Foto Ti-Press
Svizzera
13.03.2018 - 16:400
Aggiornamento 17:50

'Per giocare al computer dovevo toccare il membro di papà'

A processo nel canton Vaud un uomo accusato di incesto e stupro nei confronti degli otto figli. Lui nega.

"Tutte le sere, papà veniva nella mia camera. Non potevo fare niente, mi costringeva a fare l'amore". È la voce di uno dei ragazzi, presunte vittime di un uomo che nel canton Vaud avrebbe abusato dei figli, tre femmine e cinque maschi, nati tra il 1996 e il 2014.

Se n'è occupato oggi il Tribunale del circondario della Broye e del Nord vodese. L'uomo è accusato di aver seviziato e abusato in diversi modi degli otto figli, mentre alla moglie sono rimproverate violenze, violazioni del dovere di assistenza o educazione e complicità negli atti commessi dal marito.

Interrogato al riguardo dai giudici, il vodese ha negato di aver abusato sessualmente dei figli. I ragazzi, ad eccezione dei più giovani, affermano di essere stati picchiati fin da piccoli. Poi il padre, che apparentemente già malmenava e abusava della moglie, ha sottoposto ad atti sessuali la figlia maggiore, quando la bambina aveva otto anni. L'imputato avrebbe anche minacciato a più riprese i figli affermando che se un giorno dovesse andare in prigione, ucciderebbe l'intera famiglia non appena liberato.

'Spero che papà rimanga in prigione'

Agli abusi sono stati sottoposti anche i maschi. "Per giocare al computer, dovevamo toccare il membro di papà", ha dichiarato uno dei ragazzi, aggiungendo di sperare che al termine del processo "papà rimanga in prigione". I bambini sono stati maltrattati nonostante l'intervento, dal 1997, del Servizio vodese di protezione della gioventù e l'applicazione di una curatela di assistenza educativa per tutti i figli della coppia. Oltre a tracce di colpi sono state constatate carenze affettive, turbe della socializzazione e del linguaggio, problemi di alimentazione e mancanza di igiene.

I figli non volendo essere confrontati ai genitori, i due imputati erano assenti all'apertura dell'udienza. Accusato di diversi reati - fra i quali incesto, stupro, esposizione a pericolo della vita altrui - il padre sarà confrontato alle dichiarazioni delle vittime e dei testimoni dopodomani.

Tags
figli
papa
ragazzi
computer
membro
prigione
© Regiopress, All rights reserved