laRegione
odermatt-e-caviezel-battuti-solo-da-braathen-a-solden
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
12 ore

‘Forse siamo una piccola squadra, ma con un grande cuore’

Il portiere Noam Baumann e l'allenatore Maurizio Jacobacci celebrano la vittoria del Lugano sulla capolista San Gallo: 'Bravi, ma dobbiamo rimanere umili'
Calcio
13 ore

Il Lugano piega la capolista e vola al secondo posto

Grazie a un gran primo tempo a una ripresa in trincea i bianconeri superano 1-0 (in gol Lavanchy) il San Gallo firmando il 14esimo risultato utile consecutivo
Calcio
16 ore

Salvatore Guarino, una vita sulla fascia

Il 31enne di Sorengo ripercorre la sua carriera calcistica tra sfide, successi e difficoltà, dagli esordi a Lugano fino all'attuale avventura con l'Acb
GALLERY
Hockey
1 gior

Zaccheo Dotti: 'Dovremmo riuscire noi a fare il primo gol'

All'Ambrì non sono bastati i passi avanti rispetto a martedì. 'In powerplay o a 5 contro 5 le reti devono arrivare', spiega il difensore biancoblù
Hockey
1 gior

'La 'bolla'? Dovesse ricapitarci, sappiamo cosa ci aspetta'

Per Serge Pelletier l'esperienza degli scorsi giorni non è stata tutta negativa. 'Abbiamo dimostrato che si può tornare subito vincenti'
Gallery
Hockey
1 gior

Il Lugano ricomincia con due punti: Davos k.o. all'overtime

Alla Cornèr Arena Arcobello risolve tutto nel prolungamento, e i bianconeri inaugurano il post-quarantena con una vittoria
Hockey
1 gior

L'Ambrì resiste metà partita ma è costretto ancora alla resa

Seconda sconfitta consecutiva per i biancoblù contro i vodesi, nuovamente trascinati da Malgin e Bertschy. Leventinesi traditi dal power-play
Hockey
1 gior

La Regio League si sgancia: in pausa tutti i dilettanti

In Svizzera si ferma tutto l'hockey non professionistico, dalla MySportsLeague fino ai settori giovanili. 'In un simile contesto proseguire non è più possibile'
CICLISMO
1 gior

Giro, ad Asti successo ceco nella tappa della discordia

La terz'ultima tappa va a Cerny, mentre il vallesano Pellaud è ottavo e Keldermann resta in rosa. Mentre non si spegne la polemica: 'Qualcuno pagherà'
Basket
1 gior

A Nosedo la Sam ospita il temibile Neuchâtel

Massagno in campo domani contro la squadra di Goethals: Gubitosa: ‘Una delle migliori squadre del campionato’
Hockey
1 gior

Riecco le porte chiuse, ma l'hockey continua. 'Così fino al 2'

Nonostante quarantene e nuove restrizioni, come la National League anche la Swiss League andrà avanti lo stesso. 'Seguiamo gli sviluppi con inquietudine'
Calcio
1 gior

Un Lugano 'aggressivo e propositivo', finché si può

In un clima sempre più incerto i bianconeri domani ospitano la capolista San Gallo, che negli ultimi 4 scontri diretti ha rifilato loro ben 12 gol
Calcio
1 gior

Rinviata Winterthur-Chiasso, ‘leoni’ in isolamento

Nel frattempo è stata riscontrata anche la positività di un componente dello staff tecnico dei rossoblù, ma la squadra prosegue gli allenamenti
Sci
18.10.2020 - 14:400
Aggiornamento : 16:33

Odermatt e Caviezel battuti solo da Braathen a Sölden

Nel gigante di apertura della Coppa del mondo 2020/2021 il nidvaldese ha chiuso secondo a soli 5 centesimi dal norvegese e precedendo sul podio il grigionese

È mancato davvero poco per rendere perfetto l'inizio della Coppa del mondo 2020/2021 per la squadra svizzera maschile. Più precisamente cinque piccoli centesimi, che hanno separato Marco Odermatt dal norvegese Lucas Braathen e quindi dal successo nel gigante di apertura della stagione sulle nevi austriache di Sölden, dove comunque i colori rossocrociati sono stati grandi protagonisti con Gino Caviezel che ha accompagnato il nidvaldese sul podio e Loïc Meillard che si è piazzato quinto a soli dieci centesimi dal compagno di squadra. Appena fuori dalla top-10 Justin Murisier (11o).

Settimo al termine di una prima manche comandata dal connazionale Caviezel, il 23enne Odermatt ha sfoderato una seconda discesa da manuale – miglior tempo con 0"02 di margine su Braathen, che dal canto suo è andato a prendersi il primo successo in carriera partendo dalla quinta posizione – conquistando il suo quinto podio in Cdm, il quarto in gigante, lui che aveva chiuso l'ultima classifica di specialità al settimo rango nonostante uno stop di un mese per un infortunio a un ginocchio. Quanto al 28enne grigionese, nella seconda manche ha concesso rispettivamente 70 e 72 centesimi a Braathen e a Odermatt chiudendo a 0"46 dal vincitore, ma è comunque riuscito a tenersi alle spalle gente del calibro di Pinturault (4o a +0"49), Kristoffersen (5o +0"56) e Kranjec (2o della prima manche ma alla fine solo 7a +0"77), centrando il suo primo podio nel Circo Bianco (in bacheca solo un argento in combinata ai Mondiali juniores del 2013 dietro a... Kristoffersen).

Una prestazione incoraggiante quella della selezione rossocrociata sul ghiacciaio del Rettenbach, che se non è bastata per interrompere il lungo digiuno di successi elvetici in gigante in campo maschile (la vittoria manca dal trionfo di Carlo Janka a Kranjska Gora nel marzo 2011), perlomeno ha colmato un altro lungo vuoto, visto che era da 11 anni (Cuche 1o e Janka 3o sempre a Sölden) che la Svizzera non piazzava due suoi atleti sul podio tra le porte larghe.

Gisin già in forma, incoraggianti prove per Gut-Behrami e Holdener

Non contenta per la prestazione in sé, ma positiva e fiduciosa in chiave futura per le sensazioni avute. Si può riassumere così lo stato d'animo di Lara Gut-Behrami dopo l'ottavo posto colto nel gigante di Sölden, che rappresenta il suo secondo top-10 nella disciplina dal dicembre 2017. «Non sono così contenta di come ho sciato, in quanto nell'ultima settimana mi ero trovata molto meglio sugli sci e cominciavo a fidarmi, cosa che mi era mancata negli ultimi due anni – il commento rilasciato ai microfoni della Rsi dalla 29enne ticinese, 6a dopo la prima manche ma che ha perso due piazze nella seconda discesa, chiudendo a 2"56 dalla vincitrice, l'italiana Marta Bassino –. In partenza ne ero consapevole e forse anche per questo nella prima manche ho sciato trattenuta, mentre la seconda è andata bene fino circa a metà muro, poi ho iniziato ad arretrare un po' e ho fatto più fatica. Sono comunque contenta perché mi sento di nuova sicura e solida sugli sci, per cui per questa prima gara stagionale, dalla quale posso trarre diversi insegnamenti, il bicchiere è mezzo pieno».

Riempito quasi fino all'orlo sembra invece il bicchiere di Michelle Gisin, che con il quarto rango a 1"30 dalla vincitrice – vicino alla quale è riuscita a rimanere solo la connazionale Brignone (+0"14), mentre la slovacca Vlhova, terza, è già staccata di 1"13 – ha centrato il suo miglior risultato di sempre tra le porte larghe (quarto top-10). «È incredibile iniziare così la stagione, ho trovato due manche molto solide e sono molto contenta di essere lì con le migliori in gigante, da sempre la disciplina di cui sono innamorata», le parole della 26enne obvaldese.

 

Può sorridere anche Wendy Holdener, 26a ma che senza un grosso errore sul secondo tracciato avrebbe anche lei lottato per un posto tra le migliori dieci (era 7a dopo la prima prova). E questo dopo aver ripreso ad allenarsi solo qualche giorno prima dell'appuntamento sulle nevi austriache, fermata nella sua preparazione dalla frattura alla testa del perone destro di inizio settembre.

Bella rimonta infine per la 27enne obvaldese Andrea Ellenberger, passata dal 25o all'11o posto grazie al terzo miglior tempo della seconda manche.

 

 

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved