laRegione
Nuovo abbonamento
aumentano-gli-studenti-con-ansie-attacchi-di-panico-e-depressioni
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 gior

Il tribunale vallesano sconfessa Sion sul lupo

Nel 2018 il Consiglio di stato aveva rilasciato un'autorizzazione per l'abbattimento di un esemplare. Accettato il ricorso ambientalista
Svizzera
1 gior

Consiglio federale contro le Camere sulle pigioni ridotte

Pronto il disegno di legge che consente agli esercizi commerciali di pagare il 40% degli affitti durante il lockdown
Svizzera
1 gior

Prete invia foto di un pene 'per sbaglio' e si dimette

Il sacerdote afferma di aver spedito 'involontariamente' un'immagine di un uomo nudo col pene eretto alla segretaria parrocchiale. Avviata un'inchiesta
Svizzera
1 gior

Coronavirus in Svizzera, 488 nuovi casi e tre decessi

Dall'inizio della pandemia il totale delle persone infette sale a 49'283, 1'765 il numero complessivo delle vittime
Svizzera
1 gior

Lavoro (e riposo), il Consiglio federale mette i puntini sulle 'i'

Disposta la modifica dell'ordinanza. Per i viaggi di servizio, andata e ritorno valgono come ore di attività, anche se non si fa nulla
Svizzera
1 gior

Effetto Covid: Croce Rossa svizzera taglia 95 posti a Ginevra

Difficoltà finanziarie dovute anche alla pandemia. I licenziamenti effettivi dovrebbero essere una sessantina. Minacciati altri posti sul campo
Svizzera
1 gior

Gruppo Blick, la nuova Ceo è Ladina Heimgartner

Ringier promuove la 40enne. Prende il posto di Thomas Spiegel, che lascia l'azienda per divergenze di vedute strategiche
Svizzera
1 gior

Roche: due grandi passi avanti contro il Covid

Annunciati nuovo test che rileva gli anticorpi e farmaco anti-artritico che avrebbe un effetto positivo sui malati
Svizzera
1 gior

Consiglio di sicurezza Onu, 'un seggio svizzero è un rischio'

L'ex ambasciatore alle Nazioni unite: 'Sicure le pressioni delle grandi potenze, e dibattiti virulenti interni. Situazione delicata entro 2 anni'
Svizzera
21.07.2019 - 13:120

Aumentano gli studenti con ansie, attacchi di panico e depressioni

Dal Centro di consulenza psicologica dell'Uni e del Poli di Zurigo si deduce che nel 2018, 1'765 persone hanno contattato gli psicologi, il 20% in più.

Attacchi di panico, disturbi del sonno, depressioni. Sono queste le patologie di cui soffrono molti studenti universitari che si rivolgono agli organi di consulenza attivi negli atenei. Il numero di giovani, si parla ormai di migliaia, con problemi non fa che crescere, tanto che gli stessi psicologi sono sommersi di lavoro, scrive oggi il "SonntagsBlick". La vita dello studente fatta di tanto tempo libero e feste, come spesso viene immaginata, ha anche un rovescio della medaglia molto meno piacevole: giornate intense, pressioni per fare sempre meglio e in molti casi lavori saltuari per mantenersi. Dal rapporto annuale del Centro di consulenza psicologica dell'Università di Zurigo e del Politecnico si deduce che nel 2018, 1'765 persone hanno contattato gli psicologi, il 20% in più rispetto all'anno precedente. In totale, sono state eseguite 3'320 consultazioni. Nel 2015, gli studenti rivoltisi a questi servizi erano 1'243.

Una situazione simile si constata anche nelle università di Basilea e San Gallo, atenei in cui si registra un aumento costante di richieste di consulenza da parte degli iscritti, siano studenti o dottorandi. Secondo il settimanale, queste cifre rappresentano solo la punta dell'iceberg, dal momento che non tutti i giovani si rivolgono ai servizi specializzati messi a disposizione dall'università. Stando a Markus Diem, a capo del servizio di consulenza psicologica dell'università di Basilea, questa situazione va avanti da anni, e riguarda sia la Svizzera che la Germania. Sempre più spesso si annunciano persone con sintomi di depressione da leggeri a medio-gravi o vittime di attacchi di panico. Circa l'80% dei casi, indica lo specialista al giornale, viene trattato con successo, gli altri vengono dirottati verso uno psicoterapeuta.

Le ragioni di tale incremento sono diverse. Diem cita l'isolamento di cui soffrono molti studenti a causa della digitalizzazione, la pressione sociale per migliorarsi costantemente, ma anche la tendenza a soffocare i sentimenti negativi. Fatljume Halili, dell'associazione studentesca Mind-Map volta a promuovere il benessere psichico, la pensa allo stesso modo. La pressione a fare sempre di più e meglio è accentuata all'università. Col sistema di Bologna, inoltre, il percorso formativo è diventato più corto e intenso, ciò che non tiene conto del fatto che molti giovani hanno un lavoro parziale per mantenersi agli studi. Secondo una ricerca pubblicata lo scorso novembre (anno di riferimento: 2016) dall'Ufficio federale di statistica (UST), circa uno studente universitario svizzero su cinque affermava di avere problemi di salute. Il 94% della popolazione dai 20 ai 35 anni riteneva che il proprio stato di salute generale fosse buono o molto buono, mentre fra gli studenti della stessa età la quota era del 77%.

Per gli esperti dell'UST, questa differenza potrebbe essere dovuta al cumulo di varie difficoltà. Ai vincoli generali che comportano gli studi, per circa i tre quarti degli studenti si aggiunge l'onere di esercitare un'attività remunerata. Inoltre, rispetto alla popolazione della stessa età, gli studenti devono in media fare più spesso i conti con privazioni materiali, dispongono di un reddito più basso e sono meno soddisfatti della loro situazione finanziaria.
 
 

© Regiopress, All rights reserved