ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
51 min

Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale

Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
Svizzera
4 ore

Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa

Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
4 ore

L’inflazione colpisce duramente gli anziani

L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
Svizzera
4 ore

‘Il riscaldamento a 19 gradi? Non s’ha da fare’

A dirlo è il settore immobiliare che critica la raccomandazione del Consiglio federale, poiché una casa troppo fredda è considerata ‘un difetto’
Svizzera
6 ore

Dopo l’addio di Maurer in casa Udc parte il ‘toto-nome’

Tramite il ‘Sonntagsblick’ il presidente democentrista Marco Chiesa stila il possibile profilo (o profili) del successore di Ueli Maurer
Svizzera
1 gior

Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri

Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
1 gior

Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini

Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
1 gior

Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa

Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
2 gior

Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher

La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
2 gior

Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica

Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
04.09.2018 - 19:53

Calvario per un 85enne accusato di aver rubato 2 franchi

Un agente di sicurezza aveva trovato nella borsa dell'anziano un busta di formaggio grattugiato non presente nello scontrino della spesa di 120 franchi

di Ats
calvario-per-un-85enne-accusato-di-aver-rubato-2-franchi
Archivio Ti-Press

Fa una spesa da 120 franchi ma nella borsa, in un controllo, gli trovano una busta di formaggio grattugiato da 1,95 franchi non registrata alla cassa: è l'inizio di un calvario giudiziario per un 85enne argoviese, destinato ad essere dapprima assolto e poi condannato per violazione di domicilio, avendo calpestato le piastrelle sbagliate di un centro commerciale.

Protagonista della vicenda - riferisce oggi il portale informativo Watson - è un pensionato con problemi di salute e difficoltà a camminare, che al suo domicilio, un appartamento nella regione di Aarau, si occupa della moglie gravemente malata.

Il caso scoppia il 28 maggio 2016. L'uomo fa la spesa in una filiale di un grande dettagliante nel centro commerciale Telli di Aarau, per un totale di 120 franchi, e mette gli articoli acquistati nella borsa che ha con sé. Subito dopo viene avvicinato da un agente di sicurezza che effettua un controllo: fra il fondo della borsa e il rinforzo di cartone viene trovato un prodotto che non figura sullo scontrino: è formaggio grattugiato per un valore inferiore ai 2 franchi.

L'anziano non è in grado di spiegare come la busta sia finita lì: la spiegazione più probabile, secondo il sito Watson, è che il formaggio sia rimasto lì da un acquisto precedente. Non è di questa idea però l'addetto alla sicurezza: a suo avviso si tratta chiaramente di furto in negozio, nonostante la discrepanza fra il bottino e la spesa effettuata. L'uomo deve pagare 150 franchi e firma i formulari che gli vengono sottoposti, perché vuole lasciare al più presto possibile il luogo. In pratica viene bandito da tutti i negozi del medesimo dettagliante in Svizzera.

Due mesi più tardi il pensionato si trova in un altro centro commerciale, a Buchs (AG): camminando con un carrello della spesa dal parcheggio a un piano superiore passa di fianco a un negozio della stessa catena. Lì per caso viene riconosciuto dal medesimo agente di sicurezza che lo aveva fermato ad Aarau.

Parte una denuncia penale e due mesi più tardi l'uomo si vede recapitare un decreto d'accusa da parte della procura cantonale. Deve rispondere di violazione di domicilio per essersi attardato nell'area d'ingresso della filiale della catena in questione, sebbene gli fosse stato imposto per iscritto un divieto di due anni di accedere ai punti vendita. Concretamente l'uomo ha calpestato non solo le piastrelle beige del pavimento del centro commerciale, ma anche quelle grigie, che sono già di proprietà del negozio.

L'uomo, che dice di non essersi accorto della differenza cromatica, decide quindi di impugnare il decreto d'accusa. Nel febbraio 2017 si tiene il dibattimento davanti al tribunale distrettuale. L'imputato viene assolto, ma solo per motivi formali: al momento dell'inoltro della denuncia penale il servizio di sicurezza non disponeva di una procura generale necessaria per la querela di parte, necessaria per il reato in questione.

Ma la vicenda non finisce qui. Il ministero pubblico inoltra ricorso al tribunale d'appello e ottiene ragione: nel novembre 2017 la corte ribalta il giudizio di prima istanza. In base alla nuova interpretazione giuridica, il servizio di sicurezza aveva diritto a denunciare il cliente del negozio. I giudici riducono però la sanzione richiesta dall'accusa e infliggono una pena pecuniaria di 150 franchi, invece dei 500 suggeriti dal procuratore. Si aggiungono poi le spese giudiziarie di 2500 e i costi d'avvocato: complessivamente l'uomo dice di aver avuto costi totali di 10'000 franchi. Portare il caso al Tribunale federale? "Non ne posso più", risponde l'interessato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved