laRegione
gli-straordinari-in-biancoblu-di-tobias-fohrler
A Rapperswil, Fohrler e compagni avevano già vinto in Coppa (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
6645
2
Fazz17
6091
3
Luganesina
5997
4
HCLM
5826
5
Minoly
5577
6
Wee
5250
7
Capseicina Peppers
4574
8
O la va O la spacca
4549
9
Highliner Giazz
4503
10
Zuccarello01
4017
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
1 ora

Naomi Osaka diventa il personaggio di un nuovo manga per ragazze

La giapponese, attuale numero 3 al mondo, sarà la vedette di una nuova serie chiamata "Unrivaled Naomi Tenka-ichi", destinato a un pubblico femminile e giovane
Sci
1 ora

Marc Gisin si ferma: mai più come prima dopo la caduta in Val Gardena

Il 32enne fratello di Dominique e Michelle non ha più ritrovato la forma dopo lo spaventoso caduta del dicembre 2018
Formula 1
13 ore

Bahrein, la gratitudine di Grosjean: 'Devo la vita all'Halo'

Le prime parole del pilota ginevrino con licenza francese dopo il rogo in pista. 'Prima non ne ero entusiasta, ma senza di lui adesso non sarei qui'
Hockey
15 ore

Hcl a rischio quarantena: verifiche mediche

Dopo Zugo e Langnau anche i bianconeri potrebbero finire nuovamente in isolamento per il Covid. Risultati attesi nella giornata di lunedì
Calcio
15 ore

Caso Maradona, indagato il medico: 'omicidio colposo'

I magistrati non formulano accuse specifiche ma vogliono vedere chiaro sull'operato del neurochirurgo. Che si difende. 'Ho fatto più del dovuto, non meno'
Calcio
18 ore

Lugano, colpo da ‘grande’. Ce la meritiamo, questa classifica’

Vittoria 1-0 contro il Basilea e risultato utile numero 17 per i bianconeri. Decide Mattia Bottani allo scadere. ‘Un gol di cui avevo un gran bisogno’
Basket
19 ore

La Svizzera è una 'bomba' e il successo sulla Serbia è storia

La selezione di Gianluca Barilari supera i vice campioni olimpici nelle qualificazioni a Euro 2022 grazie al tiro da tre, con la tripla decisiva di Dusan Mladjan
GALLERY
Formula 1
20 ore

Grosjean va a fuoco, mentre Hamilton trionfa ancora

Alla fine vince ancora il britannico, in un pomeriggio segnato dallo spettacolare incidente che ha visto coinvolto il ginevrino della Haas. 'Sta bene'
Sci di fondo
20 ore

Cologna e compagni distanti dai migliori a Kuusamo

Nell'inseguimento che ha chiuso il Minitour di Coppa del mondo il grigionese ha perso ulteriore terreno chiudendo 30esimo. Tra le donne 24esima Nadine Fähndrich
Calcio
22 ore

Il Chiasso e quei regali natalizi già incartati

I rossoblù tengono testa al Thun ma poi cedono per i soliti errori. Raineri: 'Ci complichiamo sempre la vita, ma dobbiamo rimanere uniti e credere nel progetto'
Pugilato
23 ore

Il ritorno di Tyson finisce pari e con un ricordo per Diego

Nella notte allo Staples Center di Los Angeles è andata in scena la sfida tra le leggende della boxe Roy Jones e "Iron" Mike
Calcio
1 gior

Maradona, il Napoli in campo con maglia 'argentina'

Concepita un anno fa, la nuova casacca esordisce oggi. La società: 'Speravamo che Diego potesse vederla, magari indossarla ed emozionarsi con noi'
Hockey
1 gior

Inizio da incubo fatale al Lugano

Dopo la sconfitta di Bienne, ecco il brutto stop casalingo contro lo Zsc. Serge Pelletier: 'È un weekend da dimenticare'
Calcio
1 gior

Andrea Maccoppi e il Chiasso più leggeri... di una bolla

Martedì alla prima uscita dopo la quarantena i rossoblù hanno ottenuto il loro primo successo (3-2 allo Xamax) di questa travagliata stagione.
Calcio
2 gior

Adrián, il nuovo Guerrero della fascia sinistra bianconera

Il 22enne terzino spagnolo arrivato in agosto dal Valencia è uno dei principali artefici dell'ottimo inizio di campionato del Lugano secondo in classifica
Calcio
2 gior

Da Maradona alla vecchia Pontaise: i ricordi di Dominique Herr

Mentre il Losanna si appresta a debuttare nella sua nuova casa, l'ex nazionale rossocrociato racconta dell'incontro col Pibe de Oro
Gallery
Hockey
2 gior

A Bienne Lugano castigato da Paupe e Rathgeb

Ma la formazione di Pelletier ci mette anche del suo con qualche distrazione di troppo in difesa e poca freddezza in fase realizzativa
Hockey
19.11.2020 - 15:380

Gli... straordinari in biancoblù di Tobias Fohrler

Da una stagione all'altra, il 23enne difensore dell'Ambrì Piotta ha guadagnato oltre sette minuti e mezzo di ghiaccio in più

Il lavoro paga. Lo sa bene Tobias Fohrler, la cui dedizione in allenamento - non a caso nella seduta della vigilia della trasferta a Rapperswil è tra gli ultimi giocatori dell'Ambrì Piotta a lasciare il ghiaccio, concedendosi un ultimo ripasso personale nella tecnica individuale con il bastone - viene ripagata da tanto ghiaccio. Già, perché il 23enne nativo di Troisdorf, città della Renania Settentrionale, con una media di 19 minuti e 49 secondi è il terzo biancoblù più impiegato da coach Luca Cereda in partita: solo Michael Fora (22'01") e Matt D'Agostini (20'42") lo precedono in questa speciale classifica (e il 22esimo assoluto in Svizzera). A titolo di paragone, la scorsa stagione regolare aveva chiuso questa classifica al ventesimo posto, appaiato a Chris Egli a quota 12 minuti e 11 secondi. Oltre sette minuti e mezzo in più da una stagione all'altra: una progressione notevole... «Beh, quello di guadagnarmi più spazio sul ghiaccio in partita era appunto uno degli obiettivi che mi ero posto per questa stagione - conferma il difensore numero 5 dei leventinesi -. Volevo meritar più spazio, ma anche dimostrare di poter essere ancora più d'aiuto alla squadra. E per come sono andate finora le cose sul piano personale non posso proprio lamentarmi. Sono contento di come sto giocando, e contento di vedere che i miei sforzi vengono ripagati dalla fiducia di Cereda, che regolarmente mi utilizza pure nelle situazioni di superiorità numerica. Ma siamo comunque solo all'inizio di una stagione che si profila molto lunga: sono soddisfatto per come è cominciata, ma i traguardi che mi sono prefissato di raggiungere sono ancora là davanti; sinora ho solo imboccato la giusta strada per raggiungerli». E dove ritieni di aver ancora un buon margine per migliorare? «Sicuramente nel controllo del disco. E poi nei contrasti, tanto nel settore difensivo quanto in zona neutra».

'Fin dal primo giorno la giusta motivazione'

Riavvolgiamo il film di un anno: come è stata la tua prima stagione in biancoblù? «Ovviamente quando cambi squadra sono parecchie le incognite con cui sei confrontato. Ma fin dal mi primo giorno alla Valascia ho avuto ottime sensazioni, e questo mi ha dato la giusta motivazione per lavorare con il massimo impegno. Complessivamente è stato un anno molto positivo sul piano personale». Superato con ottimi voti l'anno di... apprendistato con la maglia dell'Ambrì Piotta, Tobias Fohrler si è però trovato confrontato con un'altra sfida impegnativa: quella di una stagione segnata dalla pandemia di coronavirus: come la stai vivendo? «Ovviamente la pandemia è il tema portante dell'intera stagione, tanto per i club quanto per i singoli giocatori. C'è preoccupazione, certo, ma devi cercare di convivere con questa situazione nel miglior modo possibile, visto e considerato che non puoi fare nulla per evitarla. È comunque innegabile che questa situazione ha aggiunto ulteriori difficoltà a quelle che abitualmente comporta una stagione normale, tanto sul piano sportivo quanto su quello finanziario. Oltre che sul ghiaccio, ogni società deve lottare per la sua sopravvivenza».

E dell'inizio di stagione sul piano sportivo dell'Ambrì Piotta, sei soddisfatto? «Non abbiamo ancora raggiunto la dovuta continuità, ma sprazzi abbiamo comunque dimostrato di poter giocare su ottimi livelli. La bontà di una prestazione non la si deve giudicare unicamente in base ai punti raccolti: nelle prime partite, pur giocando bene, avevamo faticato a un po' a trovare la via del gol, e questo ci aveva portato a raccogliere meno punti di quanti avremmo effettivamente meritato. Sotto questo aspetto ora va un po' meglio: c'è sicuramente ancora da lavorare, ma la tendenza è positiva. Quando giochiamo al massimo delle nostre possibilità sappiamo essere pericolosi per chiunque». Sinora, il suo miglior volto l'Ambrì Piotta l'ha mostrato subito prima del break di novembre, a immagine del perentorio 5-2 rifilato allo Zurigo. Poi, dopo la pausa (allungata dalla quarantena che i biancoblù hanno dovuto osservare), Fohrler e compagni sono usciti sconfitti prima in casa contro il Berna e poi nel derby della Cornèr Arena: un passo indietro? «Alti e bassi fanno parte del gioco: capitano di frequente durante una stagione, anche da una partita all'altra. Con lo Zurigo abbiamo forse toccato l'apice di questa prima parte del campionato, ma ogni partita è un passo avanti: quel match deve fungere da esempio per poterci dare la giusta motivazione per affrontare anche quelli successivi».

'Il ritmo non aiuta, ma dobbiamo essere grati di poter comunque giocare'

Quello di domani a Rapperswil, per l'Ambrì Piotta sarà l'ultimo impegno di martedì per oltre un mese: la prossima partita di campionato infrasettimanale i biancoblù la disputeranno il 22 dicembre alla Valascia, contro lo Zugo: giocare due partite in ventiquattro ore (o anche meno) per poi allenarsi il resto della settimana non è forse l'ideale per trovare il giusto ritmo... «Anche la frequenza delle partite ha il suo influsso sul livello delle prestazioni: sarebbe sicuramente ideale poter bilanciare in modo più equilibrato partite e allenamenti. Ma anche questo, ormai, non dipende da noi, né da chi deve allestire il calendario, visto che poi l'ultima parola spetta al coronavirus, che costringe a continui spostamenti di partite, anche all'ultimo minuto. Ormai occorre essere flessibili, ma anche grati di poter giocare, nonostante tutti: basta guardare a quanto sta capitando in altri Paesi per rendersene conto (la vicina Del, per tanto per fare un esempio, dopo due inizi posticipati, dovrebbe debuttare una settimana prima di Natale, ndr)».

A Rapperswil cosa dovrà fare l'Ambrì per mettere le mani sulla posta piena? «Giocare come abbiamo fatto a Berna, e nei primi due tempi del derby. Dimentichiamoci il terzo tempo della Cornèr Arena, ma ricordiamoci di quanto abbiamo fatto negli altri».

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved