ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

I pirati (informatici) salgono sui convogli delle Ffs

L’ex regia federale è finita nel mirino degli hacker. Ma la compagnia assicura: ‘Operazioni ferroviarie e dati dei clienti non sono stati toccati’
Svizzera
9 ore

Tracce di listeria in due tipi di formaggio

Sono stati rinvenuti in diversi lotti del francese Gaperon d’Auvergne e della Tomette des Alpes
Svizzera
9 ore

Henrique Schneider da luglio alla testa dell’Usam

Cambio della guardia in vista per l’Unione svizzera delle arti e mestieri. L’attuale presidente, Hans-Ulrich Bigler, passa il testimone
Svizzera
9 ore

Anche i clienti commerciali della Posta dovranno usare SwissID

Il cambiamento, che dovrebbe avvenire entro la metà dell’anno in corso, coinvolge circa 350’000 utenti
Svizzera
10 ore

Bonus milionari se la ristrutturazione andrà in porto

Li avrebbe promessi ai suoi 500 manager Credit Suisse. Che domani annuncerà i risultati del quarto trimestre e dell’intero anno
Svizzera
11 ore

‘Brilla’ un obice ritrovato nelle acque del Reno

Il proiettile di mortaio, probabilmente risalente agli anni Novanta, era stato ritrovato non lontano dal quartiere residenziale di St. Alban
Svizzera
11 ore

Meteonews avverte: fazzoletti a portata di mano

Brutte notizie per gli allergici: il rialzo delle temperature previsto nei prossimi giorni porterà un’aumento dei pollini nell’aria
Svizzera
11 ore

‘A Iskenderun ci davano poche speranze, e invece...’

Il fiuto dei cani svizzeri per ritrovare i superstiti sotto le macerie del terremoto in Turchia. Al lavoro due squadre alternate sull’arco di 24 ore
Svizzera
14 ore

Il carnevale non è divertente per i cani

Gli animali sono esposti a troppo stress, soprattutto a livello uditivo: guggen e petardi non fanno bene agli amici a quattro zampe
Svizzera
16 ore

A Lucerna Migros ti porta la spesa a casa col furgone autonomo

A beneficiare della novità, ancora in fase di sperimentazione, sono i dipendenti di Schindler, colosso industriale degli ascensori e delle scale mobili
Svizzera
1 gior

Anche gli svizzeri a rischio di inondazioni

I mutamenti climatici aggravano il problema di chi abita all’interno delle vie di sfogo delle acque in caso di tracimazione. A rischio 700mila persone
Svizzera
1 gior

Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’

Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
1 gior

I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns

È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
1 gior

Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera

Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
12.07.2018 - 06:20

‘Il diritto contro la paura’

Bruno Balestra sull’‘ingannevole’ iniziativa Udc detta per l’autodeterminazione. Nasce in Ticino un'associazione per combatterla.

di Stefano Guerra
il-diritto-contro-la-paura
(Ti-Press)
Bruno Balestra, copresidente dell'associazione 'Uniti dal diritto'

Siamo in piena estate, all’appuntamento mancano più di quattro mesi, e di mezzo – a fine settembre – c’è un’altra votazione popolare a livello federale. Ma l’iniziativa Udc ‘contro i giudici stranieri’ già scalda gli animi. I contrari si mobilitano. Anche in Ticino, dove ieri è scesa in campo la neonata associazione ‘Uniti dal diritto’ (cfr. scheda). Bruno Balestra, ex procuratore generale, è uno dei copresidenti. ‘laRegione’ lo ha intervistato.

Un’associazione, non il solito comitato, per combattere l’iniziativa dell’Udc. Segno che questa non è una votazione come le altre: è così?
Siamo convinti che questa votazione abbia una valenza molto particolare: è una di quelle che distinguerà un “prima” da un “dopo”. Questa iniziativa è un attacco frontale alla libertà e alla fiducia, due punti fondamentali che sono il collante necessario al vivere comune secondo il modello della democrazia liberale. Capisco le preoccupazioni per il mondo che cambia, ma la paura è il contrario della fiducia e non possiamo proteggerci chiudendoci in noi stessi. Non possiamo evitare la relazione con gli altri: il diritto, come il commercio, vive di relazioni, e nel mondo di oggi sempre di più.

Da qui il nome dell’associazione, ‘Uniti dal diritto’.
Il diritto pone un argine alle prevaricazioni dei più forti. Hans Kelsen [1881-1973, celebre giurista e filosofo austriaco, ndr] diceva che la giustizia costituzionale è importante perché difende le minoranze dalla dittatura della maggioranza. In Svizzera non abbiamo un tribunale costituzionale che garantisca la libertà di ogni cittadino, di ogni minoranza: l’unico modo per far valere i propri diritti di fronte a leggi e iniziative che li violano è andare a Strasburgo, alla Corte dei diritti dell’uomo, che è la nostra Corte costituzionale e dove tra l’altro abbiamo un nostro giudice.

Lei dà per scontato che, se prevarrà il ‘sì’, la Convenzione europea dei diritti dell’uomo (Cedu) verrà denunciata. L’iniziativa però non ne chiede esplicitamente la disdetta. Strategicamente il testo non chiede la disdetta della Cedu.
Ma anni fa l’allora presidente dell’Udc Toni Brunner e il consigliere federale Ueli Maurer espressero la necessità di affermare il potere assoluto del popolo sovrano sui diritti individuali dei cittadini protetti dalla Cedu. L’Udc sa che è meglio non dirlo. Ma sta di fatto che, se vincerà il ‘sì’, il Tribunale federale non potrà più rispettare la giurisprudenza internazionale sui diritti dell’uomo, e nessuna autorità potrà eseguire una decisione di Strasburgo a favore di un cittadino svizzero, se contraria al volere della maggioranza. Quando non rispetteremo i patti, sarà il Consiglio d’Europa, di cui facciamo parte, a invitarci ad uscire.

Varie sentenze della Cedu hanno fatto storcere il naso in Svizzera. Non è ora di porre un argine a una certa tendenza, da parte dei giudici di Strasburgo, a interpretare in modo estensivo i diritti dell’uomo?
Alcune sentenze – molto poche, invero – riguardanti la Svizzera, e non solo, sono discutibili. Ma tutti i giudici possono sbagliare. Il rimedio proposto però è peggiore del male. Non dimentichiamolo: l’indipendenza del potere giudiziario non è subordinata al voto della maggioranza. La posta in gioco è alta, il tema complesso.

Come spiegare, in poche parole, perché dovremmo votare ‘no’ il prossimo 25 novembre?
Perché ne va della libertà! L’autodeterminazione proposta è ingannevole, di fatto ci toglie la possibilità di difenderci da leggi che violano la nostra libertà e i diritti tutelati dalla partecipazione al Consiglio d’Europa (che non è l’Ue) e da migliaia di accordi con altri Paesi che proteggono noi come cittadini e la nostra economia, in particolare quella votata all’esportazione. E poi perché ne va della fiducia! Subordinare – anche retroattivamente – il rispetto di tutti i contratti stipulati con gli altri Stati alle fluttuazioni del diritto elvetico significa: tradire la parola data, rompere gli accordi e alla fine emarginarci – in quanto partner inaffidabile – da un contesto internazionale del quale abbiamo bisogno.

 

L'associazione ‘Uniti dal diritto’

Apartitica, riunisce personalità ed esperti del settore giuridico e della società civile “che si battono per la difesa dei diritti delle cittadine e dei cittadini svizzeri” e “contro l’iniziativa autolesionista” dell’Udc. Tra i co-presidenti, due ex procuratori generali (Bruno Balestra e John Noseda), il giudice dei minorenni Reto Medici, la ex consigliera nazionale Ppd Chiara Simoneschi-Cortesi e l’ex direttore del Liceo di Lugano 1 Giampaolo Cereghetti. 

www.unitidaldiritto.ch

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved