Svizzera
11.04.2019 - 12:130

Dall'industria farmaceutica pioggia di milioni

Il settore ha versato in finanziamenti a medici e ospedali quasi 163 milioni di franchi lo scorso anno. Destinatari principali gli ooncologi

L'industria farmaceutica è sempre più generosa circa il finanziamento di medici e ospedali. Stando a dati dell'associazione di categoria Scienceindustries in possesso di AWP, e di cui hanno parlato diffusamente oggi vari media - "Beobachter", "Handelszeitung", "Blick" e "Le Temps" - nel giro di tre anni questa somma è passata da 141 milioni di franchi nel 2015 a quasi 163 milioni nel 2017. Dal 2015, le aziende farmaceutiche devono rivelare le somme versate ai professionisti e alle organizzazioni del settore sanitario. Dei 162,5 milioni di franchi del 2017, più della metà (91 milioni) è andata ad associazioni, ospedali universitari e altre organizzazioni. Quasi 60 milioni sono finiti nella ricerca e 12,5 milioni a medici e altri professionisti della salute. La più generosa in fatto di finanziamenti è stata Novartis. La multinazionale di Basilea ha fatto un balzo in avanti di 19,9 milioni, senza contare la sua filiale Sandoz per i farmaci generici. Seguono Roche con 13,9 milioni e Bayer con 12 milioni. Bristol-Myers Squibb, Pfizer e AstraZeneca hanno speso ciascuno circa 10 milioni di franchi. Mediante quest'operazione di trasparenza, l'industria farmaceutica vuole rompere con la cattiva reputazione del passato, quando i medici venivano attirati, ad esempio, con viaggi di lusso. Secondo il "Beobachter", che dispone di dati ancora più dettagliati, la percentuale di medici che non hanno nulla da eccepire in merito alla pubblicazione delle loro generalità è salita al 73%. Secondo la "Handelszeitung", Novartis non stipula più dal 2016 accordi di cooperazione con medici che rifiutano di divulgare i loro dati. Qui il tasso è del 100%. A Roche, il tasso di trasparenza era dell'80%.

La Svizzera in testa al confronto

La Germania, insieme con l'Austria, deve ancora recuperare terreno rispetto alla Svizzera in termini di trasparenza. In entrambi i paesi, il tasso di divulgazione è solo del 30%. In questi paesi, la pressione sull'industria è in aumento anche da parte delle associazioni. A partire dall'estate 2018, ad esempio, l'associazione di categoria Scienceindustries pubblicherà il nome di tutte quelle aziende che non raggiungono un tasso di divulgazione dell'80%. "In termini di trasparenza e divulgazione, la Svizzera è molto più avanti rispetto ai paesi vicini, ma anche a paesi come la Gran Bretagna", ha spiegato all'AWP Jürg Granwehr, responsabile del settore farmaceutico dell'associazione Scienceindustries.

Oncologi favoriti

Rimane la questione di chi riceve il denaro e di come viene speso. Secondo i dati, il destinatario principale è stata la Società Europea di Oncologia Medica (ESMO), con sede a Lugano, che ha ricevuto 10,3 milioni. Ciò rispecchia la grande importanza della ricerca sul cancro per l'industria nel suo insieme. Tra gli ospedali universitari, l'Inselspital di Berna ha ricevuto il contributo maggiore con 2,7 milioni. Ma anche l'ospedale universitario di Zurigo è stato uno dei maggiori beneficiari, con 2,2 milioni. La cooperazione con l'industria consente agli ospedali di partecipare ai nuovi sviluppi della ricerca.

Potrebbe interessarti anche
Tags
industria
medici
ospedali
franchi
tasso
industria farmaceutica
milioni franchi
paesi
dati
trasparenza
© Regiopress, All rights reserved