Samuel Golay
Svizzera
03.11.2015 - 13:270
Aggiornamento 11.12.2017 - 18:14

Petizione per una migliore tutela delle pecore sugli alpeggi: contadini nel mirino 

Sugli alpeggi le pecore devono essere meglio custodite e curate. È quanto chiede una petizione della Protezione svizzera degli animali (Psa), munita di 25’000 firme. Fra le altre cose, si domanda l’obbligo di protezione delle greggi e maggiore tolleranza nei confronti dei grandi predatori. Ogni anno sugli alpeggi svizzeri muoiono 4'000 pecore per malattie o incidenti. I lupi invece, nello stesso arco temporale, sono responsabili della morte di circa 200 animali, quasi tutti parte di greggi non protetti, ad esempio da recinzioni elettriche o da cani da pastore. Questo atteggiamento di scarsa tutela degli animali è incoraggiato da «generose sovvenzioni da parte della Confederazione», accusa la Psa, mentre i grandi predatori fanno da capro espiatorio e vengono abbattuti. La petizione, depositata alla Cancelleria federale a Berna, chiede quindi che i proprietari di bestiame non custodito vengano esclusi dalle sovvenzioni. Gli alpeggi in cui determinate misure risultino impossibili per motivi topografici dovrebbero essere invece abbandonati. Alleggerire la protezione di lupi, linci e orsi non è la soluzione, sostiene l’associazione animalista. Le pecore – ma anche le capre – devono poi poter pascolare su terreni adeguati ed avere una via d’accesso sicura fino ad una fonte d’acqua. La salute degli animali deve essere inoltre controllata meglio.

Potrebbe interessarti anche
Tags
alpeggi
pecore
animali
petizione
protezione
tutela
© Regiopress, All rights reserved