Non varia l'aliquota massima (foto: Ti-Press)
Svizzera
20.09.2018 - 12:510

Canone acqua: aliquota massima mantenuta

Lo ha deciso il Consiglio degli Stati. Sospiro di sollievo per i Cantoni di montagna, fra cui Ticino e Grigioni

I Cantoni montani tirano un sospiro di sollievo dopo la decisione del Consiglio di Stato – con 37 voti favorevoli e 5 astenuti – di mantenere invariata a 110 franchi al chilowattora (kWl) l'aliquota massima per i canoni dell'acqua annui, fino al 2024. In un primo tempo, il Governo proponeva di ridurla a 80 fr dal 2020. Il Nazionale deve ancora pronunciarsi.

Il progetto di revisione transitoria della legge sull'utilizzazione delle forze idriche aveva suscitato numerose critiche durante la consultazione. I Cantoni, tra cui il Ticino e i Grigioni, e i Comuni avrebbero incassato 150 milioni di franchi l'anno in meno. Per questo le autorità cantonali si erano espresse a favore del mantenimento dell'attuale aliquota. Attualmente, dei 556,6 milioni che fruttano all'anno i canoni d'acqua, il Ticino ne incassa 55,1, i Grigioni 124, il Vallese 164, Uri 26, Berna 45 e Argovia 49.

Come detto, nelle intenzioni originali della consigliera federale Doris Leuthard, dal 2020 il canone massimo annuo sarebbe passato dagli attuali 110 a 80 fr/kWl. Di fronte a queste critiche il Governo aveva allora abbandonato il progetto iniziale. Nel suo messaggio, trasmesso al Parlamento e accolto oggi dagli Stati, si limita a cambiamenti minimi.

Parte fissa e variabile

In previsione dei futuri negoziati, i "senatori" hanno invece precisato nel progetto – con 22 voti contro 20 – che il Consiglio federale dovrà elaborare dal 2025 una regolamentazione che preveda una parte fissa e una parte variabile.

In consultazione taluni gestori avevano proposto un'immediata introduzione di una normativa flessibile. "Sarebbe più saggio mantenere tutte le porte aperte vista l'evoluzione imprevedibile del mercato elettrico", ha sottolineato invano Werner Hösli (UDC/GL).

In attesa di una nuova consultazione prevista per questo autunno, i "senatori" hanno inoltre previsto che l'aliquota massima di 110 franchi sarà prolungata qualora il nuovo modello vicino alla realtà del mercato non entrasse in vigore entro il primo gennaio 2015.

Robert Cramer si è opposto invano a questa aggiunta affermando che "si tratta di un incitamento estremamente potente nei confronti dei cantoni alpini, che combattono ogni proposta di modifica". Alla fine il plenum non l'ha seguito con 20 voti contro 15 e 5 astenuti.

Resto del progetto immutato

Il resto del progetto non è stato modificato dagli Stati. L'esecutivo prevede di esonerare dal canone annuo per i primi dieci anni le nuove centrali idroelettriche che beneficiano di un contributo d'investimento.

Un alleggerimento è pure accordato agli impianti che hanno effettuato grossi lavori di ampliamento. Dal canto suo il Consiglio federale potrà concludere accordi internazionali legati all'utilizzazione delle forze idriche situate nelle vicinanze della frontiera.

Tags
progetto
aliquota
cantoni
canone
consiglio
acqua
aliquota massima
consultazione
grigioni
stati
© Regiopress, All rights reserved