laRegione
ogni-anno-6-milioni-di-vittime-a-causa-del-fumo-in-svizzera-piu-di-un-morto-all-ora
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Sondaggi, sì all'iniziativa 'anti-burqa'. Soprattutto in Ticino

Votazioni del 7 marzo, la prima rilevazione di Tamedia vede invece un risultato aperto su identità elettronica e accordo di libero scambio con l'Indonesia
Svizzera
11 ore

Covid-19, focolaio in un albergo nel canton Vaud

Tredici dipendenti dell'hotel RoyAlp di Villars-Gryon sono risultati positivi al coronavirus, almeno due dalla variante britannica. Nessun ospite colpito.
Svizzera
13 ore

Più vaccini da febbraio in Svizzera, Berset sprona i cantoni

Saranno pubblicati da domani i dati sulle vaccinazioni eseguite. Il ministro della sanità: le operazioni devono avanzare più velocemente.
Svizzera
17 ore

Accordo quadro, ‘primo scambio’ a Bruxelles per Livia Leu

La segretaria di Stato elvetica a colloquio con Stéphanie Riso, vice capo di gabinetto di Ursula von der Leyen. Nuovo incontro forse già la prossima settimana.
Svizzera
17 ore

A Zurigo mascherine a scuola dalla quarta elementare

Ridotto di metà il numero di allievi in aula nelle scuole secondarie. A Soletta mascherine dalla quinta elementare e insegnamento a distanza
Svizzera
17 ore

Agroscope: 'Troppi zuccheri negli yogurt aromatizzati'

Il centro di competenza della Confederazione per la ricerca agronomica consiglia ai produttori una riduzione progressiva, nonché colture meno acide
Svizzera
17 ore

La pandemia aumenta i sintomi depressivi, a rischio i giovani

Lo indica la task force Covid-19 del Consiglio federale. Dal 9% di persone con sintomi depressivi gravi di aprile ad aprile si è passati al 18% a novembre
Svizzera
17 ore

Discriminazioni di genere, accolto un ricorso su tre

Giurisprudenza del Tribunale federale sotto la lente. Le raccomandazioni: estendere il diritto d’azione delle organizzazioni e alleviare l’onere della prova.
Svizzera
29.05.2017 - 11:320
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:19

Ogni anno 6 milioni di vittime a causa del fumo. In Svizzera più di un morto all'ora

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) celebra dopodomani, il 31 maggio, la Giornata mondiale senza tabacco. A livello globale ogni anno oltre 6 milioni di persone muoiono per le conseguenze del fumo. In Svizzera il tabacco è responsabile di 9’500 decessi all’anno, il che corrisponde a più di un morto all’ora.

Uno studio pubblicato di recente sulla rivista scientifica "The Lancet" fornisce ulteriori dati sul carico di malattia causato dal tabacco. Nel 2015 le conseguenze del fumo hanno provocato 6,4 milioni di morti, oltre la metà dei quali è stata registrata in Cina, India, negli Stati Uniti e in Russia. Dietro a queste cifre si nascondono enormi sofferenze umane, costi elevati per la sanità e un calo della produttività. Il fumo è il secondo fattore di rischio per i casi di morte prematura o d’invalidità.

Secondo lo studio, nel 2015 i fumatori quotidiani erano 933 milioni a livello mondiale. A fumare è un uomo su 4 e solo una donna su 20. I ricercatori, che hanno analizzato le quote di fumatori e l’incidenza delle relative patologie in 195 paesi e regioni, tra cui la Svizzera, hanno sottolineato la necessità di adottare misure a livello statale, in particolare per evitare che si inizi a fumare, controbilanciando così in parte l’onnipresente pubblicità delle sigarette.

In Svizzera un fumatore ogni quattro abitanti

Stando alle cifre registrate dal Monitoraggio svizzero delle dipendenze, dal 2011 la percentuale della popolazione svizzera (sopra i 15 anni) che fuma è rimasta stabile, attestandosi a un quarto degli abitanti. Tra gli uomini la percentuale è del 29% e tra le donne del 21%. Ogni anno il consumo dei prodotti del tabacco causa 9’500 vittime nel nostro paese, il che significa che ogni ora almeno una persona perde la vita per le conseguenze del fumo. Le cause principali di decesso sono i tumori di vario genere, le patologie cardiocircolatorie e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (COPD). La metà degli adulti che fumano abitualmente muore prematuramente a causa delle malattie provocate dal tabacco. La nicotina è una delle sostanze che causano più rapidamente dipendenza e si presume che la maggioranza dei fumatori quotidiani (pari circa al 70% di tutti i fumatori) ne siano dipendenti.

Oltre la metà inizia a fumare prima dei 18 anni

Più giovani si è quando si comincia a fumare, più difficile sarà in seguito abbandonare il vizio: lo ricorda la Lega contro il cancro. I giovani sono particolarmente esposti agli effetti nocivi del fumo e sono spesso l’obiettivo di una pubblicità mirata, scrive l’organizzazione in un comunicato odierno. La percentuale di fumatori che hanno iniziato a fumare prima dei 18 anni è del 57%: gli studi dimostrano che chi a 21 anni non ha ancora toccato la sigaretta ha un’alta probabilità di non farlo per tutta la vita. Per un fumatore dopo solo 2-12 settimane di astinenza il rischio di attacchi cardiaci comincia a diminuire, le funzioni polmonari si ristabiliscono e la qualità della vita migliora, afferma la Lega contro il cancro. Le persone che vogliono smettere sono invitate a contattare l’associazione: possono beneficiare di assistenza e consulenza da parte di professionisti.

© Regiopress, All rights reserved