laRegione
Nuovo abbonamento
a-difesa-dei-consumatori-brillano-verdi-e-ps
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Falò per ricordare la minaccia che incombe sulle vette

Regione alpina sotto costante pericolo per via del riscaldamento climatico. L'Iniziativa delle Alpi si impegna per ridurre il carico di CO2
Svizzera
1 ora

Berset: 'l'incertezza covid-19 ha reso gli svizzeri più tesi'

Il ministro della sanità federale ne parla in un'intervista alla NZZ am Sonntag. L'umore dei cittadini elvetici è cambiato e i rapporti sono spesso polemici
Svizzera
2 ore

Svizzera, ieri 182 nuove infezioni da Covid-19

Il totale delle persone colpite dal virus nel nostro Paese sale a 36'451. A livello mondiale i contagi sfiorano i 20 milioni, oltre 725mila i decessi
Svizzera
22 ore

Coronavirus, in Svizzera 182 nuovi casi nelle ultime 24 ore

Il totale delle persone infette da inizio pandemia sale a 36'451. Nella giornata di ieri nessun nuovo decesso e altri sette ricoveri
Svizzera
1 gior

La firma del contratto per il vaccino è ‘un passo opportuno’

Il professor Alessandro Ceschi (Eoc) sull’accordo tra Ufsp e l'azienda statunitense Moderna che ‘assicura’ 4,5 milioni di dosi alla Svizzera
Svizzera
1 gior

Obbligo di quarantena anche in Slovenia

14 giorni di isolamento per chi arriva dalla Svizzera. Lubiana ha adottato questa decisione basandosi su analisi di esperti
Svizzera
1 gior

Il Tribunale federale conferma la condanna di Anni Lanz

Per i giudici losannesi l'attivista 74enne ha ignorato una procedura di espulsione e non poteva invocare lo stato di necessità.
Svizzera
1 gior

Si svuota il lago del ghiacciaio, Lenk col fiato sospeso

I torrenti a valle si sono ingrossati, ma al momento nessun danno è stato segnalato
Svizzera
1 gior

Mascherine a scuola: cantone che vai, soluzione che trovi

Nei cantoni latini sarà obbligatorio per i livelli post obbligatori, nella Svizzera tedesca non c'è un'unità di intenti. E in Ticino... lo scopriremo lunedì
Svizzera
19.08.2019 - 10:090
Aggiornamento : 12:33

A difesa dei consumatori brillano Verdi e Ps

Lo rivela un'analisi del voto dei parlamentari curato dall'Acsi e dai suoi partner. Tra i singoli esponenti ticinesi, Marina Carobbio la più favorevole, Marco Chiesa è invece in coda

L’analisi del voto dei parlamentari fatto dall’ACSI e dai suoi partner (Konsumentenschutz e FRC)  mostra che il sostegno alle preoccupazioni dei consumatori nel Consiglio nazionale nella legislatura che sta per concludersi (2015-2019) è stato maggiore fra i deputati di PS e Verdi. Nell’86% dei casi i rappresentanti di questi due partiti hanno votato nell’interesse dei consumatori. A metà strada troviamo invece PPD, Verdi Liberali e PBD. In fondo alla classifica i consiglieri nazionali PLR e UDC che votano solitamente contro gli interessi dei consumatori. Basandosi su 40 votazioni in Consiglio nazionale a partire da dicembre 2015, l’ACSI, l’SKS e la FRC hanno analizzato la frequenza con la quale i consiglieri nazionali hanno votato a favore o contro i consumatori. La tabella mostra che i parlamentari del gruppo PS hanno votato in favore dei consumatori nell’86,4% dei casi, hanno votato contro nell’8,6% dei casi, sono stati assenti nel 4,3% dei casi e si sono astenuti nello 0,8% dei casi. In seconda posizione, i Verdi, che hanno votato per iconsumatori nell’86,1% delle occasioni. Il PPD è in terza posizione (51,6%) seguito dai Verdi Liberali (47,9%), dal PBD (43,8%) e dal PLR (24,8%). In ultima posizione il gruppo UDC, i cui membri hanno votato solo nel 21,6% delle occasioni in favore degli interessi dei consumatori.

L’analisi del comportamento di voto a livello individuale mostra come i consiglieri nazionali del PS Prisca Birrer-Heimo (LU), Yvonne Feri (AG) e Beat Jans (BS) abbiano votato a favore dei consumatori in 37 votazioni su 40. Per questo motivo sono in testa alla classifica. Le posizioni più alte sono tutte occupate da politici del PS e dei Verdi. Nella parte centrale della graduatoria si trovano i consiglieri nazionali del PPD, dei Verdi Liberali e del PBD. Ad aver votato più spesso in maniera sfavorevole ai consumatori nella legislatura 2015-2019 sono stati invece tre politici zurighesi dell’UDC: Gregor Rutz, Hans-Ueli Vogt e Claudio Zanetti. La stessa tendenza si riscontra fra i parlamentari ticinesi e grigionesi con Marina Carobbio e Silva Semadeni, entrambe del PS, in testa alla classifica e Marco Chiesa e Magdalena Martullo-Blocher (UDC) in coda.

Rispetto alla legislatura 2011-2015 non ci sono stati grossi cambiamenti nel ranking dei partiti più vicini ai consumatori. Ancora una volta il PS e i Verdi sono in testa. È sorprendente il fatto che i Verdi Liberali in questa legislatura abbiano votato decisamente meno spesso (47,9%) in favore degli interessi dei consumatori rispetto alla legislatura precedente (59,4%). Il PPD ha votato come in precedenza circa nella metà dei casi a favore dei consumatori e ha così superato i Verdi Liberali. Il PBD ha votato in maniera leggermente più pro-consumatori rispetto alla legislatura 2011-2015, mentre il PLR al contrario è sceso dal 31,7% al 24,8%. Pur avendo votato più spesso in maniera favorevole ai consumatori, salendo dal 14,2% al 21,6%, l’UDC rimane il partito che sostiene di meno i consumatori e vota più spesso contro i loro interessi. Sul sito www.acsi.ch i risultati dettagliati per tutti i consiglieri nazionali e la lista dei 40 oggetti considerati. La classifica dei parlamentari sarà pure pubblicata sul numero 6 del periodico dell’ACSI La borsa della spesa che uscirà a metà settembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved