anche-i-grotti-nella-lista-unesco-delle-tradizioni-viventi-della-svizzera
Pablo Gianinazzi
29.06.2017 - 13:42
Aggiornamento: 15.12.2017 - 17:12
di Daniela Carugati

Anche i grotti nella Lista Unesco delle tradizioni viventi della Svizzera

Per Mendrisio vedere iscritte le Processioni storiche pasquali nelle lista delle tradizioni viventi della Svizzera per l'Unesco è stato motivo d'orgoglio. Un sentimento che, oggi, prende un deciso sapore… nostrano. L'elenco delle tradizioni elvetiche degne di protezione ha raggiunto, infatti, quota 199. Lo comunica una nota odierna dell’Ufficio federale della cultura (UFC). Rispetto alla prima lista del 2012, sono state aggiunte altre 34 iscrizioni, tra cui la cultura dei grotti in Ticino e nei Grigioni. Tra le altre tradizioni viventi degne di essere menzionate quali forme rappresentative del patrimonio culturale immateriale – come indica la Convenzione Unesco cui la Svizzera ha aderito nel 2008 – figurano le cooperative di costruzione di alloggi, la cultura techno e i giardinaggio urbano a Zurigo, ma anche la novena di Natale di Morcote, la cultura dello sgraffito nei Grigioni e la cultura della raclette in Vallese. Come già avvenuto al momento della prima compilazione della lista, l’aggiornamento è il risultato della collaborazione tra la Confederazione e i Cantoni. La Confederazione ha coordinato il progetto avvalendosi del sostegno della Scuola universitaria di Lucerna. I Cantoni hanno identificato le loro tradizioni viventi grazie anche ai suggerimenti della popolazione, proponendone poi una novantina per la lista nazionale. La pubblicazione della lista aggiornata è prevista per la primavera 2018, sotto forma di inventario web provvisto di una documentazione esaustiva.

© Regiopress, All rights reserved