laRegione
Nuovo abbonamento
santesuisse-riforme-troppo-care-premi-su-del-30
foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Il tribunale vallesano sconfessa Sion sul lupo

Nel 2018 il Consiglio di stato aveva rilasciato un'autorizzazione per l'abbattimento di un esemplare. Accettato il ricorso ambientalista
Svizzera
7 ore

Consiglio federale contro le Camere sulle pigioni ridotte

Pronto il disegno di legge che consente agli esercizi commerciali di pagare il 40% degli affitti durante il lockdown
Svizzera
7 ore

Prete invia foto di un pene 'per sbaglio' e si dimette

Il sacerdote afferma di aver spedito 'involontariamente' un'immagine di un uomo nudo col pene eretto alla segretaria parrocchiale. Avviata un'inchiesta
Svizzera
9 ore

Coronavirus in Svizzera, 488 nuovi casi e tre decessi

Dall'inizio della pandemia il totale delle persone infette sale a 49'283, 1'765 il numero complessivo delle vittime
Svizzera
11 ore

Lavoro (e riposo), il Consiglio federale mette i puntini sulle 'i'

Disposta la modifica dell'ordinanza. Per i viaggi di servizio, andata e ritorno valgono come ore di attività, anche se non si fa nulla
Svizzera
12 ore

Effetto Covid: Croce Rossa svizzera taglia 95 posti a Ginevra

Difficoltà finanziarie dovute anche alla pandemia. I licenziamenti effettivi dovrebbero essere una sessantina. Minacciati altri posti sul campo
Svizzera
12 ore

Gruppo Blick, la nuova Ceo è Ladina Heimgartner

Ringier promuove la 40enne. Prende il posto di Thomas Spiegel, che lascia l'azienda per divergenze di vedute strategiche
Svizzera
13 ore

Roche: due grandi passi avanti contro il Covid

Annunciati nuovo test che rileva gli anticorpi e farmaco anti-artritico che avrebbe un effetto positivo sui malati
Svizzera
14.07.2019 - 19:090

Santésuisse, 'riforme troppo care, premi su del 30%'

L'associazione degli assicuratori lancia l'allarme contro i nuovi progetti sanitari, costerebbeno 10 miliardi di franchi l'anno. Alla cassa gli assicurati

Le riforme programmate in ambito sanitario causeranno una spesa supplementare di 10 miliardi di franchi all'anno, secondo santésuisse. Se i costi fossero sostenuti solo dagli assicurati, i premi aumenterebbero di oltre il 30%, stando ai calcoli dell'organizzazione riportati oggi dal SonntagsBlick. Le previsioni dell'associazione, che raggruppa la maggioranza degli assicuratori malattia, però vengono giudicate poco credibili da altri attori del settore.

Il sistema tariffale Tardoc, che è stato trasmesso venerdì al Consiglio federale per approvazione, dovrà sostituire il Tarmed, da anni ormai oggetto di critiche. Il nuovo sistema, elaborato dall'organizzazione ats-tms (fondata dall'associazione degli assicuratori malattia Curafutura, dall'associazione professionale dei medici svizzeri FMH e dalla Commissione delle tariffe mediche), farà lievitare la fattura globale di 3 miliardi di franchi, sostiene santésuisse.

A questi si aggiungerebbero 5 miliardi di spese supplementari dovute ad un'eventuale applicazione dell'iniziativa "Per cure infermieristiche forti". Il testo, lanciato dall'Associazione svizzera infermiere e infermieri (ASI), chiede, tra le altre cose, una migliore formazione continua, salari più elevati e una limitazione del numero di pazienti per infermiera.

Ci sono poi i nuovi farmaci oncologici che le multinazionali stanno sviluppando e che saranno estremamente costosi. Santésuisse calcola che ci saranno sul mercato 30 terapie con un costo medio di 300'000 franchi e i costi aggiuntivi raggiungerebbero un miliardo di franchi. Anche l'accesso facilitato alla psicoterapia, proposto dal Consiglio federale, causerà un miliardo di spese supplementari. "Il sistema è guidato dall'egoismo e dall'interesse personale", ha commentato Heinz Brand, consigliere nazionale UDC grigionese e presidente di santésuisse, intervistato dal domenicale.

"La previsione di un aumento del 30 per cento dei premi è del tutto infondata", afferma in un comunicato la Federazione dei medici svizzeri (FMH). "Da anni i partner del sistema sanitario svizzero attendono proposte costruttive da parte di santésuisse. Invece di contribuire alle trattative, santésuisse pubblica regolarmente annunci e previsioni allarmistiche non dimostrate", scrive la FMH.

"Dubitiamo di questi calcoli. Non sono seri e mirano a screditare la nostra iniziativa", ha detto Yvonne Ribi, presidente dell'Associazione degli infermieri, al domenicale. L'associazione presenterà le sue conclusioni sul costo dell'iniziativa in autunno. Per quanto riguarda il Tardoc, Curafutura (CSS, Helsana, KPT e Sanitas) e la FMH aveva già precisato venerdì in un comunicato che il nuovo tariffario dovrà essere "neutro in termini di costi" e che spetta al Consiglio federale definire le modalità per raggiungere questo obbiettivo.

© Regiopress, All rights reserved