laRegione
il-lugano-trattiene-il-fiato-aspettiamo-la-valutazione
Tim Traber (a destra, con Raphael Herburger) è uno dei tre bianconeri rimasti positivi al test del tampone (Ti-Press/Crinari)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
Luganesina
3141
2
OjeOje
3095
3
HCLM
3032
4
Fazz17
2973
5
Wee
2498
6
Minoly
2318
7
Capseicina Peppers
2200
8
Highliner Giazz
2175
9
O la va O la spacca
2141
10
clotkamikazzze
1944
ULTIME NOTIZIE Sport
Orientamento
1 ora

Alice Maddalena e Manuele Ren campioni dello sprint

I due orientisti hanno trionfato nella gara valida quale campionato ticinese organizzata dall’O-92 Piano di Magadino a Gordola
Atletica
2 ore

Il Galà dei Castelli è il nono meeting al mondo

Dopo un’ottima decima edizione potremo ammirare l'atletica mondiale a Bellinzona il 1. luglio 2021
l'intervista
2 ore

Il mondo effervescente di Chiara Ammirati, nata per il volley

Determinazione, simpatia ed esuberanza: incontro con la diciottenne che ha ‘una punta di piede in nazionale’, al suo esordio in Lna con il Lugano
Automobilismo
17 ore

Hamilton fa 92 sul divertente circuito di Portimão

Il britannico è il primo pilota della storia a salire tanto in alto. E quota 100 gli sembra destinata
Calcio
19 ore

Coronavirus, in quarantena anche il Vaduz

La compagine del Principato è la terza del massimo campionato costretta allo stop forzato. Rinviata la partita col Losanna
Hockey
19 ore

Ambrì, stavolta l’appendice supplementare è amica 

I biancoblù centrano la qualificazione ai quarti di Coppa grazie a un gol di Grassi. 'Una bella prova di carattere'.  Lugano sul velluto con l'Oberthurgau
Basket
19 ore

Per la vetta bisogna fare i conti anche con questa Sam

La squadra di Gubitosa, dominante in ogni settore, ha messo sotto il forte Neuchâtel. Il coach: ‘Prestazione superlativa per 32 minuti’
Tennis
21 ore

Un successo tira l'altro per Marc-Andrea Hüsler

Dopo il successo sulla terra battuta rumena, lo zirighese fa suo anche il Challenger di Ismaning: 16 vittorie nelle ultime 18 partite per lui
Ciclismo
21 ore

Tao Geoghegan Hart fa suo il Giro d'Italia 2020

Nella cronometro decisiva il britannico vince il duello con laustraliano Hindley. Di Ganna l'ultimo successo di giornata
Formula 1
22 ore

Hamilton fa novantadue: è lui il più vincente in assoluto

Il britannico doma anche il circuito di Portimão. Con lui sul podio salgono Bottas e Verstappen. Alfa Romeo a bocca asciutta
Roller hockey
22 ore

Il coronavirus ferma anche il roller

Tutti i campionati sospesi fino al 30 novembre. Il Biasca aveva anticipato i tempi sospendendo gli allenamenti del settore giovanile già giovedì
Motociclismo
22 ore

Il Gp di Teruel non porta fortuna a Lüthi, subito fuori

Un contatto alla prima virata costringe il bernese ad alzare bandiera bianca. Nella MotoGp vince Lowes, che balza pure al comando della generale
Calcio
23 ore

Il coronavirus intacca le casse dell'Hertha Berlino

Profondo rosso per il club che milita in Bundesliga, che presenta un consuntivo in perdita per 59 milioni di euro
Hockey
1 gior

Swiss League, anche l'Olten in quarantena

Solettesi in isolamento per dieci giorni. Delle 19 partite previste settimana prossima nel campionato cadetto se ne giocheranno al massimo 9
HOCKEY
15.10.2020 - 19:080
Aggiornamento : 19:55

Il Lugano trattiene il fiato. 'Aspettiamo la valutazione'

Domattina conferenza telefonica con il medico cantonale sulla quarantena. Mentre in Svizzera i contagi crescono: 'La preoccupazione non può non esserci'

Lo chiamano mister Covid. A Lugano almeno. E mai come in queste ore, a Jean-Jacques Aeschlimann il lavoro di certo non manca. «Anzi, ce n'è sempre di più» dice, tra l'ironico e il disiluso. Sorpreso, invece, il direttore amministrativo bianconero non lo è di certo. «Quando, due mesi fa ormai, ci avevano autorizzato a cominciare, eravamo ben coscienti che l'eventualità di un contatto tra il virus e uno dei tre o quattrocento giocatori impegnati nel massimo campionato fosse più che probabile, nonostante tutti i concetti di protezioni messi in atto. Quindi eravamo preparati a questo scenario, soprattutto a livello di Lega».

Lega che, tra l'altro, non più di un mese fa parlava di partite rinviate solo nel caso in cui in pista potessero scendere meno di tredici giocatori, portiere incluso, mentre a Lugano, invece, adesso i positivi adesso sono solo tre (solo si fa per dire), cioè Alessio Bertaggia, Sandro Zurkirchen e Tim Traber. «Dobbiamo capire che ogni caso è diverso – spiega Aeschlimann –. Bisogna vedere se parliamo di giocatori sintomatici o asintomatici, di gente che nei giorni precedenti si era allenata oppure era reduce da giornate liberi, e via di seguito. Nel nostro caso, il medico cantonale ha fatto un analisi ambientale per ricostruire i contatti tra i giocatori, per capire chi erano e dove si sono visti, per quanto tempo sono stati in contatto, e via di seguito. E poi ha deciso di mettere la squadra temporaneamente in quarantena».

Si può dire che in pista per i giocatori il posto più sicuro è lo spogliatoio? «Diciamo che contagiarsi lì è un'eventualità che definirei piuttosto remota. Infatti, non potendo garantire le distanze è obbligatorio che tutti indossino la mascherina in permanenza, e ci sono i turni per fare la doccia oppure per usufruire della toilette».

'Quando Bertaggia ha accusato sintomi, sabato, abbiamo ricostruito cos'aveva fatto fino a 48 ore prima'

Fuori da lì, invece, ci si deve affidare al distanziamento. «E in caso di positività di un giocatore bisogna ricostruire i contatti. Prendiamo l'esempio di Bertaggia: ha accusato i primi sintomi sabato sera a Friborgo, e a quel punto abbiamo dovuto ricostruire cos'aveva fatto nelle 48 ore precedenti, per capire con chi era stato in contatto e a che tipo di allenamento aveva partecipato, per vedere se si era trattato di una seduta con duelli fisici oppure di una che assomigliava più a un semplice riscaldamento prepartita, quindi senza contrasti per il possesso del disco ma con esercizi di pattinaggio e tecnica individuale. Fino a quel punto, si poteva pensare che soltanto Alessio dovesse finire in quarantena. Quando, però, i tamponi effettuati al resto della squadra hanno rivelato la presenza di altri due giocatori contagiati, pur entrambi asintomatici, il medico cantonale ha dovuto cambiare idea, ordinando la messa in quarantena di giocatori e staff».

Fino a domattina, almeno. Poi cosa accadrà? «Per ora è stata pianificata una conferenza telefonica a cui parteciperà anche il nostro dottore, oltre al medico cantonale, in cui verrà rivalutata la situazione. Dopo aver naturalmente verificato pure se ci sono altri giocatori che nel frattempo avranno presentato sintomi. Aspettiamo la valutazione: di più è prematuro dire».

Oltre a voi nel weekend non giocherà neppure il Friborgo, a sua volta in isolamento, ma la situazione a livello di calendario non pone alcun problema. E se, invece, il numero di squadre in quarantena dovesse improvvisamente esplodere? «Adesso ci focalizziamo su ciò che sta succedendo in questo momento, e sappiamo che dovremo farci trovare pronti, e flessibili, a quelli che saranno i cambiamenti, ma è chiaro che guardando alle cifre del contagio in Svizzera un po' di preoccupazione non può non esserci». 

'L'importante è giocare. Con la maggior regolarità possibile'

Anche sulla regolarità del campionato, a dirla tutta. Perché alla lunga potrebbe benissimo succedere che la tal squadra abbia magari sei, sette partite in meno (o in più) rispetto ad altre. «Questa, però, è una cosa che avevamo subito preso in considerazione nelle discussioni a livello di club, ed è anche per quella ragione che quest'anno si è deciso di abolire la retrocessione. L'importante è giocare, e proveremo a farlo con la maggior regolarità possibile».

Tuttavia, lo dicono le affluenze negli stadi - unicamente a Berna, Bienne e Friborgo si è infatti raggiunto il massimo di una capienza peraltro già limitata -, il Covid ha pure smorzato un po' l'entusiasmo degli spettatori. «Assolutamente sì – conclude Aeschlimann –. Da una parte ci sono naturalmente le restrizioni, dall'altra l'aumento dei contagi che gioca senza dubbio un ruolo importante. Tuttavia, e questo ci viene riconosciuto, possiamo dire che a oggi il piano di protezione ha funzionato: a mia conoscenza, non ci sono stati problemi tra gli spettatori. E lo sapremmo, visto che tutto viene monitorato».

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved