Svizzera
30.11.2018 - 15:050
Aggiornamento 16:04

Assegni familiari anche alle mamme disoccupate in maternità

Lo prevede la revisione legislativa licenziata oggi dal Consiglio federale, colmando così una lacuna della normativa vigente

In futuro anche le madri disoccupate che beneficiano di un'indennità di maternità dovranno avere diritto agli assegni familiari. È quanto prevede una revisione legislativa licenziata oggi dal Consiglio federale.

Attualmente, se a causa del mancato riconoscimento di paternità non si può far valere un diritto agli assegni familiari, per il figlio in questione questi ultimi non vengono concessi, indica l'esecutivo. Con la modifica della legge sugli assegni familiari (LAFam) si colma quindi una lacuna della normativa vigente.

La LAFam disciplina due tipi di assegni familiari: quelli per i figli e quelli di formazione. Ai primi ha diritto chi ha figli fino ai 16 anni, mentre ai secondi chi ha figli che hanno compiuto 16 anni e svolgono una formazione, fino al massimo ai 25 anni di età.

Con la revisione, in futuro gli assegni di formazione saranno concessi già dal momento in cui un figlio che ha compiuto 15 anni segue una formazione post obbligatoria.

Infine, la revisione della LAFam vuole creare una base legale per la concessione di aiuti finanziari a organizzazioni familiari. La Confederazione sostiene già da una settantina d'anni tali organizzazioni attive a livello nazionale o di regione linguistica. Dato che nell'ottica dello Stato di diritto è opportuna la creazione di una base legale esplicita, essa sarà integrata nella LAFam.

Queste organizzazioni, come finora, devono essere di utilità pubblica, aconfessionali e apartitiche. Il finanziamento di questi aiuti avverrà tramite il preventivo ordinario della Confederazione.

Le modifiche della LAFam licenziate oggi comporteranno spese supplementari per circa 16 milioni di franchi all'anno. Ciò corrisponde a circa il 0,3% delle uscite complessive per gli assegni familiari.

Tags
assegni familiari
assegni
lafam
revisione
formazione
diritto
figli
organizzazioni
maternità
© Regiopress, All rights reserved