foto Ti-Press
Svizzera
24.06.2019 - 11:060

Cassa malati più cara, ma nessuno rinuncia alle prestazioni

Monitoraggio Interpharma sulla salute: il 61% degli interrogati ritiene "buona" o "molto buona" la qualità del sistema sanitario elvetico

I premi dell'assicurazione malattie costituiscono il principale problema finanziario dei nuclei famigliari elvetici, davanti alle imposte. È quanto emerge dal monitoraggio 2019 sulla salute, un sondaggio realizzato e pubblicato oggi per conto dell'Associazione delle imprese farmaceutiche Interpharma. Ma gli Svizzeri non sono pronti a rinunciare alle prestazioni in ambito sanitario.

Stando all'inchiesta, realizzata in marzo su un campione di 1200 persone in provenienza da tutte le regioni linguistiche, l'86% degli Svizzeri ha un'impressione globale "positiva" o "piuttosto positiva" del sistema della salute. Questo tasso supera la soglia del 75% dal 2013. Ma, nel contempo, solo il 61% degli interrogati ritiene "buona" o "molto buona" la qualità del sistema sanitario elvetico. Si tratta di 20 punti percentuali in meno rispetto a un anno fa.

Estendere il catalogo delle prestazioni

Una chiara maggioranza di cittadini auspica che il catalogo di prestazioni si mantenga al suo livello attuale (63%), o che venga ampliato (26%, + 10 punti) e si oppone ai tagli. La tendenza a rinunciare autonomamente alle prestazioni è diminuita, anche se ciò permetterebbe di fare dei risparmi.

In particolare, soltanto una minoranza degli interrogati sarebbe disponibile a una restrizione della libera scelta del medico (27%) o a una limitazione dell'accesso ai medicinali (38%).

Farmaci troppo cari

Una maggioranza "chiara e stabile" considera che i prezzi dei farmaci siano troppo elevati. Ma se si tratta di malattie che oltrepassano i casi più leggeri, l'efficacia e la qualità del trattamento passano in primo piano.

In tal modo, gli interpellati auspicano un accesso rapido ed esteso ai medicamenti e alle terapie innovative, in particolare negli ambiti molto discussi del cancro e delle malattie rare, scrive Interpharma in una nota odierna.

Il 93% ritiene che i medicinali anti-cancerogeni innovativi debbano essere accessibili a tutti e, nella stessa misura, accettano che i trattamenti per le malattie rare siano coperti dall'assicurazione malattie di base. Secondo l'Associazione delle imprese farmaceutiche, gli Svizzeri non vogliono una medicina a due velocità in materia di innovazione.

Nessuna "sperimentazione"

Oltre a ciò, i cittadini pensano che i costi della salute e i premi delle casse malati aumenteranno. Un terzo (34%) ritiene persino che i premi siano "problematici" per i nuclei famigliari. Tuttavia le stesse persone interrogate "non sono disposte a fare sperimentazioni per diminuire i costi".

Sono invece più aperte a misure individuali volte a far abbassare i costi della salute. Tre quarti degli interpellati auspica che gli assicuratori malattia paghino per trattamenti all'estero quando questi sono di "buona qualità", ma "meno cari" rispetto alla Svizzera. Tale percentuale è aumentata di 22 punti rispetto all'anno scorso.

I cittadini sono peraltro numerosi ad accettare provvedimenti automatici per limitare i costi o a elargire bonus alle persone che non utilizzano le prestazioni. Non piace invece l'idea di calcolare i premi in funzione del reddito.

Il monitoraggio è stato realizzato dall'istituto gfs.bern per la 22esima volta dall'introduzione della LAMal. L'inchiesta è stata condotta dal 4 al 23 marzo tramite interviste telefoniche.

Potrebbe interessarti anche
Tags
prestazioni
malattie
salute
qualità
costi
premi
punti
buona qualità
cittadini
sistema
© Regiopress, All rights reserved