nuovi-jet-militari-si-dagli-stati-due-miliardi-per-l-esercito
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
51 min

Vent’anni di prigione per l’assassino di Yverdon

Un giovane, oggi ventiduenne, riconosciuto colpevole di avere ucciso un ventunenne con un colpo alla testa, per questioni di droga
Svizzera
3 ore

In Svizzera più contagi ma ricoveri stabili e meno decessi

Continua a scendere il tasso di riproduzione del virus, oggi a 1,12. Rispetto a lunedì scorso, circa 4’000 casi in più ma stesso numero di ricoveri
Svizzera
3 ore

Scuola reclute invernale al via tra severe misure di protezione

Parte dei militi verrà istruita da casa nelle prime 3 settimane. L’entrata in servizio è preceduta da un test Covid. Aumenta la quota di donne
Svizzera
10 ore

Stadler si aggiudica la commessa più importante della sua storia

Il costruttore ferroviario turgoviese ha siglato un contratto che potrà raggiungere i 4 miliardi di euro per un consorzio austro-tedesco
Svizzera
10 ore

Violò quarantena, lascia il presidente del CdA di Credit Suisse

António Horta-Osório, in carica da meno di un anno, non aveva rispettato gli obblighi di quarantena al rientro da un viaggio all’estero
Svizzera
1 gior

Appesero lo striscione ‘Kill Erdogan’, da martedì a processo

I quattro imputati, chiamati a presentarsi davanti alla giustizia bernese, nel 2017 protestarono durante una manifestazione per la democrazia in Turchia
Svizzera
1 gior

Grigioni, sciatore 23enne muore a Grüsch

Il giovane si era avventurato con un amico in una zona ripida e boscosa attorno alle 22.30 di sabato. È stato trovato senza vita nel Pendlatobel
Svizzera
1 gior

Appenzello Esterno: si addormenta in auto e finisce sui binari

Il giovane, un 22enne, era ubriaco. Nessuno è rimasto ferito ma i danni sono ingenti, ha comunicato oggi la polizia cantonale
Svizzera
1 gior

Grigioni, automobilista ubriaco causa incidente

Il fatto è successo stamattina a Coira. Un allievo conducente ha perso il controllo del suo veicolo uscendo da una rotatoria
24.09.2019 - 12:400
Aggiornamento : 13:04

Nuovi jet militari, sì dagli Stati. Due miliardi per l'esercito

La Camera alta ha approvato la spesa di (al massimo) 6 miliardi per i nuovi caccia. Ora la palla passa al Nazionale. Sì a investimenti per le forze terrestri

a cura de laRegione

Il decreto federale concernente l'acquisto di nuovi aerei da combattimento ha superato oggi un primo scoglio. Con 32 voti contro 6 e 6 astenuti, il Consiglio degli Stati ha approvato il progetto governativo volto a consentire l'acquisizione di nuovi jet per un massimo di 6 miliardi di franchi. Progetto che potrà essere sottoposto a referendum. Il dossier passa ora al Nazionale. Bocciata per contro la proposta della sinistra di rinviare il progetto al Consiglio federale, chiedendo di includervi anche il nuovo sistema di difesa terra-aria Bodluv. La consigliera federale Viola Amherd si è detta soddisfatta del risultato "chiaro" della votazione. "È un buon inizio".

La Camera alta ha inoltre approvato investimenti per due miliardi di franchi a favore delle forze armate contenuti in  quattro disegni relativi al Messaggio sull'esercito 2019. Sì pure al discusso credito da 118 milioni per l'acquisto di 300 mortai da 8,1 centimetri. La Camera del popolo aveva fatto altrettanto durante la sessione estiva. L'oggetto è così pronto per le votazioni finali.

Aerei e affari compensatori

La discussione sui nuovi caccia ha toccato pure il tema degli affari compensatori. Stando ai "senatori", diversamente dal decreto di pianificazione elaborato dal Consiglio federale, le imprese estere che ricevono commesse nel quadro dell'acquisto dovrebbero compensare il 100% - e non solo il 60% - del valore contrattuale mediante l'assegnazione di mandati in Svizzera (affari offset), di cui il 20% con affari offset diretti e il 40% con affari offset indiretti nel settore della base tecnologica e industriale rilevante in materia di sicurezza. A ciò si aggiunge un altro 40% di compensazione indiretta in tutta una serie di settori (11 in totale, n.d.r.)

Stando alla versione uscita dagli Stati, il decreto dovrà inoltre specificare che le principali regioni del Paese dovranno beneficiare, nella misura del possibile, degli affari di compensazione: il 65% per la Svizzera tedesca, il 30% per quella francese e il 5% per la Svizzera italiana. Tale compromesso ha maggiori chance di passare davanti al popolo, ha indicato Josef Dittli (Plr/Uri) a nome della commissione. Dal canto suo, Viola Amherd ha ricordato che gli affari compensatori devono in primis consentire all'industria della sicurezza di accedere a nuovi mercati. Ma contribuiscono anche all'aumento del prezzo di acquisto degli aerei, ha aggiunto la ministra della difesa.

Quattro aerei candidati

Gli aerei candidati per sostituire i Tiger e gli F/A-18 sono quattro: l'Eurofighter della Airbus (Germania), l'F/A-18 Super Hornet della Boeing (Stati Uniti), il Rafale della Dassault (Francia) e l'F-35A della Lockheed Martin (Stati Uniti). Il Gripen E di Saab (Svezia) è invece rimasto fuori dalla corsa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved