tassa-sui-voli-primo-si-dalla-commissione-del-nazionale
Decolli più cari (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 min

Zurigo, incidente d'auto. Feriti due giovani, uno è grave

Il veicolo su cui viaggiavano i ragazzi è precipitato per alcuni metri lungo una scarpata
Svizzera
1 ora

Covid, Canton Berna ha rilasciato oltre 200'000 certificati

Tutte le persone completamente vaccinate che avevano dato il loro consenso per un attestato, hanno ora il codice di accesso via Sms al loro documento
Svizzera
16 ore

Credit Suisse occupata: respinto ricorso degli attivisti

I dodici ambientalisti erano riusciti a entrare nella sede di Losanna del gruppo bancario
Svizzera
16 ore

Questione giurassiana: Belprahon rinuncia al voto

Sia la Confederazione che il Canton Berna si erano opposti. Il 27 giugno il comune del Giura non andrà alle urne
Svizzera
17 ore

Moderna chiede a Swissmedic l'omologazione per adolescenti

L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici ha ricevuto la domanda di omologazione da parte della ditta farmaceutica
Svizzera
19 ore

Incontro Parmelin-Putin, arriva la fumata bianca

Il presidente della Confederazione e il consigliere federale Cassis incontreranno mercoledì prossimo il presidente e il ministro degli Esteri della Russia
Svizzera
19 ore

Biden-Putin nelle immagini esclusive della Rts

Il prossimo 16 giugno, l'emittente della Svizzera romanda produrrà tutte le riprese ufficiali dell'incontro tra il presidente russo e quello americano.
Svizzera
20 ore

Certificato Covid svizzero, ufficiale il riconoscimento Ue

Lo ha annunciato il vicedirettore dell'ufficio federale informatica e telecomunicazioni Philippe Voirol. Anche la Svizzera potrà 'leggere' i certificati Ue
Svizzera
15.01.2020 - 16:220
Aggiornamento : 16:37

Tassa sui voli, primo sì dalla commissione del Nazionale

Oltre a un supplemento oscillante tra 30 e 120 franchi per i voli commerciali si vuole anche tassare i voli privati.

Lo spostamento a sinistra del Consiglio nazionale dopo le votazioni dell'ottobre scorso si è fatto sentire sui lavori della Commissione dell'ambiente del Nazionale. Quest'ultima è favorevole a una tassa sui biglietti aerei (voli commerciali e anche in parte privati) e all'istituzione di un Fondo per il clima.

Oltre a una tassa oscillante tra 30 e 120 franchi nell'ambito dei voli passeggeri commerciali (17 voti a 8, esentati voli in transito, voli di assistenza medica o voli per attività sovrane), con 18 voti a 7 la commissione vuole imporre anche i voli privati ad eccezione dell'aviazione leggera, dei voli di formazione o di quelli per attività di lavoro.

Stando a una nota odierna dei servizi parlamentari, la tassa sui voli privati, ridenominata "tassa sull'aviazione generale", colpirebbe i voli passeggeri al di fuori dell'aviazione commerciale (ad es. business jet) e potrebbe situarsi tra 500 e 5000 franchi a seconda delle dimensioni del velivolo.

Fondo per il clima

Con 17 voti contro 8, la Commissione approva inoltre l'istituzione di un Fondo per il clima così come proposto dalla Camera dei Cantoni. Un terzo degli introiti della tassa sul CO2 (al massimo 450 milioni di franchi) e il 49% degli introiti della tassa sui biglietti aerei vengano destinati alla protezione del clima.

Meno emissioni per impianti

Al pari degli Stati, grazie al voto decisivo del suo presidente, la commissione sostiene l'introduzione nella legge sul CO2 di una disposizione che sancisca il principio secondo cui chi costruisce o modifica impianti che causano elevate emissioni di gas serra è tenuto a limitare le emissioni nella misura massima possibile consentita dalla tecnica e per quanto economicamente sostenibile. Al momento la Commissione è invece contraria all'introduzione della neutralità climatica per tutti gli impianti che sottostanno all'esame dell'impatto sull'ambiente.

Veicoli pesanti

Per quanto riguarda le misure nel settore dei trasporti, la Commissione conferma la decisione degli Stati di fissare valori limite per l'emissione di CO2 dei veicoli pesanti. 

Pmi esenti da tassa CO2?

La commissione vorrebbe inoltre che anche le Pmi, come le grandi imprese a forte consumo energetico, possano essere esentate dalla tassa sul CO2 se si impegnano a limitare le rispettive emissioni. Proporrà quindi al plenum di stralciare il limite annuo di 10 mila franchi (Consiglio degli Stati), rispettivamente di 15 mila franchi (Consiglio federale) a partire dal quale l'esenzione verrebbe concessa (14 voti a 7).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved