Gabriele Putzu
Svizzera
30.08.2017 - 14:210
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:20

Revisione legge asilo, meno soldi per i Cantoni 

Abbreviare i tempi di procedura e diminuire i costi: sono questi gli obiettivi delle revisione della legge sull’asilo, che entrerà in vigore nel 2019. Il Consiglio federale ha posto oggi in consultazione il terzo e ultimo pacchetto di modifiche delle relative ordinanze. In programma ci sono meno soldi per i Cantoni. Il governo intende in primo luogo ridurre della metà, a 550 franchi, la somma forfettaria per le spese amministrative, visto che in futuro i Cantoni si vedranno attribuire un numero nettamente inferiore di richiedenti asilo e la Confederazione si assumerà compiti supplementari nell’ambito del rimpatrio, indica la Segreteria di Stato della migrazione (Sem) in un rapporto.

Quanto all’aiuto urgente versato dai Cantoni ai richiedenti respinti, sarà eliminato il forfait di 6'000 franchi. Al suo posto ci saranno tre tipologie d'indennizzo, a seconda della procedura. Per chi segue quella di Dublino sono previsti 400 franchi, per quella accelerata 2013 e per quella ampliata 6006. Nell’ambito delle spese di partenza sono inoltre introdotte nuove partecipazioni della Confederazione riguardanti le spese di accompagnamento nonché le visite e scorte mediche.

Entro 100 giorni

La nuova legge, approvata dal popolo il 5 giugno del 2016, prevede che la maggioranza dei richiedenti, quelli per i quali non sono necessari ulteriori approfondimenti, seguano una procedura accelerata. Il loro caso andrà ultimato in 100 giorni, eventuale rinvio incluso. Durante questo periodo saranno alloggiati in sei centri della Confederazione e potranno usufruire gratuitamente di una consulenza e di un rappresentante legale. Per coloro che hanno già presentato una domanda in un altro Stato Dublino, il termine per la decisione definitiva salirà a 140 giorni. Se per arrivare a un provvedimento saranno necessarie indagini supplementari, i richiedenti saranno attribuiti, come finora, ai Cantoni per la procedura ampliata. Quest’ultima andrà conclusa entro un anno, con decisione passata in giudicato, e i richiedenti la cui domanda sarà respinta dovranno lasciare la Svizzera entro questo termine.

© Regiopress, All rights reserved