(Ti-Press)
Svizzera
16.05.2018 - 17:320
Aggiornamento 19:06

Chiesti due anni di carcere sospesi per Blancho, Illi e Cherni

La richiesta di pena formulata poco fa dalla procuratrice federale Juliette Noto. Domani al Tpf l'arringa della difesa.

Ventiquattro mesi di reclusione sospesi condizionalmente per 5 anni. Questa la richiesta di pena formulata poco fa dalla procuratrice federale Juliette Noto nei confronti dei tre esponenti del Consiglio centrale islamico svizzero (Ccis) a processo al Tribunale penale federale (Tpf) di Bellinzona e accusati di propaganda a favore del terrorismo.

Il presidente del CCIS Nicolas Blancho, il responsabile della comunicazione Qaasim Illi e il "produttore culturale" dell'organizzazione Naim Cherni sono accusati di aver violato la legge federale che vieta i gruppi terroristici al-Qaida, Stato islamico (Isis) e le organizzazioni associate. I tre si sono avvalsi del diritto di non rispondere: considerano il processo politico e le accuse senza fondamento.

Lo avrebbero fatto in particolare con una videointervista effettuata nell'ottobre 2015 in Siria ad Abdallah al-Muhaysini, un saudita che la Procura federale ritiene fosse un alto esponente di al-Qaida inel paese mediorientale. Lo stesso al-Muhaysini si è invece sempre dichiarato indipendente e non si è mai riconosciuto pubblicamente in al Qaida.

L'imputato principale è Cherni, 26enne tedesco residente a Berna, che secondo i servizi segreti elvetici "da anni contribuisce a radicalizzare giovani musulmani in Svizzera e mobilitarli per la lotta jihadista". Egli sostiene invece che con i suoi video ha voluto mettere in guardia contro i terroristi dell'Isis.

I tre esponenti del CCIS, che rischiavano fino a cinque anni di carcere o una pena pecuniaria, stamane sono stati accolti davanti al tribunale da una trentina di persone al grido di "Allah u akbar" (Dio è il più grande).

Il processo si concluderà domani con l'arringa della difesa. La lettura della sentenza è prevista per il 25 maggio.

 

Tags
cherni
pena
illi
ccis
blancho
carcere
processo
© Regiopress, All rights reserved