laRegione
Nuovo abbonamento
di-nuovo-sulla-neve-tra-sorrisi-e-speranze
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
NUOTO
3 ore

Sette Colli, Lisa Mamié è inarrestabile: 3 gare, 3 record

Dopo quelli dei 50 e dei 100 rana al meeting di Roma la ventunenne zurighese infrange il primato svizzero dei 200. È il miglior tempo stagionale in Europa
Calcio
5 ore

Blatter: 'Infantino si crede intoccabile. È megalomania'

L'ex presidente della Fifa punta il dito contro il suo successore. 'Il comitato etico dovrebbe aprire un'indagine su di lui, ma lui l'ha messo sotto chiave'
ATLETICA
10 ore

Ajla, a Montecarlo per spegnere le stelle

Con il miglior crono sui 100 nel 2020, la ticinese pronta al 'battesimo' in Diamond League. 'Voglio accumulare esperienza, ma pure mostrare il mio livello'
CICLISMO
10 ore

Evenepoel, il debuttante che vuol conquistare la Lombardia

Il ventenne belga è uno dei grandi favoriti sabato per il successo dell'edizione 2020: 'Ma dovrò imparare a gestire le discese. Sette gli svizzeri al via
VELA
11 ore

Il Covid costringe a terra le barche della Coppa Roda

L'edizione numero 40 della classica sul Ceresio rinviata al 2021. In sostituzione, a fine mese il Cvll proporrà una regata sociale senza parte conviviale
Tennis
11 ore

Nole va controcorrente. 'Agli Us Open io vado'

Il numero uno al mondo, contagiatosi all'Adria Tour, annuncia su internet la sua scelta di volare negli States. 'Ma non è stata una decisione semplice'
AUTOMOBILISMO
13 ore

Troppe incertezze, quest'anno niente Rally

Il coronavirus frena anche la ventitreesima edizione della ronde ticinese, già spostata a fine settembre. L'appuntamento è per il 26 e 26 giugno 2021
CALCIO
1 gior

Sberla Psg, l'Atalanta deve fare le valigie

In vantaggio fino al 89', la squadra di Gasperini beffata da due gol francesi nel finale. I parigini sono i primi qualificati alle semifinali di Champions
NUOTO
1 gior

A Roma Lisa Mamié splende di nuovo

Dopo i 100 rana la ventunenne si ripete anche sulla distanza dei cinquanta metri, stabilendo il nuovo primato nazionale in 31''23
Hockey
1 gior

Cade il muro dei mille. 'Ci faremo valere davanti ai medici'

Pubblico negli stadi, a ottobre si cambia passo. Ma ora la palla passa ai Cantoni, e intanto i club si preparano. Mona: 'Potremmo arrivare a 3'700 posti'
BASKET
1 gior

Riva, anche in B avanti con Valter Montini

Dopo aver abbandonato la massima divisione le momò confermano il tecnico per il sesto anno. 'Vogliamo costruire un trampolino su cui spiccare il salto'
CICLISMO
1 gior

Van Aert vince anche al Delfinato

Dopo Strade bianche e Sanremo, il 25.enne belga si impone nella prima frazione della corsa francese, davanti a Impey e Bernal
CICLISMO
1 gior

Annullati i Mondiali di Aigle e Martigny

Si sarebbero dovuti svolgere dal 20 al 27 settembre, prima dell'apertura dei grandi eventi al pubblico annunciata dal Consiglio federale
ATLETICA
1 gior

Doping, la Russia pagherà la maxi multa

Il ministro dello Sport Matytsin annuncia una sovvenzione straordinaria alla Federazione atletica. 'Stiamo istituendo una cultura per la tolleranza zero'
SCI
09.07.2020 - 16:300

Di nuovo sulla neve tra sorrisi e speranze

Gli atleti rossocrociati di slalom e gigante si sono ritrovati sul ghiacciaio di Zermatt. Tanguy Nef: 'Finalmente un'estate intera di allenamento'

I tecnicisti svizzeri sono tornati a contatto con la neve lunedì a Zermatt, per la preparazione in vista dell'inizio della prossima Coppa del mondo. È stata l'occasione per fare il punto della situazione con i romandi Daniel Yule, Loïc Meillard e Tanguy Nef. Si potrebbe quasi parlare dell'inizio del nuovo anno scolastico. Sulle storie in Instagram degli atleti elvetici, si poteva percepire il piacere di ritrovarsi a contatto con la coltre bianca. Cieli azzurri immacolati con il Cervino come sfondo, una parte del ghiacciaio riservata a loro e la gioia di essere di nuovo "con la famiglia", gigantisti e slalomisti hanno avuto diritto a un idilliaco ritorno sulla neve. «Che piacere poter provare di nuovo questa sensazione di libertà dopo dieci settimane trascorse in palestra», afferma Loïc Meillard.

Questa impazienza si riflette sicuramente nel fatto che gli sciatori sono stati tra i primi ad "assaporare" gli effetti dannosi del Covid-19, dato che la situazione internazionale si è improvvisamente aggravata alla fine di febbraio, ciò che li ha costretti a porre bruscamente fine alla loro stagione. A conti fatti, però, la vita degli atleti non è stata sconvolta più di tanto. A parte i test sul materiale in aprile, la loro primavera è stata molto simile a quelle degli scorsi anni. «Abbiamo dovutoi rimanere dieci settimane lontani dalla neve –, afferma Loïc Meillard dalla terrazza dell'appartamento che condivide con Marco Odermatt, Thomas Tumler e Gino Caviezel –. Quindi sì, abbiamo finito un mese prima, ma iniziamo ad allenarci due settimane prima rispetto a una stagione normale».

Evitare la routine

Vincitore di tre slalom lo scorso inverno, Daniel Yule non vede l'ora che torni l'inverno: «Sono felicissimo di ricominciare, ma francamente lo sci libero sui ghiacciai non è quello che mi stimola di più. Detto questo, sono felice di trovare i mini picchietti (i piccoli picchetti usati per simulare i pali della porta, ndr) e di sentire l'atmosfera del gruppo. Ma non vedo l'ora di fare qualcosa di più serio a partire dalla prossima settimana».

A causa del coronavirus, non ci saranno stage di preparazione in Sudamerica o in Nuova Zelanda, ma un uso intenso delle risorse vallesane a Zermatt e Saas Fee. Una decdisione che non perturba gli atleti... «Eravamo rimasti in Svizzera anche l'estate scorsa – afferma il vincitore della Coppa di parallelo, Loïc Meillard –. Cambiare luogo di allenamento serve sopreattutto a evitare di cadere in una sorta di routine».

Per Yule, quest'estate sarà soprattutto una questione di dettagli: «Durante queste tre settimane, dovremo gettare le basi tecniche sulle piste di slalom – prosegue il miglior svizzero nella storia della disciplina –. Cinque-sei anni fa, sciavo così male che era facile fare delle correzioni. Ora sto raggiungendo un livello piuttosto buono, ma noto anche che dal punto di vista mentale è più impegnativo che in passato. È emozionante lavorare su piccoli dettagli. Una volta mi dicevo che dovevo lavorare perché metà della corsa non andava bene, adesso da perfezionare c'è magarti soltanto una curva. Sto lavorando per fare in modo che tutti gli angoli siano giusti, ma è molto impegnativo sotto ogni punto di vista».

Test ad Amnéville

Poiché gli sciatori sono dovuti tornare a casa a marzo, non hanno avuto il tempo di testare l'attrezzatura per la stagione 2020-21. E non lo faranno adesso. A differenza dei suoi colleghi Luca Aerni e Justin Murisier, Tanguy Nef non ha cambiato il suo marchio, ma in agosto si recherà in Francia per effettuare alcuni test. «Andremo in una struttura ad Amnéville per testare le attrezzature della Fischer – spiega il ginevrino –. La neve del ghiacciaio è una neve "morta", molto facile da sciare rispetto a quelle che troviamo in Coppa del mondo. Per gli sci da slalom, abbiamo la fortuna di poter beneficiare dell'eccellente lavoro di Daniel (Yule, ndr). Per il gigante è un po' più complicato, perché Fischer non ha più avuto un gigantista di punta dal ritiro di Thomas Fanara».

Lo studente della prestigiosa Dartmouth University del New Hampshire si rallegra di poter preparare in estate la sua rossima stagione invernale. Rinviando gli ultimi tre mesi di studio alla primavera del 2021, il ginevrino si è assicurato una stagione completa: «È una bella sensazione perché l'ultima volta che ho potuto sciare per un'estate intera è stato quattro o cinque anni fa. E spesso iniziavo a settembre, in fretta e furia. Ora sono più rilassato perché abbiamo davvero tempo. Il mio obiettivo è di iniziare la stagione con molta più regolarità».

Un sentimento condiviso da Loïc Meillard: «Abbiamo avuto il tempo di allenarci fisicamente senza stress e di lavorare su punti specifici che altrimenti non avremmo avuto la possibilità di affrontare. Siamo stati in grado di fare blocchi di tre settimane con in particolare l'imitazione di una manche, fatta di squat e salti per circa un minuto e mezzo. Una volta concluso quel blocco, avevamo davvero bisogno di una settimana di recupero...».

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved