laRegione
Nuovo abbonamento
congedo-paternita-buone-chance-per-i-neopapa
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

‘Omicidio passionale’, la mozione torna in commissione

La ‘senatrice’ Marina Carobbio (Ps) vorrebbe correggere l’art. 113 del Codice penale. La Camera alta vuole un esame approfondito, contro il parere del Governo.
Svizzera
2 ore

Legge sul CO2, le Camere si sono messe d’accordo

Accolta la proposta della Conferenza di conciliazione. Dopo tre anni di dibattiti il dossier è pronto per le votazioni finali. Referendum dietro l’angolo.
Svizzera
2 ore

Nazionale favorevole al congedo per genitori adottivi

Altro ostacolo superato in Parlamento per la proposta che trae origine da un’iniziativa parlamentare di Marco Romano (Ppd). La palla è nel campo dei ‘senatori’.
Svizzera
3 ore

Losanna, in quarantena 2'500 allievi della Scuola alberghiera

Feste studentesche hanno creato numerosi focolai all'interno dell'istituto, cosa che ha un intervento più mirato: tutti gli studenti di bachelor a casa
Svizzera
4 ore

Stefan Kuster si dimette da 'Mister coronavirus'

Entrato in funzione a marzo, quale successore di Daniel Koch, il capo del dipartimento malattie trasmissibili continuerà a collaborare su mandato
Svizzera
5 ore

Intervento in galleria per finta, con una ferita vera

L'esercitazione nel nuovo tunnel ferroviario dell'Eppenberg, tra Aarau e Olten, finisce con l'ospedalizzazione di una donna
Uri
6 ore

Deceduta la mamma del pollo al cestello di Attinghausen

Angela Imholz-Worschitz ha avviato il ritrovo pubblico frequentato oggi anche da molti ticinesi. È venuta a mancare a inizio settembre
Svizzera
8 ore

Coronavirus, in Svizzera 437 nuovi casi e 15 ospedalizzazioni

Non si registrano nuove vittime. Il tasso di positivi su numero di tamponi è del 3,4%. Quasi raddoppiate le quarantene per rientro da paesi a rischio
Uri
10 ore

Uri, Lamborghini contro gaurdrail, danni per 300mila franchi

È successo ieri sera alle 18 all'uscita di una galleria nelle gole della Schöllenenen, mentre l'autista da Andermatt scendeva verso Göschenen
Svizzera
11 ore

Anche col Covid le ditte pagano puntuali, in Ticino un po' meno

Aziende ticinesi in fondo alla classifica insieme a quelle basilesi per quanto riguarda i ritardi nei pagamenti
Svizzera
12 ore

Seduta polemica a Berna, l'Udc contro il 'suo' giudice

Elezione Tribunale federale: i democentristi bocciano il rinnovo di Yves Donzallaz, che passa grazie agli altri partiti
Svizzera
12 ore

Fulmine sul campo di calcio a San Gallo, giovane ricoverato

Ieri sera ad Abtwil un ragazzo è rimasto privo di sensi durante una partita ed è stato portato all'ospedale in elicottero
Svizzera
01.03.2019 - 23:430

Congedo paternità: buone chance per i neopapà

Solo l’Udc respinge fermamente l’introduzione dello stop di 2 settimane. I maggiori partiti approvano, il Plr deciderà lunedì

“Più di 30 volte il parlamento ha detto no” a un congedo paternità, ha scritto ieri il ‘Tages-Anzeiger’. Ora il vento sembrerebbe però cambiato. Solo l’Udc si è detto contrario a uno stop di due settimane per i neo papà. Tutti gli altri maggiori partiti – eccetto il Plr che deciderà lunedì – sostengono il progetto. La scorsa estate la commissione competente del Consiglio degli Stati ha elaborato un controprogetto indiretto all’iniziativa popolare ‘Per un congedo paternità ragionevole’, prevedendo due settimane di stop per i neopapà invece che quattro. Questa proposta è quindi stata posta in consultazione fino ad oggi. I partiti rosso-verdi hanno indicato nelle relative prese di posizione di appoggiare il controprogetto. Tuttavia, secondo loro il testo è troppo timido e di fatto chiedono di più: come rilevano anche i sindacati, nemmeno le 4 settimane previste dall’iniziativa sono sufficienti. Dal canto loro l’Udc e le organizzazioni dell’economia respingono entrambe le versioni: la decisione di concedere un congedo paternità deve essere lasciata alle singole aziende.

Secondo il Ps e i Verdi liberali il controprogetto va nella giusta direzione, perché in questo modo si ancorerebbe il congedo paternità direttamente nella legge. Secondo i socialisti si tratterebbe inoltre di un passo concreto verso l’uguaglianza tra uomo e donna nell’ambito della famiglia e del lavoro. Tuttavia, per Ps, Verdi e i sindacati le quattro settimane previste dall’iniziativa sono solo un “compromesso minimalista”. Per l’Unione sindacale svizzera (Uss) due settimane di congedo sono al massimo un “premio di consolazione”. La proposta in consultazione è “troppo timida e assolutamente insufficiente”, hanno aggiunto i Verdi. A loro avviso non bastano né due né quattro settimane. Gli ecologisti, così come Ps e i sindacati esigono quindi un congedo parentale di 28 settimane, di cui almeno otto per i padri, da prendere nei dodici mesi successivi alla nascita.

Anche secondo il Pbd un congedo parentale sarebbe la soluzione migliore, visto che rappresenterebbe una misura moderna e flessibile per conciliare lavoro e famiglia. Al momento però tale soluzione non sembrerebbe essere in grado di trovare l’appoggio di una maggioranza. Per questo motivo il partito sostiene il controprogetto indiretto. Il finanziamento sia di quest’ultimo, sia dell’iniziativa – si stimano costi di 220 milioni di franchi all’anno, rispettivamente di 420 milioni – averebbe con un aumento del tasso di prelievo dell’Ipg. Secondo Travail.Suisse tale incremento sarebbe facilmente sopportabile dall’economia, in entrambi i casi.

Anche per il Ppd, dai cui ranghi è nata la proposta di controprogetto, il compromesso di due settimane è sopportabile sia per le piccole e medie imprese che per le assicurazioni sociali, e a beneficiarne saranno le famiglie. Dal canto suo, l’Udc è invece contraria al controprogetto indiretto invocando gli stessi motivi per cui raccomanda di respingere l’iniziativa popolare. L’idea dello stato sociale non consiste nel “fornire servizi individuali attraverso la ridistribuzione”. Per il partito, le piccole e medie imprese già oggi riescono a trovare soluzioni per permettere a neopapà di conciliare la nascita di un figlio con i loro obblighi lavorativi.

A respingere iniziativa e controprogetto vi sono poi anche l’Unione svizzera delle arti e mestieri e l’Unione svizzera degli imprenditori. Quest’ultima ricorda che la maggioranza delle aziende svizzere ha meno di dieci dipendenti. E che per queste imprese è praticamente impossibile attuare un congedo paternità. Secondo il ‘Tages-Anzeiger’ è proprio a causa della posizione netta dell’economia che il Plr non ha ancora preso posizione sul controprogetto (il partito si oppone all’iniziativa): il liberali radicali sarebbero divisi tra i politici romandi, a favore del congedo paternità di due settimane, e quelli svizzerotedeschi, contrari. Stando al quotidiano zurighese, il controprogetto diretto potrebbe quindi avere buone possibilità di essere accolto in parlamento.

© Regiopress, All rights reserved