Svizzera
26.02.2018 - 18:420

Se non completi il servizio militare, paghi

La modifica legislativa è stata approvata dal Consiglio degli Stati. Tassa d'esenzione estesa sino al 37esimo anno d'età

In futuro, i cittadini tenuti al servizio militare e al servizio civile che, alla fine del loro obbligo di servizio, sono prosciolti nonostante non abbiano completato il servizio integralmente dovranno pagare una tassa. È quanto prevede una modifica legislativa approvata oggi all’unanimità dal Consiglio degli Stati. Il dossier ritorna al Nazionale per una divergenza minore. Il risultato netto alla Camera dei cantoni non deve sorprendere. La necessità di modificare la legge non era contestata da alcuno, come ha indicato a nome della commissione Josef Dittli (PLR/UR), secondo cui le attuali regole vigenti vanno adeguate alla nuova organizzazione dell’esercito e del servizio civile.

Per il consigliere federale Ueli Maurer – e lo stesso Dittli – la tassa finale dovrebbe incitare i militi a prestare tutti i giorni di servizio. La tassa colpirà le persone che devono prestare ancora più di 15 giorni di servizio militare o più di 25 giorni di servizio civile. Verrà calcolata tenendo conto del numero di giorni prestati e di eventuali tasse d’esenzione già pagate. La revisione legislativa contiene anche altre novità: l’assoggettamento alla tassa d’esenzione dall’obbligo militare sarà estesa dal 19esimo al 37esimo anno d’età (attualmente dal 20esimo al 30esimo). In questo lasso di tempo saranno riscosse al massimo 11 annualità. In caso di differimento della scuola reclute (fino al 25esimo anno di età), la tassa viene soppressa. Si tratta di un atto dovuto poiché colpisce gli studenti; a pagarla sono quindi i genitori, ha precisato Dittli.

La tassa di base rimarrà fissata al 3% del reddito, ma almeno a 400 franchi. La sinistra, rappresentata dal senatore Claude Hêche (PS/JU), avrebbe voluto modularla in base al reddito. Tuttavia, al voto questa proposta di minoranza è stata bocciata per 30 voti a 11. Secondo la maggioranza, se accolta una simile proposta avrebbe comportato minori entrate per le casse dello Stato pari a 34 milioni di franchi. La revisione legislativa così come uscita dalle deliberazioni odierne prevede invece maggiori entrate per due milioni. Gli Stati, come il Nazionale, hanno anche deciso che la tassa dovrà essere riscossa prima che abbia inizio un eventuale congedo all’estero della persona astretta al servizio.

Potrebbe interessarti anche
Tags
tassa
servizio
servizio militare
esenzione
servizio civile
stati
anno età
dittli
giorni servizio
© Regiopress, All rights reserved