Svizzera
12.09.2019 - 18:420

PostFinance: basta pagamenti verso Cuba

La causa: le sanzioni statunitensi. Possibile anche la sospensione delle relazioni commerciali con entità domiciliate nell'isola. SwissCubanCham: incomprensibile

PostFinance ha cessato il traffico dei pagamenti verso Cuba a causa delle sanzioni statunitensi. La Camera di commercio e industria svizzera-cubana (SwissCubanCham) non apprezza.

"Con poche eccezioni, il canale di pagamento per Cuba è chiuso dal primo settembre 2019", ha indicato il portavoce di PostFinance Rinaldo Tibolla, interrogato da Keystone-Ats. A causa delle sanzioni sempre più severe degli Stati Uniti, PostFinance sta pure considerando di sospendere le relazioni commerciali con entità domiciliate a Cuba.

In quanto banca svizzera, PostFinance non è direttamente soggetta al diritto statunitense, ma partecipa alle operazioni di pagamento globali e dipende quindi da una rete di banche corrispondenti e dall'accesso alle operazioni di pagamento in dollari statunitensi. Il diritto degli Usa potrebbe quindi avere un "effetto extraterritoriale".

Per la SwissCubanCham questa decisione è incomprensibile. "I nostri membri si sono trovati di fronte a un fatto compiuto, comunicato a breve termine e oralmente da parte dei consiglieri di PostFinance", ha indicato oggi l'organizzazione.

Qua e là, la decisione ha avuto gravi conseguenze, in quanto i contratti già conclusi non hanno potuto essere soddisfatti. Il danno potenziale è "immenso". La Camera di commercio e industria svizzera-cubana accusa PostFinance di non soddisfare il "mandato legale della Confederazione di fornire il servizio universale con il traffico dei pagamenti".

Secondo PostFinance, il servizio universale è limitato alle prestazioni in franchi in Svizzera. I clienti domiciliati all'estero sono soggetti a condizioni restrittive.

PostFinance non è la prima banca a interrompere le operazioni di pagamento con Cuba a causa delle sanzioni statunitensi. Ubs, Credit Suisse e la Banca cantonale di Zurigo non operano con l'isola caraibica dal 2013. Raiffeisen ha fatto lo stesso recentemente per le medesime ragioni.

© Regiopress, All rights reserved