laRegione
inizio-da-incubo-fatale-al-lugano
TiPress
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
14026
2
Minoly
11887
3
Fazz17
11563
4
HCLM
11035
5
Luganesina
10830
6
Wee
9385
7
O la va O la spacca
9346
8
Capseicina Peppers
9298
9
Highliner Giazz
9263
10
HC Petronilla
9125
ULTIME NOTIZIE Sport
Atletica
3 ore

Ajla Del Ponte è pronta ad aggiungere altri mattoncini

La sprinter valmaggese si sta preparando (in Sudafrica) per una nuova stagione che per lei scatterà al coperto il 29 gennaio. Con un occhio rivolto a Tokyo
Hockey
4 ore

Due settimane di stop per il biancoblù Julius Nättinen

‘Solo’ una forte distorsione alle cervicali per il finlandese dell'Ambrì Piotta. Indisponibili pure Kneubuehler e Mazzolini
Hockey
4 ore

‘Preoccupato no, ma riconosco che mi manca qualcosa’

È un casco giallo un po' sbiadito quello di Mark Arcobello, topscorer del Lugano ma a secco di reti da sedici partite
Hockey
4 ore

Mondiali, marcia indietro dell'Iihf: niente Minsk

La Federazione internazionale ritira l'assegnazione dell'organizzazione alla Bielorussia. E valuta le opzioni di Danimarca e Slovacchia
Calcio
5 ore

La Nazionale due volte a San Gallo

Svizzera-Lituania per le qualificazioni agli Europei e Svizzera Finlandia (amichevole) al Kybunpark
Tennis
7 ore

La fase finale della Coppa Davis in tre città

Oltre a Madrid, due sedi europee ospiteranno due gironi a testa e due quarti di finale. Il Resto sarà concentrato nella capitale spagnola
Ciclismo
7 ore

Hirschi spalleggerà Pogacar al Tour de France

Il bernese nella scorsa edizione ha vinto la frazione di Sarran. Lo sloveno prenderà parte anche alla Vuelta
Calcio
8 ore

Paolo Tramezzani allenatore dell'Hajduk Spalato

L'ex tecnico bianconero e del Sion ha firmato per il club croato fino al 2022
Calcio
8 ore

Alain Nef nello staff dello Zurigo

Il 38enne ex difensore centrale proprio dell'Fcz ritiratosi nel 2019 è l'assistente allenatore della Under 18 tigurina
Tennis
11 ore

Alexander Zverev molla Roger Federer e si affida a Sergej Bubka

"Torno alle origini, mi sosterrà la mia famiglia". Il tedesco chiude la collaborazione con l'agenzia Team 8, fondata dal campione svizzero e dal suo manager.
Sci
11 ore

Sci: testato positivo il direttore delle corse di Coppa del Mondo

Markus Waldner in isolamento, non sarà presente al weekend di gare a Kitzbühel. Tampone negativo per le persone del suo entourage.
Hockey
28.11.2020 - 21:590
Aggiornamento : 29.11.2020 - 15:25

Inizio da incubo fatale al Lugano

Dopo la sconfitta di Bienne, ecco il brutto stop casalingo contro lo Zsc. Serge Pelletier: 'È un weekend da dimenticare'

Una disastrosa entrata in materia è fatale ai bianconeri, decisamente troppo passivi in difesa. Lo Zurigo ne approfitta e ringrazia, in una serata in cui il Lugano si presenta senza Nodari (malato) e Morini (infortunato). Rispetto alla sconfitta di Bienne tornano Lammer e Antonietti. Traber finisce in soprannumero, Romanenghi è il tredicesimo attaccante. Lo Zurigo, privo dell’ammalato Rossi, schiera Flüeler a difesa della gabbia.

Gli ospiti partono con una marcia in più e sono indiavolati, dopo una prima occasione fallita da Andrighetto, al 2’15’’ arriva la rete di apertura firmata Hollenstein. Passano appena 30’’ ed ecco il raddoppio ottenuto da Prassl. Pelletier chiama il timeout nel tentativo di svegliare i suoi, ma il tempo morto non dà frutti. Anzì, al 7’ è Krüger a infilare il povero Schlegel per la terza volta. Ancora prima di metà periodo Berni colpisce in pieno il palo. Finalmente i padroni di casa hanno una reazione, Bertaggia al 12’ centra la traversa. I minuti finali precedenti la pausa sono vivaci, entrambe le contendenti hanno qualche buona opportunità, ma il risultato non cambia.

La prima metà della seconda frazione non vede molti acuti, i due estremi difensori non devono mai superarsi e le emozioni sono poche. Nemmeno in powerplay il Lugano riesce a pungere. Con il passare del tempo è lo Zsc a rendersi maggiormente pericoloso. Al 17’ gli zurighesi usufruiscono di ben 1’43’’ di doppia superiorità numerica, ma la difesa bianconera si difende egregiamente. Chi sbaglia paga, e così a 3’’ dalla seconda sirena giunge il punto della speranza ottenuta da Herburger, al primo gettone stagionale.

Il terzo periodo vede Pelletier modificare ulteriormente i blocchi offensivi. Al 45’ le velleità del Lugano vengono spente dal gol di Bodenmann. La difesa locale nello slot davanti a Schlegel è troppo passiva. La rete toglie pepe all’incontro.  In powerplay al 51’ arriva anche il 5 a 1 segnato nuovamente dal topscorer Hollenstein. Ormai si gioca solo perché lo impone il regolamento. Gli ultimi istanti della contesa vedono gli zurighesi più pericolosi, il risultato però non cambia. Per il Lugano arriva dunque la seconda sconfitta di un weekend decisamente amaro.

«È un finesettimana da dimenticare – afferma il tecnico Serge Pelletier a fine partita –. La squadra non ha giocato bene:a partire da oggi bisogna correggere il tiro e rimettersi al lavoro per tornare a mostrare la solidità delle prime uscite stagionali. Forse siamo saliti troppo in alto a inizio campionato, queste due sconfitte ora ci fanno bene al fine di tornare con i piedi ben piantati per terra».

Lugano - Zurigo (0-3 1-0 0-2) 1-5

Reti: 2’10’’ Hollenstein (Bodenmann) 0-1. 2’45’’ Prassl (Marti, Noreau) 0-2. 6’25’’ Krüger (Marti, Noreau) 0-3. 39’56’’ Herburger (Fazzini, Chiesa) 1-3. 44’15’’ Bodenmann (Suter, Morant) 1-4. 50’05’’ Hollenstein (Suter, Krüger/esp. Herburger) 1-5

Lugano: Schlegel; Heed, Riva; Loeffel, Wellinger; Chiesa, Wolf; Antonietti; Bürgler, Lajunen, Suri ; Boedker, Arcobello, Bertaggia; Fazzini, Kurashev, Lammer; Walker, Sannitz, Herburger; Romanenghi

Zurigo: Flüeler; Noreau, Marti; Phil Baltisberger, Geering; Trutmann, Berni; Morant; Chris Baltisberger, Roe, Andrighetto; Pettersson, Krüger, Sigrist; Bodenmann, Suter, Hollenstein; Pedretti, Prassl, Wick; Schäppi

Arbitri: Hebeisen, Piechaczek; Steenstra, Schlegel

Note: 30 spettatori. Penalità: Lugano 4 x 2’. Zurigo 2 x 2’’. Tiri: 29-42 (9-12, 13-15, 7-15). Lugano senza Morini, Zurkirchen (infortunati), Nodari (malato) e Traber (in soprannumero). Zurigo privo di Blindenbacher, Capaul, Diem (infortunati) e Rossi (malato). Al 2’45’’ timeout Lugano. Al 9’10’’ palo di Berni. All'11’35’’ traversa di Bertaggia. Premiati come migliori in pista Arcobello e Noreau.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved