archivio Ti-Press
BASILEA
06.11.2018 - 16:200

I lingotti d'oro erano veri, i poliziotti no

Una donna di 78 anni ha consegnato i preziosi ieri a Basilea a dei finti poliziotti. Una tendenza, informa la procura renana, in aumento

Una donna di 78 anni ha consegnato ieri a Basilea lingotti d'oro per un valore di 40'000 franchi a "finti poliziotti". Negli ultimi giorni diverse persone sono state contattate da criminali che si spacciavano per funzionari della polizia, scrive la Procura renana in una nota diramata oggi.

La 78enne vittima del raggiro aveva creduto a una "falsa poliziotta" che per telefono le aveva consigliato di consegnare i suoi oggetti di valore, affermando che nel quartiere c'erano molti ladri. In casa la donna aveva solo 800 franchi. La sua interlocutrice – che l'ha assediata per ore – l'ha però convinta a ritirare gli oggetti preziosi che teneva in una cassetta di sicurezza in banca. La pensionata ha allora prelevato i lingotti d'oro e li ha consegnati in un luogo concordato.

Secondo la Procura, molti truffatori che si spacciano per poliziotti usano un numero falso che fa credere alle vittime di essere davvero contattate dalla polizia. I "falsi poliziotti" spaventano le vittime – per lo più anziani – avvisandole di presunti ladri armati nel quartiere. Il consiglio è di telefonare alla vera polizia.

Falsi poliziotti, falsi nipoti e falsi conoscenti - ultimamente si sono fatti vivi anche i falsi CEO - sono attivi da anni in tutta la Svizzera e hanno già raggirato le loro numerose vittime per milioni di franchi. Nel maggio 2017 si era appresa la notizia di una 81enne caduta nel tranello di un falso agente e dei suoi complici nel canton Zurigo, con una perdita di 800'000 franchi in contanti, gioielli, orologi e lingotti d'oro.

Tags
poliziotti
lingotti
falsi
oro
lingotti oro
procura
donna
vittime
polizia
© Regiopress, All rights reserved