(Keystone)
Svizzera
09.09.2019 - 17:360

Bisogna incentivare la donazione di organi (sì, ma come?)

Lo sostiene la Commissione nazionale d'etica per la medicina. Che boccia il consenso presunto (silenzio-assenso) e promuove la dichiarazione obbligatoria.

Il trapianto di organi permette di salvare la vita o migliorare la condizione di molti pazienti. La Commissione nazionale d'etica per la medicina (CNE) vuole dunque accrescere la fiducia della popolazione al riguardo e incentivarla a donare, in modo da soddisfare meglio la domanda.

In Svizzera, come in numerosi altri Paesi, le donazioni restano insufficienti. Anche nel 2019, dopo un inizio positivo, si è registrato un deciso calo. La CNE ha pertanto esaminato diversi modelli di autorizzazione al prelievo post mortem e raccomanda in particolare quello della dichiarazione, si legge in una nota odierna.

Attualmente, gli organi possono essere tolti da un cadavere solo se il defunto ha esplicitamente acconsentito prima di morire (modello del consenso). Un altro sistema auspicato da alcuni è quello del consenso presunto, che dà il via libera alla donazione qualora l'interessato non vi si sia opposto quando era in vita.Ats

Tuttavia, stando alla commissione, nessuno dei due permette di risolvere il problema. Sono infatti poche le persone a esprimere il proprio desiderio prima del decesso. Spesso vengono quindi interpellati i famigliari più stretti, mettendoli in una situazione difficile. Il sistema del consenso presunto riduce invece la protezione dei diritti della personalità.

La CNE si dice pertanto favorevole al modello della dichiarazione, che prevede di invitare regolarmente le persone a confrontarsi con il tema della donazione di organi e a pronunciarsi in merito (obbligo di dichiarazione). L'impostazione concreta sarebbe ancora da discutere, precisa la commissione, la quale però si dice convinta che tale sistema tenga pieno conto del diritto di autodeterminazione, evitando i casi poco chiari e sgravando i parenti.

Si presume che incentivando la dichiarazione, la grande fetta di popolazione fondamentalmente favorevole ai trapianti porti a un aumento delle iscrizioni nel registro nazionale, viene sottolineato nel comunicato. Stando a quanto affermato dalla fondazione Swisstransplant nell'ambito della giornata nazionale della donazione di organi, tenutasi sabato, al momento 1400 pazienti sono in lista d'attesa. Alla maggior parte - quattro su cinque - serve un rene nuovo.

Potrebbe interessarti anche
Tags
donazione
dichiarazione
nazionale
organi
consenso
commissione
consenso presunto
commissione nazionale
etica
medicina
© Regiopress, All rights reserved