laRegione
Nuovo abbonamento
Svizzera
17.01.2018 - 08:330

Segreteria di Stato della Migrazione, nuova polemica

La Oseara Ag, ditta zurighese che si occupa dei controlli medici, non avrebbe le carte in regola per adempiere alle funzioni del suo mandato

Segreteria di Stato della Migrazione di nuovo nell'occhio del ciclone. Tutta colpa, stavolta, della Oseara AG, società a responsabilità limitata fondata nel 2012 proprio per prendere la gestione dei controlli medici e il rimpatrio forzato dei richiedenti asilo la cui domanda è stata respinta. Compiti, quelli della società zurighese – come riferito da Ticinonews –  ben remunerati dalla SEM: 20 milioni di franchi l'anno. Un importo al quale – secondo il Tages Anzeiger – vanno sommati altri due milioni dai mandati ottenuti dalla Polizia Cantonale di Zurigo. Peccato solo che buona parte del personale utilizzato dalla Oseara non abbia i titoli per operare e adempiere regolarmente alle funzioni del mandato. Come spiega il quotidiano zurighese, per poter svolgere questo tipo di mansioni, particolarmente delicate, occorre essere in possesso di un titolo specialistico federale e un ulteriore addestramento in medicina d'urgenza. Eppure ben 8 dei 20 medici utilizzati dalla ditta ne sono sprovvisti. Inoltre, almeno cinque medici che lavorano per Oseara non hanno l'autorizzazione o il permesso di formazione professionale nel canton Zurigo. Peraltro tre di loro operano anche direttamente per la SEM, che in tutti questi anni ha sempre e solo assegnato i mandati alla Oseara. Secondo il Tages Anzeiger, c'è il rischio di un conflitto di interessi tra la SEM e la stessa Oseara, che peraltro riceve somme forfettarie basate proprio sul volume dei rimpatri e sulle prestazioni mediche fornite ai richienti asilo, che quindi potrebbero essere gonfiati apposta per ottenere mandati più "sostanziosi". Al momento la società zurighese non ha voluto replicare alle accuse.

© Regiopress, All rights reserved