laRegione
Nuovo abbonamento
Davide Agosta
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore
Quindici anni al 'guru' del sesso che abusò di 18 giovani donne
Tribunale vodese condanna 66enne sedicente guaritore. Era stato arrestato grazie alla denuncia sporta da una delle sue vittime.
Svizzera
9 ore
Volevano arruolarsi nell'Isis: due persone a processo al Tpf
Depositato l'atto d'accusa nei confronti di uno svizzero e di uno svizzero-tunisino residenti in Romandia. Erano stati arrestati al rientro dalla Turchia.
Svizzera
11 ore
Urina contro un muro e viene picchiato, prestazioni Suva ridotte
Il Tribunale federale dà ragione all'assicurazione contro gli infortuni, che ha ritenuto che la vittima non fosse esente da responsabilità
Gallery
Svizzera
12 ore
Obbligo della mascherina in Svizzera, primo giorno positivo
Mezzi pubblici, la maggior parte della popolazione rispetta le disposizioni. Ffs e Bls soddisfatte. Una mascherina con il "20 minuti" stamattina a Lugano
Svizzera
15 ore
Calano i contagi in Svizzera, nel weekend in Ticino doppia cifra
Sono 47 i nuovi positivi al Coronavirus registrati in Svizzera nelle ultime 24 ore. Domenica erano 70. A sud delle Alpi, da venerdì, 10 casi
Ginevra
16 ore
Il consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet cacciato dal Plr
Lo ha deciso il comitato direttivo del partito a maggioranza schiacciante. Non era mai successo che un ministro in carica fosse estromesso
San Gallo
16 ore
San Gallo, nessuna speranza per i dispersi nel fiume Thur
Secondo i soccorritori i corpi dei due giovani caduti nella cascata sarebbero intrappolati sotto il flusso d'acqua
Svizzera
20.08.2015 - 13:550
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:13

Gli svizzeri stanno bene ma crescono le malattie croniche e l'abuso di medicamenti 

La popolazione in Svizzera gode di buona salute. Tuttavia il sistema sanitario si trova ad affrontare sfide notevoli per rispondere al numero sempre crescente di malattie croniche. È quanto si legge nel Rapporto nazionale sulla salute 2015, pubblicato dall’Osservatorio svizzero della salute (Obsan). Il documento prende in esame vari momenti della vita, dall’infanzia all’età avanzata, traendone alcune conclusioni: per esempio, se si è in sovrappeso già da giovani, il rischio di ammalarsi più tardi è grande. La quota di giovani in sovrappeso tra i 16 e i 24 anni è raddoppiata negli ultimi 20 anni, passando dall’11% al 24% tra gli uomini e dall’8% al 14% tra le donne. La quota di adulti in sovrappeso e obesi è passata dal 30 al 41% tra il 1992 e il 2012, spiega l’Obsan. Tra i giovani colpisce la frequenza dei disturbi psichici: il 15% delle giovani e l’8% dei giovani soffrono di sintomi depressivi da medi a gravi. Mentre questa quota scende nelle fasi della vita adulta, sale il tasso di consumatori di alcool e tabacco. Nella mezza età sono le malattie croniche a diventare predominanti. Attualmente in Svizzera ben 2,2 milioni di persone ne soffrono. Tra gli ultracinquantenni, uno su cinque è affetto persino da più di una patologia cronica. Inoltre il consumo di medicinali che andrebbero somministrati con la massima cautela in età più avanzata è ampiamente diffuso: quasi una persona su otto di più di 74 anni assume ogni giorno sonniferi o tranquillanti. In Svizzera sono particolarmente diffusi il cancro, il diabete, le malattie cardiovascolari e respiratorie, le patologie muscoloscheletriche, la depressione e la demenza. Su tali malattie incide anche il comportamento delle persone: il consumo eccessivo di alcool e tabacco, la pratica insufficiente di attività fisica, un’alimentazione poco sana e il conseguente sovrappeso contribuiscono ad ammalarsi in tutte le fasce di età. Considerato l’invecchiamento della popolazione, nei prossimi decenni il numero di malati cronici e affetti da patologie multiple «continuerà a salire vertiginosamente», sottolinea l’Obsan. Il sistema sanitario svizzero è preparato solo in parte a questo aumento, «poiché sinora era orientato in primis al trattamento delle persone affette da malattie acute». La maggior parte degli attori del sistema sanitario è unanime nel ritenere che la priorità vada indirizzata verso terapie mediche durevoli per le persone affette da malattie croniche singole o multiple. In particolare, sarà necessario promuovere l’autogestione delle malattie croniche, in modo che gli interessati possano essere d’aiuto a loro stessi. Bisognerà poi evitare doppioni nel processo terapeutico e favorire l’attività fisica, anche in età avanzata.

© Regiopress, All rights reserved