la-libera-circolazione-non-ha-effetti-negativi-sui-salari
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
16 ore

I due centauri morti sul Bernina erano sposati da un mese

Stavano scendendo dal passo con un maxi scooter quando sono stati travolti da due auto
Svizzera
16 ore

Boom dei costi, i contadini: alzare i prezzi di pane e latte

I produttori di cereali e latte chiedono aumenti di pochi centesimi dei prezzi al dettaglio per compensare il boom milionario dei costi di produzione
Svizzera
16 ore

Svizzeri e viaggi: Edelweiss fa il record di passeggeri

La compagnia svizzera specializzata in voli per vacanzieri ha fatto registrare il più alto numero di passeggeri trasportati in un mese nella sua storia
Svizzera
16 ore

Lieto evento allo zoo di Basilea: nascono tre procavie

Si tratta di un roditore tipico dell’Africa subsahriana. Il parto è stato possibile nonostante due operazioni agli occhi per la madre dei cuccioli
Svizzera
19 ore

Il lupo che doveva essere abbattuto a Uri si è dato alla macchia

Per l’animale era stato autorizzato l’abbattimento dopo oltre dieci predazioni. Verosimilmente non è più nel territorio del cantone
Svizzera
21 ore

Caduta fatale per un escursionista 77enne nel Klöntal

È successo ieri nel canton Glarona. Il corpo è stato trovato a 1’512 metri d’altitudine.
Votazioni federali
21 ore

Avs: modifiche apprezzate soprattutto dagli uomini

Secondo il sondaggio di Tamedia e 20 Minuten si prospetta un ‘sì’ anche per l’iniziativa sull’allevamento. ‘No’ invece per l’imposta preventiva.
Svizzera
22 ore

Vallese, alpinista 64enne muore sul Täschhorn

L’uomo, un olandese, si trovava in compagnia di un altro scalatore. Si trovava a circa 3’910 metri d’altitudine quando è caduto dalla parete rocciosa.
Svizzera
23 ore

Ancora nessun bambino ucraino arrivato per assistenza medica

Il Paese aveva chiesto alla Svizzera di accogliere 155 bimbi malati. Prima dell’arrivo sono necessari però dei chiarimenti.
Svizzera
1 gior

Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs

La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
1 gior

Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale

Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
1 gior

Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi

Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
1 gior

Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza

In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
1 gior

Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso

Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
1 gior

Due morti in un incidente stradale sul Bernina

Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
2 gior

Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale

Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
01.07.2019 - 15:42
di Ats

'La libera circolazione non ha effetti negativi sui salari'

Dal rapporto della Seco sull'immigrazione dagli stati Ue/Aels emerge una situazione 'inspiegabile' soltanto in Ticino

Secondo le Seco negli ultimi anni l'immigrazione dagli Stati UE/AELS non ha esercitato una pressione salariale significativa sulla popolazione elvetica. Tuttavia in Ticino si verifica lo scarto più alto in assoluto a livello di busta paga tra residenti e fronalieri. È quanto emerge dal 15esimo rapporto della Segreteria di Stato dell'economia sulle ripercussioni dell'accordo sulla libera circolazione delle persone. Lo studio, presentato oggi ai media a Berna, esamina l'impatto dell'intesa sul mercato del lavoro e sulle assicurazioni sociali in Svizzera. "Le misure di accompagnamento hanno dato il loro fondamentale contributo alla protezione degli stipendi", ha affermato in conferenza stampa Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch, direttrice della SECO.

La crescita dei salari è stata equilibrata, indica il documento. Tra il 2002 e il 2016 il tasso medio di progressione per i residenti permanenti è stato dell'1,1%, contro l'1,2% sul totale della popolazione attiva. Le differenze di stipendio tra dimoranti temporanei e residenti fissi, sia positive sia negative, possono essere spiegate da fattori quali ad esempio l'età, la formazione, la professione esercitata e il settore d'attività. Nel periodo 2010-18, il livello salariale delle persone entrate nella Confederazione per effetto della libera circolazione è risultato in media inferiore dello 0,4% a quello di chi occupava posti analoghi prima dell'entrata in vigore dell'accordo.

I cittadini del nord Europa e dell'Europa occidentale, riuniti in un'unica categoria, percepiscono una remunerazione superiore (+2%) ai residenti. Diverso il discorso per chi arriva dal sud del Continente (-4,3%) o dall'est (-5,9%).

Ticino: alto scarto "inspiegabile"

In Ticino, ha messo in evidenza il responsabile della Direzione del lavoro della SECO Boris Zürcher, lo scarto inspiegabile a livello di busta paga tra residenti e frontalieri è il più marcato in assoluto (-8%). Ciò è dovuto "alla situazione particolare" del nostro cantone, si legge nel rapporto. I lavoratori che attraversano il confine costituiscono il 27,5% del totale (+4,6% rispetto al 2010). Nonostante l'aumento dei frontalieri, per la Seco non è stato identificato alcun effetto negativo sui salari dei ticinesi. A livello nazionale la discrepanza di busta paga che la SECO definisce "inspiegabile" è salita dal -3,3% del 2002 al -4,5% nel 2016. Si tratta di circa la metà dello scarto registrato (-9,2%): il resto è motivato da caratteristiche personali, dalla funzione ricoperta o dall'azienda stessa

Saldo stabile

L'anno scorso, il saldo migratorio dei cittadini provenienti dall'Unione europea e dall'Associazione europea di libero scambio (AELS) - che comprende, oltre alla Svizzera, Islanda, Liechtenstein e Norvegia - è stato di 31'200 persone, un dato stabile rispetto al 2017. Contando anche i Paesi terzi, il saldo è di 54'600 unità. La quota di immigrati in confronto all'insieme della manodopera elvetica è del 32%, più bassa, in Europa, solo di quella del Lussemburgo. Il saldo migratorio è restato relativamente contenuto a causa della moderata domanda di manodopera in Svizzera e del miglioramento della situazione del mercato del lavoro nella zona UE/AELS, ha illustrato Zürcher. Il trend si sta confermando anche nei primi mesi del 2019, ha poi aggiunto, in cui "non è stata osservata una forte crescita dell'immigrazione netta". Zürcher ha elogiato la libera circolazione: "Il potenziale della manodopera nazionale viene sfruttato sempre meglio, l'arrivo di lavoratori segue le esigenze della nostra economia, è complementare e non sostitutivo". Ciò è confermato dall'alto tasso di occupazione delle persone giunte dall'Ue, l'87,3% nel 2018. Una quota più elevata della media elvetica (84,2%) e di quella relativa ai cittadini svizzeri (84,6%). "L'interazione tra bisogni e immigrazione è simbiotica", ha dal canto suo fatto notare Roland Müller, direttore dell'Unione svizzera degli imprenditori, secondo cui "il sistema funziona bene".

Nessun effetto di esclusione

L'andamento del tasso d'impiego e delle percentuali di disoccupazione - restate basse per gli svizzeri, ma più elevate della media per gli stranieri - non lasciano intravedere alcun effetto di esclusione dal mercato. Inoltre, l'immigrazione è caratterizzata da una popolazione attiva piuttosto giovane, che rallenta l'invecchiamento della manodopera. L'incremento dei minori di 19 anni in futuro non terrà il passo con quello dei pensionati, pertanto "l'immigrazione è importante anche per non far gravare il peso delle rendite su troppe poche spalle", ha detto Müller. Alcuni effetti negativi della libera circolazione sono stati portati a galla da Daniel Lampart, capo economista dell'Unione sindacale svizzera (USS). In particolare, essa può favorire due forme di impiego potenzialmente a rischio precariato: il distaccamento di forza lavoro dall'estero e il lavoro interinale.

Rafforzare misure accompagnamento

Nonostante ciò, il giudizio complessivo dei presenti è stato unanime: l'immigrazione legata alla libera circolazione è indispensabile per la Svizzera, così come lo sono le misure d'accompagnamento per prevenirne le conseguenze negative. In vista dell'accordo quadro con Bruxelles, tali misure "devono essere rafforzate", si è detto convinto Lampart, ribadendo che l'intesa con l'Ue dovrà garantire una protezione dei salari. Tutti concordi anche sul no all'iniziativa popolare denominata "Per un'immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)" dell'UDC. "Rimetterebbe in questione tutta la via bilaterale", ha detto Lampart, mentre per Ineichen-Fleisch comporterebbe un salto nel vuoto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved