Per tre giorni sotto la cupola federale (archivio Ti-Press)
Svizzera
08.11.2018 - 11:180

Sessione dei giovani tra Europa, terrorismo e minoranze

Fino a domenica 200 ragazzi e ragazze dibatteranno a Berna dei temi politici di attualità. Le loro decisioni saranno trasmesse al parlamento

Si apre oggi a Berna la 27esima edizione della sessione dei giovani. Fino a domenica 200 ragazze e ragazzi fra i 14 e i 21 anni si insedieranno nelle aule di Palazzo federale per dibattere di lotta al terrorismo, Europa, ambiente e diritti delle minoranze. Ad accoglierli e incoraggiarli ci sarà il ministro degli esteri Ignazio Cassis.

La Sessione dei giovani è un'esperienza unica non solo per imparare, ma anche per agire, indicano i promotori dell'evento. I politici in erba possono infatti non solo dibattere in condizioni simili alla realtà, ma anche adottare richieste da trasmettere al parlamento.

Suddivisi in undici gruppi di lavoro, discuteranno per due giorni. Quest'anno hanno scelto tematiche molto diverse tra loro: le norme che le aziende svizzere devono adottare all'estero, l'obbligo o meno di effettuare il servizio militare, le misure per proteggere i giovani LGBT, gli incentivi per spingere i negozi a limitare gli imballaggi.

Esperti della Confederazione e di diverse organizzazioni saranno a loro disposizione per fornire consigli. Anche parlamentari di tutti i partiti saranno presenti per prestare aiuto.

Al termine delle discussioni, sabato e domenica i partecipanti si riuniranno nella sala del Consiglio nazionale. Ignazio Cassis aprirà la seduta con un discorso e domenica le rivendicazioni saranno presentate, discusse e votate dal plenum. Saranno in seguito consegnate al presidente del Nazionale Dominique de Buman.

Potrebbe interessarti anche
Tags
giovani
domenica
sessione
terrorismo
minoranze
europa
sessione giovani
© Regiopress, All rights reserved