laRegione
Nuovo abbonamento
cade-il-muro-dei-mille-ci-faremo-valere-davanti-ai-medici
Mai più così (Ti-Press/Gianinazzi)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
2 ore

Supercoppa d'Europa, il successo è del Bayern

A Budapest iI tedeschi detentori della Champions League piegano in rimonta la resistenza della squadra spagnola, ma soltanto ai supplementari.
Hockey
3 ore

Il Covid nello spogliatoio del Bolzano: slitta il debutto

La squadra di Nick Plastino e Greg Ireland salta la prima partita della stagione nel campionato austriaco a causa della positività di alcuni giocatori
Calcio
4 ore

Europa: Basilea allo spareggio, San Gallo no

I renani eliminano i ciprioti del Famagosta e prenotano il biglietto per la fase a gironi. L'ultimissimo ostacolo saranno i bulgari del Cska Sofia
Tennis
5 ore

Roland Garros, Bencic getta la spugna

Vittima di un problema al braccio destro, la sangallese è costretta a saltare lo Slam parigino. Dove, nel primo turno, Wawrinka sfiderà Andy Murray
Calcio
9 ore

Basilea e San Gallo a caccia del playoff di Europa League

Penultimo ostacolo sulla strada per la fase a gironi: alle 20.30 la squadra di Sforza ospita i ciprioti del Famagosta, quella di Zeidler riceve l'Aek Atene
Ciclismo
9 ore

Marlen Reusser argento iridato nella crono femminile

La 26enne bernese, bronzo agli Europei, è stata preceduta solo dall'olandese Anna van der Breggen
Orientamento
10 ore

Sabato al Seelisberg, domenica a Cioss Prato

Doppio impegno per gli orientisti: i Campionati svizzeri di distanza media e la tappa in Valle Bedretto
Atletica
10 ore

Hussein vince a Tesserete, doppietta Gab nelle staffette

Vittoria di lusso al meeting Capriaschese di Tesserete, con l'ostacolista Kariem primo sui 100 metri. I titoli nelle staffette vanno entrambi al Gab Bellinzona
Calcio
11 ore

Il Covid non risparmia Ibrahimovic: niente Coppa

Lo svedese positivo al tampone nei test effettuati in vista della partita di qualificazione all'Europa League contro i norvegesi del Bodo: è già in quarantena
Ciclismo
12 ore

Stefan Küng: ‘Ho fiducia in me, mi sento in forma’

Il 26enne turgoviese figura tra i favoriti nella cronometro dei Mondiali di domani: ‘Se sarò all'altezza del compito, posso finire davanti a tutti’
Calcio
14 ore

Vlasenko dal Team Ticino al Sion

Il 19enne arriva al Tourbillon dalla Juventus U23, la squadra alla quale fu girato in prestito dal Lugano
Atletica
14 ore

Quanti duelli ai Ticinesi di Locarno e Lugano

Sabato al Lido e domenica a Cornaredo i Campionati cantonali con tutti i freschi campioni svizzeri giovanili protagonisti tre settimane fa a Losanna
Calcio
18 ore

Luis Suarez giocherà nell'Atletico Madrid

Il calciatore uruguaiano era atteso alla Juventus. In Italia è al centro di un'indagine penale per l'ottenimento della cittadinanza
CICLISMO
20 ore

Marc Hirschi, un sogno iridato

Rubens Bertogliati alla vigilia dei Mondiali di Imola: 'È un talento puro, può fare il grande numero. Che peccato non poter correre in Svizzera...'
Tennis
1 gior

Due svizzeri su tre avanzano a Parigi

Henri Laaksonen e Leonie Küng hanno superato rispettivamente il secondo e il primo turno delle qualificazioni del Roland Garros. Eliminata Viktorija Golubic
Atletica
1 gior

Mille Gruyere, i talenti del mezzofondo in Vallese

Gallery
Pallamano
1 gior

Giornata storica per la pallamano ticinese

Per la prima volta una squadra rossoblù ha partecipato a Kriens a un torneo nazionale organizzato da Swiss Handball
Hockey
12.08.2020 - 20:530

Cade il muro dei mille. 'Ci faremo valere davanti ai medici'

Pubblico negli stadi, a ottobre si cambia passo. Ma ora la palla passa ai Cantoni, e intanto i club si preparano. Mona: 'Potremmo arrivare a 3'700 posti'

C'è una nuova data nell'agenda dello sport svizzero. È quella di giovedì 1. ottobre, ed è segnata in rosso: da quel giorno, infatti, improvvisamente sparirà il limite di mille spettatori sulle tribune dei campi da calcio ma pure su quelle delle piste da hockey. Anche se la decisione alla fine spetterà ai cantoni. «Una buona notizia? Sì, certo - spiega Marco Werder, Ceo dell'Hc Lugano - perché siamo felici di essere stati ascoltati, e che le autorità abbiano percepito l'importanza del messaggio».

E il messaggio era chiaro: con mille spettatori a serata, in sostanza si chiudeva baracca.  «È una realtà, io l'ho detto più volte. Se, come nel caso nostro, allestisci un preventivo considerando che all'interno di uno stadio ci sono bene o male cinquemila persone, e tutt'a un tratto te ne lasciano entrare mille, non serve essere matematici per capire che il modello non regge più. Quindi sì, questo è un segnale importante da parte della politica, ma al tempo stesso pure un forte richiamo alla sensibilizzazione di noi tutti. Noi come organizzatori di eventi, noi come cittadini ma certamente anche come tifosi di sport, pensando all'osservanza scrupolosa di ciò che verrà richiesto. Infatti saremo certamente in grado di garantire dei concetti di protezione che saranno efficaci, ma poi dipenderemo tutti quanti l'uno dall'altro, e bisognerà attenersi a quei concetti per far sì che possa continuare ad assistere a partite di hockey, o più in generale anche ad altri grandi eventi».

Ora come ora, però, l’inizio del campionato è fissato per il 18 settembre: per non dover posticipare tutto, sarebbe ipotizzabile partire comunque il 18, giocando cioè qualche partita davanti a mille spettatori prima che si proceda all'apertura? «Questa è una cosa che verrà discussa in occasione dell’assemblea straordinario della Lega (venerdì, ndr), non sono decisioni che può prendere l’Hockey club Lugano né nessun altro. Di sicuro, però, faremo i compiti a casa, e venerdì arriveremo pronti per difendere le nostre idee davanti all’assemblea. A quel punto decideremo tutti assieme, come è sempre stato fatto».

Tuttavia, cominciare al 1. ottobre non sarebbe un dramma. Almeno non ad Ambrì. «Non vedo grossi problemi da quel punto di vista - dice il direttore generale Nicola Mona -. Piuttosto direi che qualche rischio c’è su un altro punto, visto che la competenza verrà demandata ai Cantoni. Perché se è vero che l’autorità cantonale conosce certamente molto meglio le peculiarità locali rispetto all’autorità federale, è vero pure che sussiste qualche rischio sul fatto che ogni cantone potrebbe fare un po’ a modo suo, creando delle disparità. Finanziarie innanzitutto, ma indirettamente anche sportive. Infatti un conto è poter giocare in casa con le tribune al completo e un altro è farlo davanti a un pubblico ridotto. Noi, nell’hockey, abbiamo elaborato un concetto che prevede un trattamento equo, in cui non c’è un numero di spettatori definito, ma ci sono invece delle misure. Ed è generico, adattabile a tutti. Ora dovremo quindi farci valere di fronte ai medici cantonali, chiedendo che tutti vengano trattati con equità».

Le misure quali sono? «Quelle cardine sono due: tutti gli spettatori dovranno essere seduti e, non potendo garantire il distanziamento sociale, dovranno indossare mascherine. In più verrà garantita la tracciabilità delle persone, grazie al fatto che si accomoderanno a un determinato posto con un biglietto nominativo».

Poi, convertendo i posti in piedi in posti seduti si potrebbe contrastare la riduzione della capienza nelle piste. «Noi ad Ambrì abbiamo previsto la riconversione degli spalti e della curva in posti seduti. Per forza, non potendo avere posti in piedi vogliamo massimizzare quelli disponibili: l’obiettivo è quello di garantire il posto agli abbonati, e secondo i nostri calcoli potremmo ad arrivare a 3600-3700 posti, mentre noi storicamente siamo sempre stati sui tremila, tremila cinquecento abbonati. Naturalmente, prima dobbiamo però attendere le linee guida del Consiglio federale: quando ne prenderemo conoscenza, a quel punto potremo dare il via ai lavori».

Michele Campana: ‘È un passo nella giusta direzione’

Sul fronte calcio, invece, ciò che i club speravano, il Consiglio federale ha concesso. Il prossimo campionato di calcio di Super e Challenge League avrà luogo con un'adeguata presenza di pubblico allo stadio. «Siamo soddisfatti - commenta Michele Campana, direttore generale dell'Fc Lugano -, si tratta di un passo nella giusta direzione. Un annuncio importante anche per i nostri abbonati: il 70% di loro ha già rinnovato anche per la prossima stagione, adesso speriamo che si possa aggiungere pure il rimanente 30%».

La Swiss Football League ha fissato la data d'inizio del nuovo campionato: si riprenderà a giocare il 12 settembre e ciò significa che le società dovranno rimanere in regime di massimo mille spettatori per altre due settimane… «Una prospettiva che non ci spaventa. D’altra parte non credo che la lega sia intenzionata a decidere di posticipare a ottobre l’inizio dei tornei. È per contro possibile - e lo si deciderà nel corso dei prossimi giorni - uno slittamento di una settimana: così facendo, ogni squadra avrebbe una sola partita casalinga a spettatori ridotti».

Rimane l’incognita dei cantoni, ai quali spetterà, in ultima analisi, decidere sulla possibilità di organizzare un evento con più di mille spettatori… «Mi auspico che la conferenza dei canoni stabilisca delle regole di base. Poi, ovviamente, ogni cantone farà le sue valutazioni in base alle infrastrutture chiamate in causa e alla situazione epidemiologica nella regione. Non credo che tutto ciò vada visto in un’ottica negativa, ritengo ovvio e giusto che siano le autorità locali a prendere le decisioni, in modo che se da qualche parte dovesse nascere un problema non debbano essere tutte le società a pagarne lo scotto».

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved