laRegione
Nuovo abbonamento
influenza-gli-infermieri-vaccinati-sono-troppo-pochi
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore
Yvan Perrin non è colpevole di discriminazione razziale
Il Tribunale di Neuchâtel non ha seguito la procura, che lo accusava di aver propagato un'ideologia volta a denigrare i musulmani, e ha assolto Perrin
Svizzera
14 ore
Niente paghetta per richiedenti asilo con poche speranze
Per il Taf, la mancata concessione di una somma per piccole spese a chi non ha bisogno di un visto d'ingresso è una pratica corretta
Svizzera
14 ore
Abusi cattedrale Friburgo, vescovo non sapeva della gravità
All'epoca, gli abusi dell'ex parroco erano stati riportati come "un paternalismo un po' troppo spinto" e senza alcun dettaglio sull'età della vittima
Svizzera
14 ore
Donna muore nel lago al bagno pubblico di Zurigo
Ieri verso le 16.30 un bagnino ha notato il cadavere in acqua, a circa 50 metri dalla riva. Ignota finora la causa esatta del decesso
Svizzera
16 ore
Coronavirus, in Svizzera 132 nuovi casi nelle ultime 24 ore
Quasi raddoppiato il numero dei contagi rispetto a ieri: il totale dei casi da inizio pandemia sale a 33'148. Non si sono verificati nuovi decessi.
Svizzera
17 ore
Tf, il vaccino contro il morbillo può essere imposto
Secondo il tribunale federale, se i genitori sono in disaccordo sulla vaccinazione le autorità devono intervenire nell'interesse del bambino
Svizzera
18 ore
Donne incinte e i loro bambini sono un gruppo a rischio Covid
Studi recenti dimostrano che le donne in gravidanza possono sviluppare una forma grave del virus, che può anche avere conseguenze sul feto
Svizzera
18 ore
A Lucerna massimo cento persone nei ristoranti e bar
Il nuovo limite riguarda i locali in cui i clienti non sono seduti al tavolo. Previste restrizioni anche per gli eventi
Svizzera
19 ore
Coronavirus: lavoro ridotto negato, AutoPostale fa ricorso
La filiale della Posta vorrebbe beneficiarne per autisti e controllori. Respinta dal Canton Berna anche una simile richiesta da parte delle Ffs.
Svizzera
1 gior
Olten, bimbo investito sulle striscie. È grave
Stava attraversando sulle striscie in compagnia di altri due ragazzi
Svizzera
11.01.2018 - 14:520
Aggiornamento : 15:35

Influenza, gli infermieri vaccinati sono troppo pochi

Il rischio di infettare i pazienti non è sufficiente a responsabilizzare il personale curante. Tra i medici le percentuali di chi si rende immune sono più alte

Ancora troppi infermieri, e altro personale sanitario, non giudicano necessario vaccinarsi contro l’influenza nonostante il rischio di infettare i pazienti. È la conclusione cui giunge uno studio non ancora pubblicato, i cui risultati principali sono stati anticipati oggi dal 'Tages-Anzeiger'.

Come ogni anno, anche questa volta la Svizzera è stata colpita da un’ondata di influenza. Una malattia di solito innocua per la maggior parte delle persone, che però può causare nei soggetti più deboli – come anziani e bambini – complicazioni, anche fino alla morte. Ogni anno, secondo Andreas Widmer dell’Ospedale universitario di Basilea citato dal quotidiano, diverse centinaia di persone soccombono all’influenza. Benché facciano difetto dati precisi, Widmer stima in 200 i decessi riconducibili a infezioni d’origine influenzale contratte negli ospedali.

Un modo per ridurre il rischio di infezione sarebbe la vaccinazione generalizzata del personale curante, specie gli infermieri e le infermiere, le persone maggiormente a contatto coi pazienti. Tuttavia solo una minoranza, indica il quotidiano svizzerotedesco, si lascia vaccinare. La resistenza è forte specie tra il personale curante, meno tra i medici. All’Ospedale universitario di Zurigo, il 15% del personale curante è vaccinato, a Basilea il 25% e all’Inselspital di Berna il 36%. Le percentuali tra i medici sono più elevate: a Basilea e Berna oltre il 50%, a Zurigo più del 30%. A livello nazionale, circa un quarto del personale curante globale, quindi compresi i medici, si immunizza contro l’influenza.

Secondo gli autori di uno studio svolto all’Ospedale universitario di Basilea e all’Ospedale cantonale di San Gallo, per proteggere efficacemente i pazienti, la quota di personale vaccinato dovrebbe aggirarsi attorno all’80%. Dall’indagine, svolta su più anni, risulta che il personale è attento all’igiene, specie delle mani, e all’importanza di indossare una mascherina. Tuttavia, in generale sottovaluta la vaccinazione, benché sia consapevole della necessità di proteggere i malati.

Secondo Widmer, nonostante da anni il personale curante sia reso attento sull’importanza di immunizzarsi, il successo di tale opera di sensibilizzazione è limitato. Maggiore sensibilità è dimostrata invece dai medici. Per invertire la tendenza si potrebbe obbligare il personale a farsi vaccinare, ma in Svizzera ciò non sarebbe possibile. Secondo il quotidiano, i risultati della ricerca confermano indagini precedenti. La sola informazione non basta. Anzi. Spesso il personale curante si sente infastidito e sotto pressione dalla comunicazione "moraleggiante" sull’importanza di vaccinarsi. In molti team medici, la questione è addirittura tabù. Insomma, quanto si fa pressione si rischia di ottenere l’effetto contrario, indica il giornale citando Roswitha Koch, dell’Associazione svizzera delle infermiere e degli infermieri. Koch sostiene che la decisione di vaccinarsi deve essere presa dal singolo in piena autonomia. La ricerca mostra anche quanto sia importante la cultura aziendale o del singolo team. Contrariamente al problema dell’igiene delle mani o dell’importanza di indossare una mascherina, il tema della vaccinazione viene sovente eluso. Secondo i ricercatori bisogna invece parlare apertamente del problema. Laddove ciò accade, come all’Ospedale pediatrico di Zurigo, la quota di vaccinati si aggira attorno al 50%, tre volte di più rispetto all’Ospedale universitario.

© Regiopress, All rights reserved