Keystone
Svizzera
01.03.2018 - 15:490
Aggiornamento : 17:40

Ffs Cargo eliminerà 800 posti di lavoro

Entro il 2020 saranno 330 gli impieghi soppressi su 2200. A medio termine saranno invece altri centinaia. Sindacati “indignati”

Ffs Cargo taglierà 330 posti di lavoro su 2200 entro il 2020: circa 100 impieghi saranno cancellati nell’amministrazione, 80 fra i macchinisti e 150 tra gli operai ferroviari, ha indicato la società di trasporto. Su un orizzonte più lungo, vale a dire entro la fine del 2023, la riduzione dell’organico sarà ancora più incisiva: verranno soppressi 800 posti.

La misura serve a contrastare il calo della domanda registrata in Svizzera, spiega l’azienda in un comunicato odierno. Il 2017 sarà chiuso con una perdita operativa di 37 milioni e dovrà essere operata una rettifica di valore di 189 milioni alla luce della prevista evoluzione degli affari.

Obiettivo della ristrutturazione dei vertici è rendere l’impresa snella affinché possa collaborare con altre imprese: i primi colloqui con potenziali partner verranno avviati a metà anno. La dirigenza punta a tornare con i bilanci in pareggio al più tardi nel 2020: ecco quindi che secondo i manager si impone la rinuncia a 330 impieghi.

Allo stato attuale inoltre Ffs Cargo ritene che alla fine del 2023 le prestazioni saranno fornite con solo un terzo del personale attuale, vale a dire da 1400 invece che 2200 dipendenti. Nei prossimi anni sono previsti centinaia di pensionamenti: degli 800 posti da cancellare 750 verranno perciò assorbiti dalla fluttuazione naturale.

L’azienda precisa comunque che a seconda del luogo d’impiego e dei profili professionali dovrà stralciare posti per poi reclutare nuovi collaboratori. Ffs Cargo intende fra l’altro investire 10 milioni di franchi per aiutare i dipendenti.

Le novità odierne non giungono a ciel sereno: in un’intervista rilasciata alcuni giorni fa a un domenicale il Ceo Nicolas Perrin aveva detto che l’azienda avrebbe potuto cancellare fino a 760 posti nei prossimi anni.

 

L'indignazione dei sindacati

I sindacati reagiscono con indignazione ai previsti tagli presso FFS Cargo: il personale è chiamato a pagare per gli errori del management, si legge in un comunicato congiunto.

Il segretario del sindacato dei trasporti SEV, Philipp Hadorn, mette in guardia: questo nuovo attacco al personale potrebbe portare a misure di lotta.

I vertici di FFS Cargo – criticano i rappresentanti dei lavoratori – pensa alla redditività a breve termine: questo mentre il trasporto merci è da considerare un mercato in crescita. In tale contesto, una riduzione di capacità non ha alcun senso a livello strategico.

Le ultime riorganizzazioni di FFS Cargo non sono state ancora completate e hanno già provocato carenze di personale e situazioni precarie, afferma Hadorn. L’incertezza che viene diffusa fra i dipendenti è enorme e la loro pazienza è al limite.

Secondo i sindacati il Consiglio federale deve garantire che FFS e FFS Cargo non prendano decisioni strategiche sul futuro di FFS Cargo fino a quando il consiglio d’amministrazione di FFS Cargo, sotto la direzione di una presidenza indipendente, non avrà elaborato una nuova strategia per garantire lo sviluppo duraturo dell’azienda.

Potrebbe interessarti anche
Tags
cargo
ffs
posti
ffs cargo
personale
sindacati
azienda
lavoro
dipendenti
impieghi
© Regiopress, All rights reserved