dimostranti del gruppo ‘Basel Nazifrei’
Svizzera
1 gior

Bancomat fatto esplodere nel Giura bernese

I malviventi sono fuggiti in auto. L’ammontare della refurtiva non è ancora noto.
gallery
Svizzera
1 gior

Grigioni, camminata di protesta contro il World economic forum

Polizia e organizzatori si aspettavano maggiore affluenza. In programma altre manifestazioni in varie città svizzere
Svizzera
1 gior

Schianto contro il portale della galleria, muore automobilista

L’incidente è avvenuto a Küttigen, nel canton Argovia. Il veicolo ha preso fuoco subito dopo lo schianto.
gallery
Svizzera
1 gior

Scontri a Zurigo per una manifestazione contro il Wef

L’appello a scendere in piazza ieri per opporsi al World economic forum era stato lanciato su internet
commercio al dettaglio
1 gior

Princìpi e realtà, la Migros a un bivio

I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
2 gior

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
2 gior

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
2 gior

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
Svizzera
2 gior

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili
11.02.2020 - 06:00

'Solar Orbiter' farà luce sul sole anche grazie alla Svizzera

Secondo Michele Bianda dell’Irsol di Locarno, la missione permetterà, tra le altre cose, di comprendere meglio il fenomeno delle eruzioni solari

«Studiare il sole e capire meglio il funzionamento e l’origine del vento e delle tempeste solari». È l’obiettivo della sonda ‘Solar Orbiter’, lanciata ieri dalla base statunitense di Cape Canaveral, spiega a ‘laRegione’ Michele Bianda, direttore dell’Istituto Ricerche Solari Locarno (Irsol). E ciò sarà possibile anche grazie a un telescopio costruito dall’Alta scuola del Nord-ovest della Svizzera. «Quando si conosce come funziona un fenomeno è più facile prevedere cosa potrebbe succedere» sulla Terra. Insomma, questa missione dovrebbe permettere di capire quali ‘contromisure’ mettere in atto in caso di eventi estremi legati al sole.
La missione, realizzata dall’Agenzia spaziale europea (Esa) in collaborazione con la Nasa (la sua corrispettiva statunitense) durerà sette anni: dopo circa 24 mesi ‘Solar Orbiter’ arriverà alla distanza minima dal sole, ovvero a 45 milioni di chilometri, più vicino di Mercurio. Ciò corrisponde a circa un quarto della distanza che lo separa dalla Terra.

«Il sole emette materia e campo magnetico (il vento solare) che interagiscono con la Terra», rileva Bianda. Quando ciò avviene in grande quantità a causa delle cosiddette eruzioni solari, allora si parla di tempesta solare. «Fino a duecento anni fa l’unico effetto percepito in questi casi era la formazione di molte più aurore boreali, visibili anche in Svizzera. Oggi, invece, con lo sviluppo della tecnologia, esse possono avere effetti devastanti». Ovvero? «Nel caso di un’eruzione solare potentissima, tra equatore e poli si generano differenze di campo elettrico intensissime. Le conseguenze, se non si prenderanno provvedimenti, sarebbero, in estrema sintesi, dei blackout che provocherebbero danni per migliaia di miliardi di franchi», precisa il direttore dell’Irsol. «Stiamo tuttavia parlando di eventi che accadono ogni 150-200 anni».

Questo non è però un motivo per non prepararci a questa eventualità: «Oggi è importantissimo conoscere molto bene questi eventi, per capire come funzionano esattamente e quali conseguenze generano in casi estremi. E questo anche per riuscire ad adottare politiche di mitigazione dei danni nel caso in cui succedesse qualcosa», sottolinea Bianda.

Ma questi fenomeni si possono prevedere? «Oggi siamo in grado di prevederli in anticipo di alcuni secondi o minuti. Se il margine fosse di qualche ora, si potrebbero attuare tutta una serie di misure volte ad attenuarne gli effetti».

Uno degli scopi della missione è quindi cercare di capire «l’origine di questi eventi, ovvero quali sono i fenomeni fisici essenziali che li scatenano». Oltre a ciò, ‘Solar Orbiter’ permetterà «per la prima volta di condurre osservazioni complesse dei poli del sole». Ciò servirà a «studiare l’effetto dinamo» della nostra stella, ovvero di «capire come si produce il campo magnetico». Un altro mistero che potrebbe essere chiarito riguarda le temperature: «Ciò che noi vediamo del sole, ovvero la fotosfera, ha una temperatura di circa 6’000 gradi. Il sole ha però anche altre atmosfere più esterne, non visibili ad occhio nudo se non in occasione di eclissi totali di sole, che raggiungono milioni di gradi. Si suppone che sia un effetto dovuto al campo magnetico, ma non vi è la certezza assoluta. Forse questa missione permetterà di avere qualche certezza in più», si augura il direttore dell’Irsol.

Infine, secondo Bianda ‘Solar Orbiter’ ha qualcosa di «unico»: permetterà di effettuare misurazioni in loco (di particelle, plasma solare eccetera) e al contempo di osservare il sole. Insomma, permetterà di capire cosa sta succedendo nel posto in cui si trova la sonda e di comprenderne l’origine».

Il caso: ‘La Confederazione ha una lunga tradizione in questo campo’

A bordo della sonda Solar Orbiter ci sono dieci strumenti, a tre dei quali ha contribuito anche la Svizzera. «Non è un caso: abbiamo una certa tradizione in questo campo», afferma a ‘laRegione’ Michele Bianda, direttore dell’Istituto Ricerche Solari Locarno (Irsol).

Un elemento chiave della missione è il telescopio Stix (Spectrometer telescope for imaging x-rays), realizzato da aziende e istituti svizzeri, in collaborazione con partner polacchi, francesi, cechi, tedeschi, austriaci, irlandesi e italiani, sotto la direzione dell’Alta scuola del Nord-ovest della Svizzera (Fhnw). «Esso permetterà di studiare le eruzioni solari: queste ultime emettono raggi x che potranno così essere osservati», precisa Bianda. Le conseguenti tempeste solari possono provocare, oltre a blackout, perturbazioni ai satelliti per le comunicazioni, alla rete Gps, agli aerei o alle reti elettriche. Il finanziamento di questo progetto è stato garantito dall’Agenzia spaziale europea e dallo Swiss Space Office della Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione. La Confederazione ha partecipato anche alla realizzazione di due altri apparecchi: l’Eui (Extreme ultraviolet image) e lo Spice (Spectral imaging of the coronal environment), sotto la supervisione dell’osservatorio di Davos, specializzato nello studio del sole.

La Svizzera è dunque piuttosto all’avanguardia in questo campo, conferma il direttore dell’Irsol. «Storicamente la ricerca in questo campo è iniziata verso il 1850 con gli studi di Max Waldmeier sulle macchie solari presso l’osservatorio federale. Più recentemente il primo esperimento fatto sulla luna nella missione Apollo 11 era un progetto elvetico dell’università di Berna: la cosiddetta vela solare ha permesso di analizzare, una volta a terra, la composizione del vento solare». Oggi sono poi attivi nel campo della fisica solare, lo Pmod/Wrc a Davos – affiliato al Politecnico di Zurigo e referente internazionale per la misura tramite satelliti dell’irraggiamento solare –, l’Fhnw e, in Ticino, l’Irsol, associato all’Usi e specializzato in osservazioni dal suolo e nella loro interpretazione teorica e numerica. A Locarno vi è anche la Specola Solare Ticinese, attiva nel conteggio delle macchie solari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved