laRegione
Nuovo abbonamento
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 min
Esercito, 38 reclute e quadri trovati positivi al Covid-19
È il risultato dello screening eseguito su 11'828 militi entrati in servizio per la scuola reclute 2020
Svizzera
16 ore
Quindici anni al 'guru' del sesso che abusò di 18 giovani donne
Tribunale vodese condanna 66enne sedicente guaritore. Era stato arrestato grazie alla denuncia sporta da una delle sue vittime.
Svizzera
17 ore
Volevano arruolarsi nell'Isis: due persone a processo al Tpf
Depositato l'atto d'accusa nei confronti di uno svizzero e di uno svizzero-tunisino residenti in Romandia. Erano stati arrestati al rientro dalla Turchia.
Svizzera
19 ore
Urina contro un muro e viene picchiato, prestazioni Suva ridotte
Il Tribunale federale dà ragione all'assicurazione contro gli infortuni, che ha ritenuto che la vittima non fosse esente da responsabilità
Gallery
Svizzera
20 ore
Obbligo della mascherina in Svizzera, primo giorno positivo
Mezzi pubblici, la maggior parte della popolazione rispetta le disposizioni. Ffs e Bls soddisfatte. Una mascherina con il "20 minuti" stamattina a Lugano
Svizzera
22 ore
Calano i contagi in Svizzera, nel weekend in Ticino doppia cifra
Sono 47 i nuovi positivi al Coronavirus registrati in Svizzera nelle ultime 24 ore. Domenica erano 70. A sud delle Alpi, da venerdì, 10 casi
Ginevra
23 ore
Il consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet cacciato dal Plr
Lo ha deciso il comitato direttivo del partito a maggioranza schiacciante. Non era mai successo che un ministro in carica fosse estromesso
Svizzera
20.06.2018 - 21:110

Autori di reato, a Zurigo la nazionalità non si dice

Il Consiglio comunale ha respinto un postulato dell'Udc che chiedeva di rendere nota nei comunicati di polizia la cittadinanza degli indagati

La polizia cittadina di Zurigo continuerà a non indicare la nazionalità degli autori di reati nei suoi comunicati. Il Consiglio comunale ha respinto questa sera a grande maggioranza un postulato dell’Udc che chiedeva di ritornare alla prassi in vigore fino all’anno scorso. Il postulato dei "democentristi" – che sull’argomento hanno lanciato anche un’iniziativa a livello cantonale – ha ottenuto soltanto 17 voti favorevoli; 100 i contrari. A bocciarlo sono stati tutti i partiti ad eccezione dell’Udc. Ciò significa che l’atto parlamentare non sarà trasmesso all’esecutivo cittadino e che quest’ultimo non dovrà prendere posizione.

Dallo scorso mese di novembre la Città di Zurigo ha rinunciato a rendere nota la nazionalità di propria iniziativa, pur lasciando ai giornalisti la possibilità di chiedere chiarimenti. La decisione era stata annunciata dall’allora responsabile del dicastero sicurezza Richard Wolff (Lista alternativa). Per l’esecutivo a maggioranza rosso-verde, citare la nazionalità dei presunti responsabili di reati servirebbe soltanto a creare una "presunta trasparenza". Il cambiamento di modalità era stato a sua volta deciso sulla base di un precedente postulato presentato due anni prima da PS e Verdi liberali, che il parlamento cittadino aveva sostenuto con 72 voti favorevoli e 46 contrari. L’argomento è tuttavia destinato a rimanere oggetto di dibattito.

L’Udc del canton Zurigo ha accusato la Città di condurre una "politica della censura" e ha consegnato un mese fa alla cancelleria un’iniziativa popolare cantonale con cui chiede che la polizia informi il pubblico sui crimini "in modo trasparente". L’iniziativa esige che nei comunicati e nelle conferenze stampa di tutti i corpi di polizia (cantonale e comunali) vengano specificati età, genere e nazionalità di colpevoli, sospetti e vittime. Su richiesta, devono essere indicate anche le persone con un passato migratorio, "per quanto sia disponibile l’informazione". Citare la nazionalità delle persone sospettate di reati nei comunicati della polizia è una prassi introdotta da una decina di anni in tutta la Svizzera. Lo spunto lo avevano dato proprio due iniziative popolari dell’Udc che sono state approvate nei cantoni di Soletta e San Gallo. Anche la Conferenza dei comandanti delle polizie cantonali ha deciso, dopo un lungo dibattito, di seguire questa strada.

© Regiopress, All rights reserved