Keystone
Mondiali di hockey
17.05.2019 - 19:270

La maturità di Janis Moser

Conosciamo la giovane scoperta della Nazionale. Dalla religione sino alla diatriba di paese

Il Mondiale di Janis Moser è finito prematuramente a causa di un infortunio al polso sinistro. “Sto bene, non ho dolori. Ovviamente è un po’ peccato, ma fa parte del gioco, può succedere”, racconta il 18enne, reduce da un’incredibile ascesa negli ultimi mesi. “Non me la sarei nemmeno sognata. Ho semplicemente provato a divertirmi. Sono felice”.

Roman Josi era il suo idolo e nella sua camera fa ancora bella figura il poster appeso del difensore di Nashville. “Già, e adesso me lo sono ritrovato come vicino di spogliatoio, wow. Da bambino guardavo le sue partite e osservavo i suoi movimenti e le sue mosse, cercavo d'imparare da lui”.

Il giovane Janis è molto impegnato. “Frequento la scuole di commercio per sportivi a Bienne. Nel mio tempo libero? Leggo volentieri dei libri e pratico diversi sporti con gli amici, ad esempio mi piacciono calcio, ciclismo e tennis”. Lo sport fa ovviamente la parte del leone nella vita del difensore, al punto che recentemente ha fondato un club. “Il tutto è nato a causa di una diatriba. Io e i miei amici una sera volevamo giocare sulla piazza della scuola del mio paese (Safnern ndr), ma il comune ci disse che l’illuminazione era riservata solo ai club e quindi non potevamo usarla. Ecco perché ci siamo decisi a fondare un club. Così ora anche noi possiamo sfruttare la piazza del nostro paese sino a tarda sera e addirittura possiamo pure utilizzare la palestra una volta alla settimana. Attualmente siamo solo un gruppo di amici, ma l’obiettivo a lunga gittata è di coinvolgere anche altri ragazzi, offrire loro altre alternative per impedire che debbano trascorrere tutto il tempo attaccati al telefonino”. Come s’intuisce Moser non ama molto i canali social media. “Li uso il minimo possibile, per me è tempo perso guardare video tutto il giorno su instagram. Preferisco fare attività produttive, leggere, imparare nuove cose e passare il tempo con i miei amici”.

Janis è molto credente. “Ho un bel rapporto con Dio. Non vado ogni domenica in chiesa, ma prego parecchio, anche prima delle partite o prima di salire su di un aereo. Prego anche per la salute mia e dei miei cari”.

Il ragazzo è molto legato al suo territorio. “Sono fiero delle mie radici, amo Bienne, i suoi dintorni e il suo lago. Lì faccio il pieno di energia. Il defunto Stade de Glace? È un pezzo di cuore che se n’è andato. Sono cresciuto in quell’impianto, un po’ mi manca, ma la Tissot Arena con la sua infrastruttura è l’ideale. Permette condizioni di allenamento evidentemente migliori per i ragazzi di tutte le età”.

Moser si ritiene un privilegiato. “La mia famiglia mi ha sempre sostenuto e lo fa tuttora al fine di rendermi la vita facile e poi, abitando ancora a casa, non devo svolgere nessun lavoro domestico”.

Dove vede il suo futuro? “L’obiettivo è la Nhl, ma ci vuole tempo, non mi sono dato una data di scadenza. Devo migliorare ancora molto, in particolare a livello atletico, è imperativo acquistare più forza al fine di avere un tiro più potente. Inoltre devo sviluppare il mio gioco offensivo per poter poi produrre più punti”.

Potrebbe interessarti anche
Tags
janis
tempo
moser
amici
paese
janis moser
club
© Regiopress, All rights reserved