laRegione
Nuovo abbonamento
wef-la-regista-al-ministro-australiano-non-capisci-e-crisi
Lynette Wallworth a Davos (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Consiglio federale contro le Camere sulle pigioni ridotte

Pronto il disegno di legge che consente agli esercizi commerciali di pagare il 40% degli affitti durante il lockdown
Svizzera
3 ore

Prete invia foto di un pene 'per sbaglio' e si dimette

Il sacerdote afferma di aver spedito 'involontariamente' un'immagine di un uomo nudo col pene eretto alla segretaria parrocchiale. Avviata un'inchiesta
Svizzera
5 ore

Coronavirus in Svizzera, 488 nuovi casi e tre decessi

Dall'inizio della pandemia il totale delle persone infette sale a 49'283, 1'765 il numero complessivo delle vittime
Svizzera
7 ore

Lavoro (e riposo), il Consiglio federale mette i puntini sulle 'i'

Disposta la modifica dell'ordinanza. Per i viaggi di servizio, andata e ritorno valgono come ore di attività, anche se non si fa nulla
Svizzera
8 ore

Effetto Covid: Croce Rossa svizzera taglia 95 posti a Ginevra

Difficoltà finanziarie dovute anche alla pandemia. I licenziamenti effettivi dovrebbero essere una sessantina. Minacciati altri posti sul campo
Svizzera
8 ore

Gruppo Blick, la nuova Ceo è Ladina Heimgartner

Ringier promuove la 40enne. Prende il posto di Thomas Spiegel, che lascia l'azienda per divergenze di vedute strategiche
Svizzera
9 ore

Roche: due grandi passi avanti contro il Covid

Annunciati nuovo test che rileva gli anticorpi e farmaco anti-artritico che avrebbe un effetto positivo sui malati
Svizzera
9 ore

Consiglio di sicurezza Onu, 'un seggio svizzero è un rischio'

L'ex ambasciatore alle Nazioni unite: 'Sicure le pressioni delle grandi potenze, e dibattiti virulenti interni. Situazione delicata entro 2 anni'
Svizzera
19 ore

Grave incidente stradale a Lucerna, diversi feriti

L'incidente è avvenuto verso le 17.30 sulla K10 nel tratto tra Schachen e Malters. Sono intervenute diverse ambulanze e un elicottero di soccorso
Wef
22.01.2020 - 17:270

Wef, la regista al ministro australiano: 'Non capisci: è crisi'

Botta e risposta a Davos tra Mathias Cormann e l'artista Lynette Wallworth. Lui: 'Il nostro carbone è più pulito'. Lei: 'Siamo come rane in padella'

«Il nostro carbone è meno inquinante di altri carboni attualmente bruciati in nazioni emergenti, per cui possiamo dare un contributo in questo senso alla riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra». Così il ministro delle finanze australiano Mathias Cormann ha introdotto la discussione al Wef di Davos sull'impatto globale dei devastanti incendi che hanno interessato l'Australia negli scorsi mesi. «In Europa sembra esserci una mancanza di prospettiva su quanto sia grade l'Austrailia. Si è detto che è bruciata un'area grande come due volte il Belgio, ma l'intera nazione è 256 volte il Belgio  – ha aggiunto, specificando di avere a cuore le comunità toccate –. Si tratta del 2% del nostro territorio dove viva lo 0,4% della popolazione. È devastante per quelle comunità, ma bisogna anche guardare in maniera oggettiva alle cose. Ovviamente abbiamo ancora molto da fare per adattarci al cambiamento climatico».

'Come rane in padella: parliamo di adattarci all'acqua calda quando dovremmo saltar fuori'

Appunti che  non sono per nulla piaciuti alla regista e artista australiana Lynette Wallworth, che ha preso di punta il ministro: «Possiamo parlare del 2% oppure parlare dei 30mila koala morti solo nell'incendio dell'Isola dei Canguri. Mi spiace Matthias, ma quando ti sento parlare mi sembra di sentire qualcuno che non riconosce l'attuale crisi: questi incendi non hanno nulla a che fare con quelli che normalmente avvengono in Australia».

Ha poi proseguito: «Non sarà la metafora più corretta, ma mi sembra che si sta facendo come la rana a bagno nella pentola messa sul fuoco: continuiamo a dire che cerchiamo di adattarci (all'acqua che si scalda, ndr.) senza però saltare fuori dalla pentola. E con ciò voglio dire che non stiamo agendo». Wallworth ha poi sottolineato l'esigenza di avere nel paese una leadership che sia in grado di affrontare la situazione.

'Campioni di rinnovabili'

Cormann ha più volte approfittato del turno di parola per ar notare come l'Australia – a suo dire – stia impegnandosi nella lotta al cambiamento climatico più di altre nazioni industrializzate: «Il 25% della nostra energia elettrica è generata tramite rinnovabili e dovrebbe raggiungere il 50% entro il 2030 e l'investimento per abitante in fonti di energia pulita è il doppio rispetto a Germania, Regno Unito o Francia».

 

 

 

 

© Regiopress, All rights reserved