Svizzera
29.03.2018 - 14:080
Aggiornamento : 17:07

Abusava dei figli e della moglie, condannato a 18 anni di reclusione

Il tribunale di Yverdon-les Bains ha inflitto 36 mesi pure alla donna; rea d'aver 'chiuso gli occhi'. Anche qui ci sono poi le responsabilità dei servizi sociali

Diciotto anni di prigione da scontare: è la condanna inflitta oggi dal Tribunale del circondario della Broye e del Nord vodese a un uomo per aver abusato in diversi modi degli otto figli e della moglie per 12 anni. Condannata anche quest’ultima. La lettura della sentenza è avvenuta a Yverdon-les Bains (VD). Alla moglie – anch’essa sul banco degli accusati per aver chiuso gli occhi di fronte a quello che succedeva in casa, per violenze, violazioni del dovere di assistenza o educazione nei confronti dei figli – sono stati inflitti 36 mesi di detenzione di cui sei da scontare.

Gli otto figli della coppia, nati tra il 1996 e il 2014, sono stati ripetutamente picchiati dai genitori sin dall’infanzia. Successivamente il padre, che già commetteva violenze sulla moglie, ha iniziato ad abusare sessualmente della figlia maggiore che all’epoca aveva otto anni. La bambina ha subito continuamente abusi da parte del padre all’interno dell’abitazione famigliare, descritta come un luogo "malsano". La stessa sorte è toccata alla sorella minore e ai suoi fratelli. Il padre ha creato all’interno della sua famiglia una "bolla protettiva in cui tutto gli era permesso". Saziava i suoi impulsi sessuali o violenti, anche se consapevole di ciò che era lecito o meno. "Si arrogava il diritto di possedere i corpi dei suoi figli", ha detto il presidente del tribunale.

La madre ha invece preso coscienza della situazione, ammettendo, in parte, le sue azioni e riconoscendo che i figli dicessero la verità, dopo aver "gravemente violato i doveri di una madre disprezzando la sicurezza dei suoi bambini".

Il capitolo servizi sociali

I bambini sono stati maltrattati nonostante l’intervento, dal 1997, del Servizio vodese di protezione della gioventù e l’applicazione di una curatela di assistenza educativa per tutti i figli della coppia. Oltre a tracce di violenze fisiche sono state constatate carenze affettive, turbe della socializzazione e del linguaggio, problemi di alimentazione e mancanza di igiene e cure mediche.

La coppia beneficia di una diminuzione di responsabilità: leggera per il marito, la cui colpa è considerata "estremamente grave", e media per la donna, il cui periodo di prova è fissato a 3 anni. Per i due è inoltre vietato svolgere attività a contatto con i minori per dieci anni e dovranno pagare diverse centinaia di migliaia di franchi ai loro otto figli a titolo di riparazione per torto morale.

Il governo vodese al termine del verdetto ha annunciato, tramite una nota odierna, l’apertura di un’inchiesta esterna sul ruolo dei servizi sociali. Il Consiglio di Stato si interroga "sulle ragioni per le quali l’insieme del sistema messo in atto non abbia permesso di rilevare prima la gravità dei crimini commessi e perché non sia riuscito a prevenirli". L’indagine dovrà valutare se il Servizio vodese di protezione della gioventù o altre autorità cantonali abbiano commesso errori nel caso di questa famiglia.

L’inchiesta è stata affidata all’ex presidente del Tribunale federale Claude Rouillier. Il governo vodese ha inoltre revocato il segreto d’ufficio e quello medico per permettere l’accesso dell’ex giudice a tutte le informazioni del caso. Il rapporto dovrebbe essere consegnato alla fine di settembre.

Potrebbe interessarti anche
Tags
figli
moglie
tribunale
servizi sociali
violenze
servizi
otto figli
coppia
padre
© Regiopress, All rights reserved