Polizia cantonale dei Grigioni
Svizzera
13.01.2019 - 08:440
Aggiornamento : 13:17

Un uomo e due bambini morti in incendio a Coira

Dentro una palazzina di sei piani. Evacuate 48 persone, otto ricoverati per il fumo

Tre persone, un adulto e due bambini, sono morti in un incendio divampato la scorsa notte in una palazzina di sei piani a Coira, indica la polizia cantonale grigionese.

Una cinquantina di persone è stata sfollata. La segnalazione dell’incendio è giunta alla centrale d’allarme stamani alle 3.05, precisano le forze dell’ordine retiche in un comunicato.

Nell’appartamento in fiamme i pompieri hanno trovato tre corpi che, secondo i primi esami, sono di una persona adulta e di due bambini. Contattato da Keystone-ATS, il portavoce della polizia Markus Walser non ha potuto indicare se si tratti di un genitore e dei suoi figli e neppure si è espresso sulla loro età e sul loro sesso. Si è limitato a dire che le vittime devono prima di tutto essere identificate.

Gli inquirenti ritengono che le tre persone fossero le uniche nell’appartamento al secondo piano in cui è divampato l’incendio. Sei inquilini e due vigili del fuoco sono stati condotti all’ospedale cantonale per sospetta intossicazione da fumo. Complessivamente 48 persone sono state sfollate da 38 appartamenti dell’edificio, situato sul Foralweg, a sud del capoluogo. Sono stati alloggiati in un vicino esercizio pubblico e curati da psicologi del Care Team Grischun.

Un parte degli sfollati ha potuto rientrare a casa stamani, ha precisato Walser. Prima di permettere ad altri inquilini di tornare nel loro alloggio è necessario stabilirne l’abitabilità, ha ricordato. Sul posto sono intervenuti soccorritori da Coira, ma anche da Schiers e Thusis. Allo spegnimento hanno partecipato 70 pompieri, che già in mattinata avevano completamente domato le fiamme. Le forze dell’ordine hanno isolato il quartiere. Procura e polizia cantonale hanno avviato indagini per appurare le cause dell’incendio.

Tags
incendio
coira
bambini
due bambini
due bambini morti
polizia
bambini morti
© Regiopress, All rights reserved