si-degli-stati-alla-riforma-del-servizio-civile
Le ammissioni al servizio civile sono passate da 4670 nel 2011a 6205 nel 2018 (zivi.ch)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
58 min

Infosekta: teorie del complotto sempre in voga

La guerra in Ucraina continua ad alimentare le tesi cospiratorie, riferisce il centro svizzero tedesco di informazione e consigli sulle sette
Svizzera
2 ore

Mantenuta l’immunità a Roger Köppel, Molina perseguibile

Il primo è accusato di aver divulgato informazioni confidenziali. Il secondo è incolpato di aver partecipato a una dimostrazione non autorizzata.
Svizzera
2 ore

In Svizzera manca la manodopera qualificata

È il grido d’allarme che lanciano gli imprenditori. In futuro andrà meglio sfruttato il potenziale interno
Svizzera
2 ore

Grandine, danni per almeno 20 milioni di franchi

In giugno sono state fatte circa 4mila segnalazioni all’Assicurazione grandine svizzera
Svizzera
3 ore

Bus divorato dalle fiamme nei pressi di Rotsee

A bordo del torpedone, fortunatamente, vi era solo l’autista, che è riuscito a mettersi in salvo. Tragedia sfiorata oggi a mezzogiorno sulla A2
Svizzera
3 ore

Nidvaldo si conferma il cantone più attrattivo per le imprese

Ticino al 24esimo posto della classifica, ma le cose stanno per cambiare. Per le persone fisiche, a svettare è sempre Zugo (davanti a Svitto)
Svizzera
5 ore

Panne di Skyguide, conseguenze milionarie per Swiss

Il Ceo Dieter Vranckx torna sul blackout di metà giugno: ‘Se subiamo un danno finanziario indipendente da noi, è giusto reclamare un risarcimento’
Svizzera
6 ore

Torna l’obbligo di mascherina in diversi ospedali

Interessato quello cantonale dei Grigioni e alcuni nosocomi zurighesi. In Svizzera segnalate martedì oltre 33mila infezioni da Covid in sette giorni.
Svizzera
6 ore

Ventidue falle nel sistema informatico della Posta; una seria

‘Stress test’ per il Gigante Giallo, messo sotto pressione in una conferenza di hacker. Risultati tutto sommato confortanti
Svizzera
7 ore

Livia Leu a Bruxelles per colloqui esplorativi

Durante la visita ufficiale della Segretaria di Stato è prevista la firma di un accordo di principio sul secondo contributo di coesione
Svizzera
8 ore

Processo ai biker: pene detentive (anche lunghe) per tre persone

Otto anni di carcere al principale imputato, per altri due 8 e 42 mesi. E fori dall’aula la tensione resta alta
11.09.2019 - 14:18
di Ats

Sì degli Stati alla riforma del servizio civile

Con 26 voti contro 11 e 2 astenuti, la Camera alta ha sostenuto oggi il progetto governativo con il quale si intende ridurre il numero di ammissioni

Sì alla riforma per rendere meno attrattivo il servizio civile. Con 26 voti contro 11 e 2 astenuti, il Consiglio degli Stati ha sostenuto oggi il progetto governativo, con il quale si intende ridurre drasticamente il numero di ammissioni. Sulla revisione della legge, sulla quale il Nazionale deve ancora esprimersi, pende però un forte rischio di referendum.

Stando al Governo, negli ultimi anni il numero di 'civilisti' è aumentato a dismisura a scapito dell'esercito. Oltre a tale evoluzione giudicata "preoccupante", il Consiglio federale non vede di buon occhio il fatto che dopo aver effettuato la scuola reclute molti soldati lascino l'esercito per passare al servizio civile. Preoccupano inoltre le partenze di quadri e specialisti, ha spiegato Josef Dittli (Plr/Ur) a nome della commissione.

Le ammissioni al servizio civile sono passate da 4670 nel 2011 a 6785 nel 2017. Nel 2018 sono però scese dell'8,5% a 6205. Per il Consiglio federale, tale numero è ancora troppo elevato, anche perché di questi 6'205 'civilisti', 2'463 avevano terminato la scuola reclute e 428 erano quadri e specialisti, ha spiegato il consigliere federale Guy Parmelin. Il ministro dell'economia ha sottolineato come queste partenze abbiano un costo: le risorse e le spese legate all'istruzione delle persone interessate sono andate perse. Inoltre, l'effettivo regolamentare dell'esercito (100'000 effettivi) risulta minacciato.

Sinistra contraria

La sinistra ha tentato invano di convincere il plenum a non entrare in materia su questa revisione. "Poiché l'esercito non è più attrattivo, si vuole rendere meno attrattivo il servizio civile", ha rilevato Géraldine Savary (Ps/Vd). Il progetto ha un carattere punitivo e contempla misure sproporzionate. Anche il loro effetto sugli effettivi dell'esercito è tutto da provare. Queste diatribe amministrative potrebbero in particolare provocare un aumento delle partenze per motivi di salute, ha aggiunto la socialista vodese.

Ma la maggioranza borghese non l'ha seguita e, dopo aver votato l'entrata nel merito, ha adottato sette delle otto misure proposte dal Consiglio federale. Una sola è stata bocciata: la Camera dei cantoni non ha voluto abolire la possibilità concessa ai 'civilisti' di essere impiegati all'estero, come auspicava invece il Consiglio federale.

Più giorni di servizio

Con la riforma, l'esecutivo propone di aumentare a 150 il numero minimo di giorni di servizio. Anche i militari che passano al servizio civile a partire dal primo corso di ripetizione dovranno effettuare più giorni. Inoltre, ai soldati che dopo la scuola reclute chiedono di passare al servizio civile (40% delle ammissioni) verrà imposto un periodo di attesa di dodici mesi. Questa misura è una pastoia burocratica, ha deplorato invano Danile Jositsch (Ps/Zh). A suo avviso, non vi è motivo di bloccare l'ammissione durante un anno. Ma la maggioranza, seppur di stretta misura (con 20 voti a 18 e 1 astensione), ha approvato anche tale proposta.

'Nel 2017 mancavano 270 dottori nell'esercito'

Con la regolamentazione attuale i 'civilisti' fanno una volta e mezzo il numero di giorni di servizio militare. Il progetto governativo prevede che tale regola si applichi in futuro anche a sottufficiali e gli ufficiali, per i quali al momento si attua un fattore di 1,1. Stando alla riforma, i futuri medici, veterinari e dentisti non potrebbero più svolgere il servizio civile in postazioni mediche. "Nel 2017 mancavano 270 dottori nell'esercito", ha giustificato il consigliere federale, che è stato seguito con 23 voti a 15 e 1 astenuto.

Termini raccorciati e ritmi più intensi

Inoltre, le ammissioni non sarebbero di principio più possibili per i militari che hanno effettuato tutti i loro giorni di servizio. "Si tratta di mantenere una certa equità", ha spiegato Guy Parmelin. I termini per effettuare il servizio civile sarebbero infine raccorciati e il ritmo dei periodi di servizio intensificati. I "civilisti" dovrebbero compiere un periodo di servizio ogni anno che segue la loro ammissione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved