laRegione
Nuovo abbonamento
haute-route-era-una-guida-responsabile
Der Spiegel
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Coronavirus, in Svizzera 161 nuovi casi e 3 decessi

Il totale delle persone infette da inizio pandemia sale a 36'269. L'incidenza della malattia ha raggiunto i 422,6 casi ogni 100'000 abitanti
Svizzera
2 ore

Nessun obbligo di udienza video a causa del Covid

Secondo il Tribunale federale, questa procedura non può essere imposta se una delle parti vi si oppone
Svizzera
3 ore

Cavallerizza muore durante una lezione di salto

La donna di 49 anni è caduta ed è stata calpestata con uno zoccolo del cavallo che era inciampato su un ostacolo
Svizzera
3 ore

Nel lockdown è crollato il consumo di energia

Nonostante l'impennata del telelavoro da casa, la richiesta è calata del 12%. A pesare la chiusura di ristoranti, bar, scuole e negozi e la riduzione dei mezzi pubblici.
Svizzera
5 ore

La Svizzera acquisterà 4,5 milioni di dosi di vaccino

Coronavirus: serviranno per 2 milioni e 250mila persone. La Confederazione ha stipulato un contratto con la statunitense Moderna, ma è in contatto con altre aziende
Svizzera
14 ore

Coronavirus, infette dalle 250 mila alle 400 mila persone

Secondo una stima, nel nostro Paese dal 3 al 5 per cento della popolazione ha contratto il virus
Svizzera
16 ore

Aeromodello ferisce gravemente al volto un 23enne

L'incidente è avvenuto ieri sera nel canton Zurigo. Il 'pilota' si trovava a 200 metri di distanza dal luogo dell'incidente
Svizzera
20 ore

Quarantena in Norvegia per chi arriva dalla Svizzera

Da sabato i viaggiatori provenienti dalla Confederazione, Francia e Repubblica Ceca dovranno osservare una quarantena di dieci giorni nel Paese scandinavo
Svizzera
05.08.2018 - 17:270
Aggiornamento : 20:18

Haute Route, 'era una guida responsabile'

Una sopravvissuta alla tragedia dello scorso 30 aprile ricorda sul settimanale 'Der Spiegel' la guida Mario Castiglioni e i momenti precedenti il dramma

“Chi sia da biasimare non è così chiaro''. Un'alpinista bavarese sopravvissuta alla tragedia dello scorso 30 aprile sulla Haute Route, in Vallese, ha raccontato quei tragici momenti al settimanale tedesco Der Spiegel. Nella spedizione morirono 7 alpinisti, tra loro la guida comasca Mario Castiglioni e la moglie Kalina Damyanova, residenti a Chiasso, dove erano contitolari dell'agenzia 'Mlg', specializzata nella organizzazione di spedizioni in tutto il mondo.

Nei giorni immediatamente successivi alla tragedia, Castiglioni era stato accusato di irresponsabilità da un architetto milanese, mentre il terzo sopravvissuto, un 72enne ticinese, si è trincerato dietro uno strettissimo riserbo. Per quanto è dato sapere, la sua versione risulta agli atti dell'inchiesta della polizia cantonale vallesana che sembra orientata ad archiviare il fascicolo giudiziario. ''Conoscevo Mario Castiglioni come una guida responsabile. Non avendo la possibilità di difendersi, ho deciso di parlare'' dice l'alpinista tedesca che da anni, dapprima con il marito (morto da pochi anni) e successivamente da sola, si rivolgeva a Castiglioni per scalare le montagne.

Quello che la donna ha fornito a Der Spiegel è una ricostruzione minuziosa che inizia dall'incontro a Milano con gli altri partecipanti alla spedizione. L'articolo del settimanale si sofferma sull'alba del giorno precedente la tragedia: ''Alle 5 del mattino del 29 aprile Lisa Hagen (la donna bavarese, ndr) si sveglia in un rifugio a 2'928 metri sopra il mare. Ha dormito poco e non smette di pensare al tempo che farà''. La maggior parte dei sessanta alpinisti presenti nel rifugio ''ha optato per aspettare che la tormenta passasse. L'architetto parlò con un francese sicuro che il tempo sarebbe cambiato rapidamente. Castglioni la pensava diversamente''. Comportamento irresponsabile da parte della guida comasca? Il pensiero della sopravvissuta: ''Gli altri alpinisti hanno preferito eccedere in cautela: questo non vuol dire che la decisione di Mario di continuare fu sbagliata. L'alpinismo conosce poche regole rigide. Questa ambiguità è ciò che rende l'alpinismo così eccitante o terrificante, dipende dalle situazioni. Chi va in montagna deve analizzare i rischi possibili piuttosto che le certezze''.

© Regiopress, All rights reserved