(Keystone)
Svizzera
05.08.2018 - 08:210

Sabato nero nei cieli, cade un velivolo nei Grigioni

Poche ore prima, un monomotore è precipitato in territorio di Hergiswil (NW). Deceduta un'intera famiglia

Doppio incidente con esisto mortale nei cieli svizzeri. Nel primo schianto, verificatosi ieri intorno alle 10 nel territorio di Hergiswil (NW), è morta un'intera famiglia: padre, madre e due figli minorenni. Erano a bordo di un monomotore da cinque posti Socata TB-10 decollato alle 9.30 dall'aerodromo di Kägiswil, frazione di Sarnen (OW), e diretto in Francia.

Venti minuti più tardi, alle 09.50, è avvenuto il crash, in una zona boscosa difficilmente accessibile nella regione del Renggpass. L'incidente ha provocato un incendio: prima di poter intervenire è stato quindi necessario spegnere le fiamme con un elicottero. I soccorritori giunti poi sul posto hanno trovato il rottame del velivolo completamente carbonizzato, con le quattro vittime. Le cause del sinistro non sono ancora note.

Tragico volo panoramico

Il secondo incidente si è verificato ieri pomeriggio sul Piz Segnas, cima di 3099 metri a cavallo fra Grigioni e Glarona. Lo schianto è avvenuto sul versante retico, sulla pendice occidentale della montagna, sopra Flims (GR), a un'altezza di 2540 metri. La polizia non ha fornito indicazioni riguardo a possibili vittime, limitandosi a far sapere che il velivolo era multiposto e che sono intervenuti due elicotteri della Rega, tre elicotteri civili e vari altri soccorritori.

Il velivolo in questione dovrebbe essere uno Ju 52 della Ju-Air, associazione che propone voli panoramici con i celebri aerei che sono stati per anni colonna portante dell'aeronautica elvetica e - ancora prima - della Luftwaffe nazista. "È nostro triste dovere informarvi che uno dei nostri aerei Ju-52 ha avuto un incidente oggi, 4 agosto 2018. Al momento non sono disponibili ulteriori informazioni", si legge sul sito online di Ju-Air.

Lo Ju 52 è un aereo da trasporto tedesco costruito negli anni 30 del secolo scorso dalla Junkers, di uso sia civile che militare, in alcuni casi anche come bombardiere. È stato fra l'altro protagonista del ponte aereo organizzato nell'inverno 1942/1943 per venire in soccorso alla Sesta armata nazista accerchiata a Stalingrado. L'aeronautica militare elvetica acquistò tre Ju 52 nel 1939 e per oltre 40 anni li usò come velivolo da trasporto: vennero radiati solo nel 1981. Da allora i velivoli - che hanno le matricole HB-HOS, HB-HOP e HB-HOT - vengono usati per voli panoramici.

Ad essere caduto - ma si tratta di informazioni non confermate - sarebbe il velivolo HB-HOT. Lo Ju 52 - spesso soprannominato "Tante Ju", la zia Ju - ha 17 posti a sedere ed è pilotato da due persone. L'aereo viene spesso notato, nel suo procedere nel cielo, perché si sposta lentamente: ha una velocità di crociera di 180 km/h. I tre velivoli di Ju-Air operano dall'aerodromo di Dübendorf (ZH).

Per chiarire quanto successo in entrambi gli incidenti si è attivato il Ministero pubblico della Confederazione, che lavora in collaborazione con Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) nonché con le procure e le polizie dei due cantoni interessati.

Tags
velivolo
ju
aereo
cieli
grigioni
ju-air
© Regiopress, All rights reserved