solar-orbiter-fara-luce-sul-sole-anche-grazie-alla-svizzera
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Il Canton Zurigo boccia il voto ai 16enni

Un fine settimana di votazioni in dodici cantoni d’Oltralpe, ecco i principali risultati
Svizzera
11 ore

Lex Netflix, nessun finale a sorpresa

Ci si attendeva un risultato risicato, invece la nuova legge sul cinema è stata accolta in modo chiaro. Nonostante il Röstigraben.
Svizzera
12 ore

Più di sette svizzeri su dieci per il potenziamento di Frontex

Prevale il timore di un’uscita da Schengen. I promotori del referendum: risultato vergognoso. I Verdi contano di attivarsi in Parlamento
Svizzera
13 ore

Trapianti, si passa al consenso presunto. La sfida: informare

Approvata con il 60,2% di voti favorevoli la revisione della legge. Sostegno piuttosto tiepido nella Svizzera tedesca. Berset: non è una rivoluzione
Svizzera
14 ore

Trenta gradi nel Vallese: è la prima canicola in Svizzera

A Visp non si era mai arrivati a una tale temperatura così presto nell’anno, ha twittato Srf Meteo
Votazioni federali
14 ore

Votazioni federali, ecco i risultati definitivi

Sostegno a Frontex oltre le previsioni, consenso presunto bocciato solo da Svitto e dai semicantoni di Appenzello. Sì alla Lex Netflix dal 58,4%
Svizzera
16 ore

Cade da una gru e muore in un cantiere a Zurigo

Ancora da chiarire le dinamiche di quanto accaduto verosimilmente nella notte ad Altstetten
Votazioni federali
19 ore

Votazioni federali, verso tre ‘sì’ comodi dalle urne

Frontex, ‘Lex Netflix’ e Legge trapianti verso l’accettazione popolare in modo abbastanza chiaro
Svizzera
19 ore

L’Udc vuole limitare l’accoglienza dei profughi ucraini

Per la consigliera nazionale Martina Bircher, lo statuto S dovrebbe essere accordato solo a chi è direttamente implicato in zone di guerra
Svizzera
20 ore

Elezioni, Pfister mette in discussione la formula magica

Per il presidente dell’Alleanza di Centro, nel governo dovrebbero essere rappresentate le potenziali forze dell’Assemblea federale
Svizzera
21 ore

Ancora fiamme nella notte nel Canton Soletta

Segnalati altri due incendi, a pochi metri di distanza l’uno dall’altro. La misteriosa serie sale così a 8-10 episodi da inizio aprile
Svizzera
21 ore

‘Lex Netflix’, trapianti e Frontex, ultime ore per esprimersi

Weekend di votazioni a livello federale e in diversi cantoni. Nei Grigioni appuntamento alle urne anche per il rinnovo di Gran Consiglio e governo
Svizzera
1 gior

‘Basta merci pericolose sulla dorsale del Sempione’

Lo chiede l’Iniziativa delle Alpi. Che punta il dito anche contro il Governo, vallesano reo di ‘mettere in pericolo l’intera regione
Svizzera
1 gior

Sempre meno bambini in bici: la tendenza va invertita

È l’obiettivo che vuole perseguire Pro Velo, che per questo weekend in 200 località svizzere propone il ‘Kidical Mass’
Svizzera
1 gior

Cyberattacco alla rete dei trasporti lucernesi

Presi di mira i pannelli elettronici alle fermate. Nessun problema alla circolazione e alle biglietterie
Svizzera
1 gior

Capannone in fiamme nella notte nel canton Zurigo

Il rogo si è sviluppato nell’area industriale di Flurlingen: danni per 200mila franchi. Ancora ignote le cause
Svizzera
1 gior

Pierre-Yves Maillard in corsa per una poltrona agli Stati

Con questa mossa, il consigliere nazionale vodese vuole rafforzare la posizione del Ps alle prossime elezioni
11.02.2020 - 06:00

'Solar Orbiter' farà luce sul sole anche grazie alla Svizzera

Secondo Michele Bianda dell’Irsol di Locarno, la missione permetterà, tra le altre cose, di comprendere meglio il fenomeno delle eruzioni solari

«Studiare il sole e capire meglio il funzionamento e l’origine del vento e delle tempeste solari». È l’obiettivo della sonda ‘Solar Orbiter’, lanciata ieri dalla base statunitense di Cape Canaveral, spiega a ‘laRegione’ Michele Bianda, direttore dell’Istituto Ricerche Solari Locarno (Irsol). E ciò sarà possibile anche grazie a un telescopio costruito dall’Alta scuola del Nord-ovest della Svizzera. «Quando si conosce come funziona un fenomeno è più facile prevedere cosa potrebbe succedere» sulla Terra. Insomma, questa missione dovrebbe permettere di capire quali ‘contromisure’ mettere in atto in caso di eventi estremi legati al sole.
La missione, realizzata dall’Agenzia spaziale europea (Esa) in collaborazione con la Nasa (la sua corrispettiva statunitense) durerà sette anni: dopo circa 24 mesi ‘Solar Orbiter’ arriverà alla distanza minima dal sole, ovvero a 45 milioni di chilometri, più vicino di Mercurio. Ciò corrisponde a circa un quarto della distanza che lo separa dalla Terra.

«Il sole emette materia e campo magnetico (il vento solare) che interagiscono con la Terra», rileva Bianda. Quando ciò avviene in grande quantità a causa delle cosiddette eruzioni solari, allora si parla di tempesta solare. «Fino a duecento anni fa l’unico effetto percepito in questi casi era la formazione di molte più aurore boreali, visibili anche in Svizzera. Oggi, invece, con lo sviluppo della tecnologia, esse possono avere effetti devastanti». Ovvero? «Nel caso di un’eruzione solare potentissima, tra equatore e poli si generano differenze di campo elettrico intensissime. Le conseguenze, se non si prenderanno provvedimenti, sarebbero, in estrema sintesi, dei blackout che provocherebbero danni per migliaia di miliardi di franchi», precisa il direttore dell’Irsol. «Stiamo tuttavia parlando di eventi che accadono ogni 150-200 anni».

Questo non è però un motivo per non prepararci a questa eventualità: «Oggi è importantissimo conoscere molto bene questi eventi, per capire come funzionano esattamente e quali conseguenze generano in casi estremi. E questo anche per riuscire ad adottare politiche di mitigazione dei danni nel caso in cui succedesse qualcosa», sottolinea Bianda.

Ma questi fenomeni si possono prevedere? «Oggi siamo in grado di prevederli in anticipo di alcuni secondi o minuti. Se il margine fosse di qualche ora, si potrebbero attuare tutta una serie di misure volte ad attenuarne gli effetti».

Uno degli scopi della missione è quindi cercare di capire «l’origine di questi eventi, ovvero quali sono i fenomeni fisici essenziali che li scatenano». Oltre a ciò, ‘Solar Orbiter’ permetterà «per la prima volta di condurre osservazioni complesse dei poli del sole». Ciò servirà a «studiare l’effetto dinamo» della nostra stella, ovvero di «capire come si produce il campo magnetico». Un altro mistero che potrebbe essere chiarito riguarda le temperature: «Ciò che noi vediamo del sole, ovvero la fotosfera, ha una temperatura di circa 6’000 gradi. Il sole ha però anche altre atmosfere più esterne, non visibili ad occhio nudo se non in occasione di eclissi totali di sole, che raggiungono milioni di gradi. Si suppone che sia un effetto dovuto al campo magnetico, ma non vi è la certezza assoluta. Forse questa missione permetterà di avere qualche certezza in più», si augura il direttore dell’Irsol.

Infine, secondo Bianda ‘Solar Orbiter’ ha qualcosa di «unico»: permetterà di effettuare misurazioni in loco (di particelle, plasma solare eccetera) e al contempo di osservare il sole. Insomma, permetterà di capire cosa sta succedendo nel posto in cui si trova la sonda e di comprenderne l’origine».

Il caso: ‘La Confederazione ha una lunga tradizione in questo campo’

A bordo della sonda Solar Orbiter ci sono dieci strumenti, a tre dei quali ha contribuito anche la Svizzera. «Non è un caso: abbiamo una certa tradizione in questo campo», afferma a ‘laRegione’ Michele Bianda, direttore dell’Istituto Ricerche Solari Locarno (Irsol).

Un elemento chiave della missione è il telescopio Stix (Spectrometer telescope for imaging x-rays), realizzato da aziende e istituti svizzeri, in collaborazione con partner polacchi, francesi, cechi, tedeschi, austriaci, irlandesi e italiani, sotto la direzione dell’Alta scuola del Nord-ovest della Svizzera (Fhnw). «Esso permetterà di studiare le eruzioni solari: queste ultime emettono raggi x che potranno così essere osservati», precisa Bianda. Le conseguenti tempeste solari possono provocare, oltre a blackout, perturbazioni ai satelliti per le comunicazioni, alla rete Gps, agli aerei o alle reti elettriche. Il finanziamento di questo progetto è stato garantito dall’Agenzia spaziale europea e dallo Swiss Space Office della Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione. La Confederazione ha partecipato anche alla realizzazione di due altri apparecchi: l’Eui (Extreme ultraviolet image) e lo Spice (Spectral imaging of the coronal environment), sotto la supervisione dell’osservatorio di Davos, specializzato nello studio del sole.

La Svizzera è dunque piuttosto all’avanguardia in questo campo, conferma il direttore dell’Irsol. «Storicamente la ricerca in questo campo è iniziata verso il 1850 con gli studi di Max Waldmeier sulle macchie solari presso l’osservatorio federale. Più recentemente il primo esperimento fatto sulla luna nella missione Apollo 11 era un progetto elvetico dell’università di Berna: la cosiddetta vela solare ha permesso di analizzare, una volta a terra, la composizione del vento solare». Oggi sono poi attivi nel campo della fisica solare, lo Pmod/Wrc a Davos – affiliato al Politecnico di Zurigo e referente internazionale per la misura tramite satelliti dell’irraggiamento solare –, l’Fhnw e, in Ticino, l’Irsol, associato all’Usi e specializzato in osservazioni dal suolo e nella loro interpretazione teorica e numerica. A Locarno vi è anche la Specola Solare Ticinese, attiva nel conteggio delle macchie solari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved