devono rientrare 100 milioni (foto: Ti-Press)
Svizzera
19.09.2018 - 14:000

Le casse malattia chiedono un rimborso di 100 milioni

Alcune assicurazioni hanno intentato causa nei confronti di diverse case di cura. Il motivo sono i costi addebitati per materiale medico.

Numerose casse malattia, rappresentate da Tarifsuisse (filiale di Santésuisse) hanno intentato causa a circa 900 case di cura per ottenere il rimborso di poco meno di 100 milioni di franchi per i costi addebitati per del materiale medico.

Ad essere interessati sono istituti di tutta la Svizzera, ha riferito a Keystone-Ats il portavoce di Santésuisse Christophe Kaempf, confermando un'informazione pubblicata oggi sui media di Tamedia. Gli importi recuperati andrebbero a confluire nelle riserve.

La richiesta si basa su una sentenza del Tribunale amministrativo federale (Taf) dell'autunno 2017 che ha dato ragione alle casse malattia stabilendo che non sono più tenute a rimborsare tramite l'assicurazione base il costo del materiale sanitario utilizzato dai servizi di cure a domicilio, dalle case anziani e degli ambulatori non medicalizzati.

Nell'ambito delle revisioni del finanziamento delle cure del 2011 infatti, era stato deciso che i contributi dell'assicurazione malattie sarebbero stati limitati e che i cantoni dovevano assumersi il finanziamento residuo. La scadenza per l'attuazione era stata fissata a fine 2014. "Nonostante ciò, le case di cura hanno continuato a fatturare i costi", ha affermato Kaempf. Il rimborso di questi soldi viene ora richiesto per via legale a partire dal primo gennaio 2015.

Delle circa 40 casse affiliate a Santésuisse – secondo Kaempf – 16 partecipano alla richiesta di rimborso. "Per le altre non ne vale la pena", ha spiegato.

Potrebbe interessarti anche
Tags
rimborso
casse
case
casse malattia
malattia
santésuisse
materiale
case cura
cura
kaempf
© Regiopress, All rights reserved