(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora
Lauber ricorre contro la riduzione di salario
Svizzera
4 ore
Coronavirus, quasi mille casi in più nelle ultime 24 ore
Svizzera
7 ore
Da Berna più soldi per le Pmi, 'ma non a fondo perso'
Svizzera
11 ore
Vincent Ducrot assume la direzione delle Ffs
Svizzera
11 ore
Davos, elezioni comunali rinviate al 27 settembre
Svizzera
14 ore
Covid-19, Keller-Sutter contraria all'isolamento della Svizzera
Svizzera
1 gior
Coronavirus, tutti i liberi professionisti vogliono le Ipg
Svizzera
1 gior
Mascherine, la Svizzera non fa come l'Austria
Svizzera
1 gior
Berset: resistete alla tentazione della primavera
Svizzera
1 gior
L'Udc vuole riaprire la Svizzera: 'Mascherine e al lavoro'
Svizzera
1 gior
Niente esami teorici per gli apprendisti
Svizzera
1 gior
Coronavirus, corsi di ripetizione sospesi per tre mesi
Svizzera
1 gior
Gli 007 svizzeri hanno conservato troppo alcune informazioni
Svizzera
1 gior
Daniel Koch, mister coronavirus, va in pensione. Anzi no
Svizzera
1 gior
Si infoltisce il numero degli elvetici espatriati (+1,4% nel 2019)
Svizzera
2 gior
Allentamento del servizio universale per la Posta
Svizzera
2 gior
Coronavirus, Koch: 'Non siamo ancora arrivati al picco'
Svizzera
2 gior
Coronavirus, più di 15'000 casi confermati in Svizzera
Svizzera
2 gior
Coronavirus, 70mila indipendenti chiedono aiuto finanziario
Svizzera
2 gior
Svitto, 40enne spara sulla polizia durante la notte. Arrestato
Svizzera
3 gior
Incidente con sei feriti sull'A8
Svizzera
3 gior
Svizzeri go home: 1'200 persone rimpatriate con sette voli
Svizzera
3 gior
Niente più Tilo, tutti i treni fermano a Chiasso o Stabio
Svizzera
3 gior
Coronavirus, 100 militi positivi. Ma la scuola reclute prosegue
Svizzera
3 gior
Coop, nei supermercati un terzo di clienti in meno
Svizzera
3 gior
In Svizzera si mobilita l'esercito dei volontari
Svizzera
3 gior
Passaggio all'ora estiva, rilanciato il dibattito sulla sua utilità
Svizzera
4 gior
Coronavirus, Koch: '280 pazienti collegati a respiratore'
Svizzera
20.05.2018 - 08:000

Voto sui giochi in denaro, quel che c'è da sapere in 11 risposte

Il 10 giugno consultazione popolare sulla nuova norma federale. Ecco la posta in gioco della battaglia economica tra case da gioco e casinò online esteri

La nuova legge sui giochi in denaro, in votazione il 10 giugno, ha generato una battaglia economica tra case da gioco e lotterie elvetiche e casinò online esteri. I siti di questi ultimi senza autorizzazione in Svizzera verranno infatti oscurati. Contro questa misura si sono schierati quasi tutti i partiti giovanili, invocando la libertà di internet. La posta in gioco spiegata in una serie di domande e risposte.

Su cosa si vota?

Sulla nuova legge sui giochi in denaro (Lgd), che mira a regolamentare in un’unica normativa il gioco d’azzardo, le lotterie e le scommesse.

Perché si vota sulla Lgd?

Contro la Lgd è stato lanciato un referendum da un comitato formato dai partiti giovanili di Plr, Udc e Verdi liberali. La legge ha però avuto origine diversi anni fa. Nel 2012 i cittadini avevano infatti accettato con l’87% dei voti un controprogetto del Consiglio federale all’iniziativa popolare (poi ritirata) ‘Per giochi in denaro al servizio del bene comune’ che ha attribuito alla Confederazione la competenza legislativa per tutto il settore. Nel 2013 il governo ha così presentato le grandi linee della nuova legge sui giochi in denaro, mettendo l’accento sulla lotta contro la dipendenza dal gioco. Nel 2016 sono poi iniziati i dibattiti parlamentari, che si sono prolungati a causa di un ‘ping-pong’ tra le due Camere su diversi elementi controversi della legge (come l’oscuramento dei casinò online stranieri o il limite sotto il quale vale l’esenzione fiscale delle vincite). Il 29 settembre 2017 la legge è quindi stata adottata dal Parlamento. Sembrava finita qui, ma la riuscita del referendum porterà i cittadini alle urne il prossimo 10 giugno.

Quali sono le principali novità della Lgd?

La soppressione del divieto di offrire giochi da casinò online, il permesso ai Cantoni di organizzare piccoli tornei di poker al di fuori dalle case da gioco e l’esenzione fiscale per le vincite inferiori al milione di franchi. Inoltre il testo in votazione intende rafforzare la protezione contro il gioco patologico, obbligando anche le lotterie e le società di scommesse a escludere – come già fanno i casinò – le persone dipendenti. La nuova legge mira pure a inasprire la lotta contro il riciclaggio e a ridurre il pericolo di manipolazioni delle scommesse sportive.

Qual è il punto più controverso della legge?

Sicuramente la regolamentazione dei giochi da casinò online come le slot machines, il poker o la roulette in forma digitale. La nuova legge permetterà infatti di offrire tali giochi in rete, ma solo alle case da gioco con una sede fisica in Svizzera e che hanno richiesto un’autorizzazione. Inoltre – e qui si arriva al punto – i siti dei casinò online con sede all’estero verranno bloccati se le relative società che offrono tali servizi non riceveranno una concessione. Si tratterebbe della prima volta che in Svizzera una legge prevede l’oscuramento di un sito internet. Questa misura è chiaramente ben vista dai casinò elvetici, mentre è contestata dalle associazioni che difendono la libertà assoluta della rete. In realtà nella Confederazione certe pagine web vengono già oscurate: gli internet provider come Swisscom, Upc o Salt bloccano – su base volontaria – l’accesso a pagine web con contenuti pedopornografici.

Come si blocca un sito internet?

Di solito un sito viene oscurato tramite il server Dns, che trasforma un indirizzo internet (come www.laregione.ch) in un indirizzo Ip corrispondente. Se questo procedimento viene bloccato, il browser non riuscirà a trovare il sito in questione. Di solito l’utente viene poi reindirizzato su una pagina che spiega le ragioni del blocco. In Svizzera i siti pedopornografici vengono oscurati con questo sistema e anche per quanto riguarda la Lgd dovrebbe essere applicato questo blocco. Il problema è che questi oscuramenti possono essere aggirati abbastanza facilmente, anche da ‘principianti’: ad esempio con un collegamento Vpn che fa credere al sito web che non ti stai collegando dalla Svizzera. Il Consiglio federale si dice consapevole della possibilità di aggirare il blocco, ma ne sottolinea l’effetto dissuasivo.

Quali sono gli argomenti dei contrari?

Il ‘Comitato contro la censura di internet e l’isolamento digitale’, fondato dai partiti giovanili di Plr, Udc e Verdi liberali (solo i Giovani Ppd sono contrari alla Lgd) denuncia che la normativa è stata scritta dai casinò svizzeri a protezione dei loro interessi. E questo con la scusa di proteggere maggiormente i giocatori e di garantire entrate sufficienti all’Avs. Inoltre il blocco dei siti esteri di giochi in denaro è – a loro dire – inutile, perché facilmente aggirabile. Contro la Lgd si battono anche due altri comitati: quello parlamentare interpartitico e quello dei Giovani Verdi, che reputa insufficiente la protezione contro il gioco patologico. Tutti e tre i comitati lottano per la libertà di internet. Per quanto riguarda i partiti di governo, il Plr consiglia – un po’ a sorpresa dopo che l’aveva sostenuto in Parlamento – la bocciatura del testo, mentre l’Udc ha dato libertà di voto. Il ‘no’ è anche difeso da economiesuisse: il blocco dei siti starnieri creerebbe un precedente pericoloso per il commercio transfrontaliero online, portando a una chiusura del mercato.

Chi sostiene la nuova legge e perché?

In prima fila ci sono il Consiglio federale, i casinò svizzeri, le lotterie nazionali, i Cantoni (che approfittano dei contributi di casinò e lotterie) e, per quanto riguarda i partiti di governo, il Ps e il Ppd. Per i rappresentanti delle società di giochi in denaro, impedire alle imprese estere di offrire i loro servizi online in Svizzera si giustifica nella misura in cui questi ultimi non devono sottostare alle regole rigide che vigono nella Confederazione. Inoltre, per i promotori della Lgd, le imprese estere hanno la loro sede offshore in Paesi con una giurisdizione favorevole come Malta o Gibilterra. Il blocco dei loro siti è necessario per garantire che una parte dei guadagni dai giochi in denaro conseguiti in Svizzera sia destinata all’Avs, all’Ai e a scopi di pubblica utilità. La Lgd permetterà infatti di tassare le imprese estere che offrono tali giochi nella Confederazione. Infine, secondo il Consiglio federale, la Lgd permetterà di perseguire penalmente coloro che manipolano le competizioni sportive (la legislazione attuale è lacunosa al riguardo) e proteggerà maggiormente i giocatori, garantendo servizi a tutela delle persone dipendenti dal gioco.

Quali sono le cifre in gioco?

La società di lotterie Swisslos (che appartiene ai Cantoni della Svizzera tedesca e al Ticino) nel 2016 ha generato un utile di 413 milioni di franchi, dei quali 369 sono stati versati ai Cantoni e 44 a Sport-Toto, per scopi di pubblica utilità, come la promozione della cultura, di opere sociali, dell’ambiente o dello sport. L’omologa per la Svizzera francese, la Loterie Romande, ha realizzato un profitto di 398 milioni nel 2016, dei quali 217 sono stati distribuiti agli organi cantonali e a diverse istituzioni sportive. Nello stesso anno il volume d’affari dei 21 casinò svizzeri ammontava a 690 milioni, di cui 323 sono stati prelevati come imposte. Sempre nel 2016 Avs e Ai hanno così ricevuto 276 milioni provenienti dagli introiti dei giochi in denaro, i Cantoni con un casinò 47 milioni e circa 15mila progetti culturali, sociali o sportivi hanno potuto approfittare di 630 milioni. In questo contesto la tassazione dei giochi da casinò online dovrebbe garantire tra i 40 e 75 milioni in più alle casse di Avs e Ai. Infine, secondo uno studio dell’Università di Berna, gli introiti dei casinò online esteri in Svizzera ammontano a circa 250 milioni di franchi all’anno.

Come vengono finanziate le campagne?

Si tratta di un altro tema che ha fatto discutere. La campagna di raccolta firme per il referendum alla Lgd ha potuto usufruire di circa 500mila franchi provenienti da casinò online esteri. Si è trattato della prima volta che società estere, senza una relazione diretta con la Svizzera, ne hanno influenzato il processo democratico. Benjamin Fischer, presidente dei Giovani Udc, ha ammesso che senza questo contributo esterno probabilmente il referendum non sarebbe nemmeno stato lanciato. Per la campagna di votazione, i contrari al testo possono contare su un budget di circa un milione di franchi, senza, apparentemente, aiuti ‘esterni’. Sull’altro fronte, ovvero quello dei favorevoli, ci sono principalmente i casinò svizzeri, le lotterie nazionali e i Cantoni, che avranno a disposizione un budget massimo di tre milioni. Swisslos e la Loterie Romande hanno però indicato che non avrebbero finanziato la campagna di votazione, visto che i loro utili sono destinati a scopi di pubblica utilità: la loro parte proviene – hanno affermato – dalle riserve dei prodotti immobiliari di SportToto.

Qual è il pronostico?

Dopo il laborioso compromesso raggiunto in Parlamento, si poteva pensare che la legge non avrebbe trovato molti oppositori. Poi sono però scese in campo le formazioni giovanili di Udc, Plr e Verdi liberali che – occorre sottolinearlo – grazie al finanziamento dei casinò online esteri sono riuscite a raccogliere le firme necessarie per la riuscita del referendum. A sorpresa, poi, i Giovani liberali radicali sono riusciti a convincere anche i ‘grandi’ del Plr, ricordando loro (si dice) i principi liberali sui quali si fonda il partito. Questo e la libertà di voto dettata dall’Udc hanno sicuramente dato slancio ai contrari alla Lgd. L’ultimo sondaggio Ssr mostra che il 52% degli interpellati è favorevole alla legge, ma con un 9% di indecisi che non va sottovalutato. Se poi aggiungiamo che in gioco c’è quasi un miliardo destinato alla collettività, allora la battaglia si farà più tesa e intensa del previsto. Scommettiamo?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved